Home Astronomia Per la prima volta rilevato elio in un esopianeta, grazie al telescopio...

Per la prima volta rilevato elio in un esopianeta, grazie al telescopio Hubble

362
0
The exoplanet WASP-107b is a gas giant, orbiting a highly active K-type main sequence star. The star is about 200 light-years from Earth. Using spectroscopy, scientists were able to find helium in the escaping atmosphere of the planet — the first detection of this element in the atmosphere of an exoplanet. Credit: ESA/Hubble, NASA, M. Kornmesser.

Gli astronomi che utilizzano il telescopio spaziale Hubble della NASA / ESA hanno rilevato la presenza di elio nell’atmosfera dell’esopianeta WASP-107b. È la prima volta che questo elemento viene rilevato nell’atmosfera di un pianeta al di fuori del Sistema Solare. La scoperta dimostra la capacità di utilizzare spettri infrarossi per studiare le atmosfere estese di un pianeta extrasolare.

Il team internazionale di astronomi, guidato da Jessica Spake, studentessa di dottorato presso l’Università di Exeter nel Regno Unito, ha utilizzato la Wide Field Camera 3 di Hubble per scoprire l’elio nell’atmosfera dell’esopianeta WASP-107b.

adv

Spake spiega l’importanza della scoperta: “L’elio è il secondo elemento più comune nell’universo dopo l’idrogeno. È anche uno dei principali costituenti dei pianeti Giove e Saturno nel nostro sistema solare. Tuttavia, fino ad ora l’elio non era stato rilevato negli esopianeti, nonostante le ricerche. ”

Il team ha effettuato il rilevamento analizzando lo spettro infrarosso dell’atmosfera di WASP-107b. Precedenti rilevazioni di atmosfere extrasolari extraterrestri sono state effettuate studiando lo spettro a lunghezze d’onda ultraviolette e ottiche; questo rilevamento dimostra quindi che anche le atmosfere di pianeti extrasolari possono essere studiate a lunghezze d’onda maggiori.

“Il forte segnale dell’elio che abbiamo misurato dimostra una nuova tecnica per studiare gli strati superiori delle atmosfere di pianeti extrasolari in una gamma più ampia di pianeti”, afferma Spake. “I metodi attuali, che utilizzano la luce ultravioletta, sono limitati ai pianeti extrasolari più vicini. Sappiamo che c’è dell’elio nell’atmosfera superiore della Terra e questa nuova tecnica potrebbe aiutarci a rilevare atmosfere attorno ad esopianeti di dimensioni terrestri – il che è molto difficile con la tecnologia attuale “.

WASP-107b è uno dei pianeti a più bassa densità conosciuti: mentre ha le stesse dimensioni di Giove, ha solo il 12% della sua massa. L’esopianeta è a circa 200 anni luce dalla Terra e impiega meno di sei giorni per orbitare attorno alla sua stella ospite.

La quantità di elio rilevata nell’atmosfera di WASP-107b è così grande che la sua atmosfera superiore deve estendersi per decine di migliaia di chilometri nello spazio. Poiché la sua atmosfera è così estesa, il pianeta sta perdendo una quantità significativa dei suoi gas atmosferici nello spazio – tra circa lo 0,1-4% della massa totale della sua atmosfera ogni miliardo di anni.

Già nel 2000, si prevedeva che l’elio sarebbe stato uno dei gas più facilmente rilevabili sui pianeti extrasolari giganti, ma fino ad ora le ricerche non avevano avuto successo.

David Sing, co-autore dello studio presso l’Università di Exeter, conclude: “Il nostro nuovo metodo, insieme ai futuri telescopi come il telescopio spaziale James Webb NASA / ESA / CSA, ci consentirà di analizzare atmosfere di esopianeti lontani in maggiore dettaglio che mai”.

 

 

Articolo precedenteScreening per il carcinoma prostatico: sul filo dell’incertezza. Le nuove raccomandazioni della “US Preventive Services Task Force”
Articolo successivoRischio di BPCO e fumo: contano più gli anni trascorsi a fumare che il numero di sigarette fumate
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui