Home Neurologia Quali sono i pazienti che sviluppano disturbi psicotici correlati ad un trattamento...

Quali sono i pazienti che sviluppano disturbi psicotici correlati ad un trattamento antiepilettico?

423
0
L'elettroencefalogramma/Wikimedia commons

Sappiamo che i pazienti affetti da epilessia possono sviluppare disturbi psicotici, con un’incidenza che può superare fino a tre volte quella della popolazione generale. Questi disturbi della personalità possono però essere anche indotti anche dal trattamento farmacologico anti-comiziale. In questo caso la prevalenza è molto variabile, a seconda dei trattamenti considerati, e può aggirarsi tra l’1 e l’8%.

Esistono dei fattori caratteristici dei pazienti che aiutano a differenziare le psicosi legate ai farmaci da altre forme di psicosi?

adv

A questa domanda ha cercato di dare risposta uno studio pubblicato su Brain da un gruppo di ricercatori australiani. L’analisi di 2630 pazienti con epilessia ha portato ad identificare 98 soggetti con disturbi psicotici (3,7%). Di questi, 14 (14,3%) hanno avuto una diagnosi di disturbo psicotico indotto da farmaci antiepilettici.

L’età media di insorgenza dell’epilessia era 18,5 anni, mentre l’età media di insorgenza della psicosi era di 34,5 anni. Crisi epilettiche focali sono state identificate in 79 (80,6%) pazienti, mentre 19 (19,4%) avevano crisi convulsive generalizzate. Le psicosi non attribuite all’uso dei farmaci sono state di tipo interictale in 33 (33.7%) pazienti, post-ictale in 25 (25,5%), schizofrenia / schizofreniformi in 19 (19,4%), indotti da sostanze o farmaci non antiepilettici in 7 (7,1%).

Veniamo alle caratteristiche dei pazienti che sviluppavano psicosi indotta dai farmaci. Lo studio ha evidenziato che le caratteristiche salenti di questi pazienti erano: genere femminile, coinvolgimento del lobo temporale, uso corrente di levetiracetam. Al contrario, l’uso di carbamazepina non ha evidenziato associazioni con lo sviluppo di disturbi psicotici.

Si tratta di uno studio che aiuta non solo a rammentare l’incidenza relativamente alta dei disturbi psicotici nei pazienti epilettici, ma che induce inoltre a considerare con maggiore attenzione i casi indotti dai trattamenti farmacologici, caratterizzando i soggetti che sembrano esserne più facilmente affetti.

 

Brain: 139 (11)

 

Ziyi Chen, et al. Psychotic disorders induced by antiepileptic drugs in people with epilepsy. BRAIN 2016; 139:2668–2678. 

LIBERO ACCESSO

 

 

 

 

Articolo precedenteLa regolazione del dolore da parte delle cellule infiammatorie: una review.
Articolo successivoCellule senescenti e progressione dell’aterosclerosi: arriva la pillola della giovinezza.
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui