Home Igiene Gli aiuti umanitari dell’OMS in uno Yemen al collasso

Gli aiuti umanitari dell’OMS in uno Yemen al collasso

270
0

Mentre la crisi nel governatorato di Al-Hudayda si intensifica, il numero di persone bisognose di aiuti umanitari continua ad aumentare. Prima dell’escalation dei conflitti, le condizioni di salute in questa regione erano tra le peggiori del paese. Oggi, un certo numero di distretti di Al-Hudaydah riportano il più alto numero di casi di colera sospetta, così come i più alti tassi di malnutrizione acuta e cronica nel paese.

“L’OMS sta supportando due ospedali pubblici nella città di Al-Hudaydah (Al Thawra e Al Olifi) e due ospedali distrettuali alla periferia della città (Bait Al Faqiah e Zabib), assicurandosi che abbiano la capacità di ricevere e curare i pazienti con traumi. Le forniture mediche per i traumi sono state inviate settimane fa. Ora stiamo continuando a fornire assistenza attraverso la fornitura di ambulanze e il rapido dispiegamento di squadre mobili, per raggiungere persone che non possono viaggiare in strutture mediche e stiamo lavorando per stabilire punti di stabilizzazione dei traumi in aree critiche “, ha affermato il dott. Nevio Zagaria, rappresentante dell’OMS in Yemen.

adv

L’OMS sostiene anche sette centri di alimentazione terapeutica nel governatorato per il trattamento di bambini affetti da malnutrizione acuta grave, con complicanze mediche. Ulteriori medicine e forniture per 200.000 visite mediche, compresi i medicinali per il colera, sono state pre-posizionate per essere consegnate secondo necessità, e i governatorati circostanti sono stati messi in stato di allerta e dotati di forniture e medicinali per il trattamento del colera, in particolare per migliaia di gli sfollati che escono da Al-Hudaydah.

“La situazione nella città di Al-Hudaydah diventa ogni giorno più pericolosa. E mentre il destino di questo paese viene discusso sulla scena internazionale, la realtà sul terreno è molto più oscura. Con l’aggravarsi del conflitto, deve incrementare la risposta sanitaria. I servizi sanitari di base devono essere garantiti ai più vulnerabili, come madri e bambini, e ai pazienti affetti da patologie croniche come il diabete e l’ipertensione.”

“Il sistema sanitario dello Yemen è estremamente fragile, quindi qualsiasi incidente aggiuntivo ha il potenziale per sopraffare le capacità esistenti. Il movimento della popolazione da Al-Hudaydah sta creando pressione sulle strutture sanitarie operative e sulle reti idriche e igienico-sanitarie nelle comunità ospitanti. Le risorse idriche locali sono state danneggiate dal conflitto, aumentando e il rischio di colera e malattie trasmesse dall’acqua quando le persone si recano a fonti di acqua potenzialmente pericolose”, ha aggiunto la dott.ssa Zagaria.

Anche prima dell’inizio della crisi, l’OMS aveva consegnato forniture sufficienti per 500 interventi chirurgici maggiori e minori a quattro ospedali di Al-Hudaydah; ha schierato 9 squadre chirurgiche; ha formato 165 operatori sanitari sulla gestione degli eventi di massa e sulla cura della salute mentale; ha fornito più di 100.000 litri di carburante a 7 ospedali e 450.000 litri di acqua a tre ospedali.

 

Articolo precedenteUna Lamborghini Miura rimessa a nuovo
Articolo successivoL’enzima di conversione dell’angiotensina 2 nel trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui