Home Macchine & Motori Cabrio, ma di lusso: la nuova Mercedes Classe E Cabriolet

Cabrio, ma di lusso: la nuova Mercedes Classe E Cabriolet

500
0
Mercedes-Benz E-Klasse Cabriolet; 2017

Rispetto al modello precedente la nuova Cabriolet della casa di Stoccarda è decisamente più grande, con oltre un metro in più di lunghezza e circa 70 centimetri in più di larghezza.

La capote insonorizzante in tessuto garantisce un buon comfort climatico e acustico. Grazie al sistema frangivento elettrico AIRCAP e al riscaldamento per la zona della testa AIRSCARF, la Classe E Cabriolet offre puro piacere open-air anche nelle giornate più fredde.

adv

Con la capote chiusa la Classe E Cabriolet riprende la silhouette della Classe E Coupé: presenta le stesse proporzioni espressive e il design pulito che gioca sulla dimensione orizzontale attraverso linee essenziali.

Il frontale presenta la mascherina del radiatore Matrix in posizione ribassata e la Stella centrale, i fari a LED High Performance, il cofano motore lungo con powerdome e i finestrini senza cornice completamente abbassabili.

La capote ha un lunotto in cristallo che si raccorda con la parte posteriore della vettura. Una novità è rappresentata dall’animazione delle luci di posizione posteriori, che salutano il proprietario all’apertura e alla chiusura della vettura illuminandosi con una particolare sequenza.

Il carattere sportivo della Classe E Cabriolet è accentuato anche dall’assetto, più basso di 15 millimetri rispetto alla berlina: anche con pneumatici di serie da 17 pollici la vettura ha già un assetto sportivo.

La capote in tessuto è fornita di serie in versione insonorizzante completamente automatica. La sua struttura a più strati, fatta di materiali fonoassorbenti di alta qualità, riduce i fruscii di marcia e aerodinamici, offrendo così agli occupanti un’ottima comprensibilità delle conversazioni anche a velocità sostenute. La struttura della capote si ripercuote positivamente anche sul comfort climatico, garantendo alla cabriolet un’idoneità d’uso illimitata in ogni periodo dell’anno.

Derivata dalla Classe S Cabriolet, la capote soddisfa inoltre requisiti qualitativi elevati in quanto a durata e funzionamento. Si apre e si chiude completamente in 20 secondi fino a una velocità di 50 km/h. Dopo l’apertura si ripiega nel proprio alloggiamento all’interno del bagagliaio. Un avvolgibile separa la capote dal restante spazio del bagagliaio. Con la gestione completamente elettrica, funzione che fa parte del pacchetto “Comfort cabriolet”, il guidatore non è costretto a fermarsi per azionare manualmente il divisorio del bagagliaio. Il bagagliaio ha un volume di 385 litri (310 con il tetto aperto). Una novità è rappresentata dagli schienali dei sedili posteriori, ribaltabili nel rapporto 50:50, che offrono una possibilità di carico passante nell’abitacolo, incrementando ulteriormente l’idoneità all’uso quotidiano.

Gli interni della nuova Classe E Cabriolet sono particolarmente eleganti e presentano due display ad alta definizione da 12,3 pollici sotto un unico vetro di copertura e con una risoluzione di 1920 x 720 pixel.

Il guidatore può scegliere fra tre diverse visualizzazioni della strumentazione: «Classica», «Sportiva» e «Moderna».

Il modello base abbina due strumenti circolari e un display a colori combinato da 7 pollici a un display centrale con diagonale dello schermo di 8,4 pollici. Gli strumenti circolari, la strumentazione e il display centrale sono circoscritti da un’unica cornice in look laccato lucido a specchio.

Per gestire la strumentazione, il sistema multimediale e altre funzioni, il guidatore ha a disposizione diverse possibilità: pulsanti touch control sul volante per gestire le funzioni mediante movimenti delle dita; touchpad con riconoscimento dei segni grafici e controller nella consolle centrale; sistema di comando vocale VOICETRONIC e tasti di selezione diretta, ad esempio per gestire le funzioni del climatizzatore e per attivare e disattivare comodamente determinati sistemi di assistenza alla guida.

Le motorizzazioni in sintesi

Tutti e quattro i sedili hanno una conformazione sportiva, ed hanno un sistema di riscaldamento per la zona della testa AIRSCARF, disponibile a richiesta. I porgicintura automatici anteriori sono di serie. I sedili posteriori sono disponibili anche con riscaldamento, aspetto che rafforza l’idoneità all’uso per l’intero arco dell’anno e conferma il carattere di vera e propria quattro posti.

Il sistema frangivento AIRCAP si compone di un modulo elettrico a lamelle integrato discretamente nel telaio del tetto e di un frangivento elettrico posizionato dietro i sedili posteriori. Questo sistema, attivabile con la pressione di un tasto, riduce le turbolenze all’interno dell’abitacolo anche per i passeggeri posteriori.

E’ possibile scegliere tra cinque motorizzazioni a benzina e diesel, anche in combinazione con la trazione integrale permanente 4MATIC, e tutte con il cambio automatico a nove marce 9G-TRONIC.

Dal coupé è stata ripresa l’intelligente struttura leggera ibrida in alluminio. La maggior parte dei componenti della scocca è in alluminio pressofuso e lamiera di acciaio. Parafango anteriore, cofano motore e cofano bagagliaio sono realizzati in lamiera di alluminio.

In caso di incidente la vettura è dotata di un’ampia gamma di sistemi di protezione, tra cui i pretensionatori pirotecnici e i limitatori della forza di ritenuta delle cinture su tutti i sedili, e un airbag per torace e bacino per guidatore e passeggero anteriore. Fa parte della dotazione specifica del modello cabriolet il sistema di protezione in caso di cappottamento, costituito da due cassette, collocate dietro ai sedili posteriori, in posizione completamente incassata. Di fronte a un rischio di cappottamento, un dispositivo di innesco pirotecnico fa fuoriuscire le due cassette che, insieme ai montanti anteriori, garantiscono uno spazio di sopravvivenza per i passeggeri.

Tra gli equipaggiamenti a richiesta figurano il pacchetto sistemi di assistenza alla guida, con il sistema di regolazione autonoma della distanza DISTRONIC, dotato di sistema di sterzata autonoma: su ogni tipo di strada è in grado di mantenere la distanza corretta dai veicoli che precedono e, per la prima volta, anche di seguirli automaticamente nell’intervallo di velocità fino a 210 km/h, aiutando così il guidatore a rimanere al centro della propria carreggiata.

 

Articolo precedenteExpert focus: i biomarcatori nello scompenso cardiaco. Intervista con il Prof. F.Tona
Articolo successivoSostituzione valvolare aortica transcatetere: più procedure si eseguono, migliori risultati si ottengono
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui