Home Macchine & Motori Presentata la barca defender dell’ORACLE TEAM USA per la prossima America’s Cup

Presentata la barca defender dell’ORACLE TEAM USA per la prossima America’s Cup

257
0

Le regate della 35° Coppa America sono sempre più vicine. L’edizione 2017 sarà ospitata dalle isole Bermuda ed inizierà con le qualificazioni “Louis Vuitton” il 26 maggio. La sfida finale con l’equipaggio vincitore della prima fase si svolgerà dal 17 giugno.

In questi giorni è stata presentata la barca del “defender”  ORACLE TEAM USA – BMW, che punta ad ottenere la terza vittoria consecutiva nella prestigiosa regata.

adv

Oltre quindici designer e cinquanta costruttori hanno contribuito alla realizzazione di questa barca che è in grado di veleggiare fino alla rispettabile velocità di 100 km/h. Come nell’edizione precedente la spinta sarà fornita dalla poco romantica, ma molto efficiente, vela alare. Anche la BMW ha avuto la sua parte nella progettazione, contribuendo con le sue competenze nei settori dell’aerodinamica e della costruzione con materiali leggeri, nonché nella progettazione del timone, derivato dal mondo dei motori.

Lo skipper del team sarà ancora una volta Jimmy Spithill, che sarà impegnato a regolare vela e lamine per planare sull’acqua e raggiungere la massima velocità consentita dal vento. Un sistema così efficiente, da poter sfruttare e moltiplicare l’effetto anche di un minimo refolo di vento. Da questa settimana la barca scenderà in acqua ed inizierà la fase di messa a punto finale prima dell’inizio delle regate.

Gli sfidanti dell’edizione di quest’anno della Coppa America saranno:  Artemis Racing (skipper Nathan Outteridge), Emirates Team New Zealand (skipper Glenn Ashby), Groupama Team France (skipper Franck Cammas), Land Rover BAR (skipper Ben Ainslie) e SoftBank Team Japan (skipper Dean Barker).

Grande assente l’Italia, che dopo anni gloriosi ai vertici della competizione, non è riuscita a coagulare interessi, esperienza e competenze per portare in acqua una barca competitiva e affrontare la sfida.

 

 

Articolo precedenteGli anziani ipertesi: è giustificato un trattamento intensivo?
Articolo successivoPolmoniti acquisite in comunità e rischio di scompenso cardiaco
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui