Home Cardiologia Molto più alti rischio cardiovascolare e mortalità in pazienti con diabete tipo...

Molto più alti rischio cardiovascolare e mortalità in pazienti con diabete tipo 1 diagnosticato in giovane età

340
0

Quando la diagnosi di diabete di tipo 1 viene posta in giovane età, è più alto il rischio di eventi cardiovascolari e maggiore è la mortalità, rispetto alla diagnosi in età avanzata, indipendentemente dalla durata della malattia. Sono queste le conclusioni cui è giunto un recente studio osservazionale svedese, pubblicato su The Lancet, che ha seguito oltre 27.000 individui con diabete di tipo 1 e oltre 135.000 controlli abbinati nel corso di un follow-up medio di 10 anni.

Con circa la metà delle persone con diabete di tipo 1 diagnosticato prima dei 14 anni, gli autori sottolineano la necessità di prendere in considerazione un più ampio e precoce utilizzo di misure cardioprotettive, come le statine e i farmaci antipertensivi, in questa popolazione ad alto rischio.

adv

“Sebbene il rischio relativo di malattie cardiovascolari sia aumentato dopo una diagnosi precoce di diabete, il rischio assoluto è basso”, afferma il dott. Araz Rawshani dell’Università di Göteborg in Svezia, che ha co-diretto la ricerca. “Tuttavia, l’età all’esordio della malattia sembra essere un importante fattore determinante della sopravvivenza e degli esiti cardiovascolari nella prima età adulta, giustificando la considerazione di un trattamento preventivo con farmaci cardioprotettivi.”

Diabete tipo 1: età alla diagnosi e rischio cardiovascolare

Le nuove stime suggeriscono che gli individui diagnosticati prima dei 10 anni hanno un rischio 30 volte maggiore di gravi esiti cardiovascolari come infarto (0,31 casi per 100.000 anni / anno per i partecipanti con diabete vs 0,02 casi ogni 100.000 anni-persona per i controlli) e malattie cardiache (0,5 vs 0,03) rispetto a quelle della popolazione generale, mentre i livelli di rischio sono circa sei volte più alti per le persone diagnosticate tra i 26 ei 30 anni (0,87 vs 0,25 e 1,80 vs 0,46 rispettivamente).

Le persone con diabete di tipo 1 di insorgenza più giovane hanno quattro volte più probabilità di morire per qualsiasi causa (0,61 vs 0,17) e hanno più di sette volte il rischio di morire di malattia cardiovascolare (0,09 vs 0,02) rispetto alle loro controparti senza diabete. Al contrario, le persone diagnosticate per la prima volta tra i 26 ei 30 anni affrontano un rischio inferiore (triplo) di morire per qualsiasi causa (1,9 vs 0,6) e malattie cardiovascolari (0,56 vs 0,15) rispetto ai loro coetanei senza diabete.

Il professor Naveed Sattar, co-autore, University of Glasgow (Regno Unito), spiega: “Mentre i livelli di rischio assoluto sono più alti negli individui che sviluppano il diabete quando sono anziani, semplicemente perché l’età è un forte fattore di rischio, il rischio in eccesso rispetto ai controlli sani è molto più alto in coloro che hanno sviluppato il diabete quando più giovane. Se questo più alto rischio in eccesso persiste nel tempo in tali individui, ci si aspetterebbe di avere rischi assoluti più elevati in un’età successiva. Infatti, coloro che sviluppano il diabete di tipo 1 quando hanno meno di 10 anni avranno una minore aspettativa di vita rispetto ai controlli sani. Questo è qualcosa che non avevamo pienamente apprezzato prima.”

L’impatto del diabete di tipo 1 sui giovani non dovrebbe essere sottovalutato. Gli autori sottolineano come nelle future linee guida sarà probabilmente necessario prendere in considerazione questi dati e formulare raccomandazioni specifiche per il diabete diagnosticato in giovane età.

Il diabete tipo 1 nei bambini

Il diabete mellito di tipo 1 è la seconda malattia cronica più comune nei bambini, che rappresenta l’85% del diabete in chi ha meno di 20 anni. Ma non è insolito sviluppare la malattia in età adulta. A livello mondiale, l’incidenza del diabete di tipo 1 nei bambini di età pari o inferiore a 14 anni è aumentata del 3% all’anno dal 1980.

Diabete tipo 1 ed età di insorgenza: lo studio

È noto che le persone con diabete di tipo 1 sono ad aumentato rischio di problemi di salute e hanno aspettative di vita più brevi, in parte a causa di malattie cardiovascolari premature. Ma fino ad ora l’impatto dell’età della diagnosi su questa mortalità in eccesso e sul rischio cardiovascolare non era chiaro.

Per indagare su questo aspetto, i ricercatori hanno calcolato il rischio in eccesso di mortalità per tutte le cause, mortalità cardiovascolare, infarto acuto, ictus, malattia cardiovascolare, malattia coronarica, insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale in 27.195 individui derivati dal Registro nazionale svedese del diabete. Un gruppo di 135.178 soggetti abbinati per età, sesso e contea (età media 29 anni) hanno formato un gruppo di controllo.

Gli individui con diabete sono stati divisi in gruppi per età alla diagnosi: 0-10 anni, 11-15 anni, 16-20 anni, 21-25 anni e 26-30 anni. Sono stati seguiti per una media di 10 anni.

I risultati hanno dimostrato come i rischi e la sopravvivenza cardiovascolari erano fortemente correlati all’età di insorgenza della malattia. Le persone diagnosticate prima dei 10 anni, avevano un rischio cinque volte maggiore di infarto e malattia coronarica rispetto a quelle diagnosticate all’età di 26-30 anni. Il gruppo più giovane ha anche avuto un rischio molto più elevato di insufficienza cardiaca e ictus rispetto ai coetanei senza diabete e quelli diagnosticati ad un’età più avanzata.

I rischi di eccesso erano particolarmente pronunciati nelle donne. Quelle con diagnosi prima dei 10 anni hanno evidenziato un rischio 60 volte maggiore di malattie cardiache (0,48 casi ogni 100.000 anni per i partecipanti con diabete vs 0,02 casi ogni 100.000 anni-persona per i controlli) e un rischio 90 volte maggiore di infarto rispetto ai controlli corrispondenti (0,25 vs 0,01). In confronto, gli uomini con diabete giovanile hanno un rischio 17 volte maggiore di sviluppare malattie cardiache e un rischio 15 volte più elevato di avere un infarto in età adulta rispetto a quelli nella popolazione generale (0,53 vs 0,05 e 0,36 vs 0,03).

Queste stime per la malattia a esordio precoce sono sostanzialmente più alte di quelle recentemente proposte dall’American Heart Association e dall’American Diabetes Association, che non considerano l’età di esordio per stratificare il rischio. In questo caso viene indicato che le donne con diabete di tipo 1 sono sette volte più a rischio e gli uomini tre volte più a rischio di sviluppare malattie cardiache.

Anche l’aspettativa di vita era nettamente più breve per le donne con diabete di tipo 1. Le donne che sviluppano la condizione prima dei 10 anni muoiono in media circa 18 anni prima delle loro controparti senza diabete (aspettativa di vita media 70,9 anni contro 88,6 anni) Gli uomini con diabete di tipo 1 ad esordio precoce muoiono circa 14 anni prima (69,1 anni contro 83,3 anni). Gli individui diagnosticati a 26-30 anni perdono, in media, circa 10 anni di vita.

Diabete tipo 1 e diagnosi precoce: le interpretazioni degli autori

Gli autori ipotizzano che la perdita di cellule beta sia più grave e rapida tra coloro che presentano un inizio di malattia in età più giovane. Questo sarebbe un fattore che contribuisce al maggiore rischio di morte cardiovascolare. Anche un’esposizione prolungata a livelli elevati di glucosio, in individui che sviluppano il diabete quando bambini, potrebbe contribuire a creare un maggior rischio di malattie cardiache. Tuttavia, gli autori riconoscono che i loro risultati mostrano associazioni osservazionali, piuttosto che causa ed effetto.

Il professor Sattar aggiunge: “Le persone con diabete ad insorgenza precoce dovrebbero essere più spesso prese in considerazione per un trattamento con farmaci cardioprotettivi, come le statine e i farmaci che abbassano la pressione sanguigna, quando raggiungono i 30-40 anni di età. Attualmente, solo circa il 10-20% delle persone con diabete di tipo 1 sta assumendo statine a 40 anni. Inoltre, il miglioramento del controllo glicemico e dei programmi per smettere di fumare potrebbe prolungare significativamente la vita di questi individui. La buona notizia, tuttavia, è che i recenti progressi tecnologici stanno aiutando i pazienti più giovani a gestire meglio i loro livelli di glucosio.”

Gli autori precisano alcune limitazioni dello studio, tra cui il fatto che non avevano informazioni sul controllo glicemico dei pazienti, prima dell’iscrizione al registro. Inoltre, hanno incluso solo pazienti che avevano la condizione per 20 anni o meno, per fornire confronti contemporanei di rischio cardiovascolare.

 

Cover image volume 392, Issue 10145

 

Araz Rawshani, et al. Excess mortality and cardiovascular disease in young adults with type 1 diabetes in relation to age at onset: a nationwide, register-based cohortstudy. Lancet 2018; 392: 477–86.

 

 

 

 

Articolo precedenteLa Grand Cherokee Upland arriva in vetrina
Articolo successivoConsumo di alcol e demenza: una relazione dai forti contrasti
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui