Home Macchine & Motori BMW summer school: una grande opportunità giovani informatici, ingegneri e matematici

BMW summer school: una grande opportunità giovani informatici, ingegneri e matematici

282
0

Durante il programma interdisciplinare della BMW Summer School 2018, 34 studenti di dottorato internazionali, colleghi di ricerca ed esperti del settore hanno condiviso le loro visioni e discusso degli attuali progressi e sfide nel campo dell’Emotion-Aware Vehicle Assistants (EVA).

La BMW Summer School

La BMW Summer School 2018 è stata creata congiuntamente con l’Università franco-tedesca (TUM), EURECOM, l’Università tecnica di Monaco e BayFrance sotto l’egida dell’Accademia francese tedesca per l’industria del futuro di TUM e IMT (Institut Mines-Télécom).

adv

In occasione del 150 ° anniversario della TUM, la BMW Summer School si è tenuta presso il Centro di ricerca e scienze TUM Raitenhaslach, dal 29 luglio al 3 agosto 2018. I candidati erano stati invitati a presentare le loro ricerche in settori pertinenti, come la progettazione dell’interazione utente, modelli cognitivi, analisi dei dati per i sistemi sensibili all’emozione, psicologia dei passeggeri in veicoli autonomi, mente umana ed etica dei sistemi sensibili all’emozione entro il 15 maggio 2018.

La mobilità è attualmente dominata da una serie di potenti tendenze

I progressi nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento automatico sono essenziali per la guida autonoma e l’ascesa di veicoli pienamente connessi. Un ampio spettro di servizi intelligenti per l’organizzazione della mobilità personale e la fornitura di funzionalità che vanno ben oltre l’auto vengono sviluppati e gestiti per i clienti dagli Intelligent Personal Assistant emergenti. I partecipanti alla BMW Summer School di quest’anno hanno avuto l’opportunità di ascoltare, condividere e conoscere argomenti di ricerca e attuali frontiere nel campo della machine intelligence.

Summer School promuove l’interazione tra ricerca accademica e industria in tre tracce principali del programma

Relatori ospiti come Alexander Zadorojniy dell’IBM Research Lab Haifa e Mohammed Ezz di Affectiva, hanno condiviso e discusso le loro idee con i partecipanti. Nelle sessioni di approfondimento, i piccoli gruppi di studenti hanno discusso argomenti come i metodi di apprendimento automatico in auto autonome e servizi di mobilità intelligente insieme a colleghi di ricerca ed esperti del settore.

Gli studenti di dottorato hanno poi presentato la propria ricerca al pubblico interdisciplinare. “Mentre tutte le presentazioni erano grandiose, nella competizione di quest’anno sul miglior poster di ricerca, Francesco Walker dell’università di Twente ha convinto il nostro comitato scientifico con la sua idea di ricerca, sui benefici dello spazio peripersonale esteso durante la guida automatizzata” ha affermato il dott. Hans-Jörg Vögel, responsabile della ricerca sull’intelligenza artificiale e dei servizi cognitivi del BMW Group.

La “Lean Startup Machine“, la terza traccia del programma, ha offerto ai giovani ricercatori l’opportunità di sviluppare nuove idee innovative, utilizzando metodi di lavoro di start-up agili come il design thinking. Successivamente, i gruppi hanno presentato le loro idee al pubblico in un formato pitching competitivo. “La Lean Startup Machine è un vero e proprio boot camp per idee innovative. Il team vincente ha mostrato un eccezionale lavoro di squadra e comprensione del design e dei metodi di pensiero snello, immaginando un concetto di mobilità modulare per le aree urbane”, ha detto Esa Nettamo, del Digitalist Group, che ha fornito un intenso supporto nella preparazione della traccia Lean Startup Machine.

Oltre alle tre tracce principali del programma, gli studenti hanno utilizzato l’atmosfera informale degli eventi serali per parlare delle opportunità di carriera accademica e industriale con il Prof. Jörg Ott della TU di Monaco, il Prof. Jacques Terken di TU Eindhoven e Kai Demtröder, Vice Presidente BMW Group IT per Connected Car, Digital Backend, Big Data e Blockchain.

“Ancora una volta, abbiamo vissuto un’atmosfera molto creativa, collaborativa e stimolante. Una delle ragioni è sicuramente il gruppo interdisciplinare e internazionale di partecipanti che rende la Summer School un così grande forum di discussione sulle tecnologie digitali e sulla mobilità del futuro “, ha affermato il professor Ulrich Finger, direttore di EURECOM. Hanno partecipato quest’anno 34 studenti di dottorato di ricerca provenienti da 18 paesi diversi in Asia, Africa, Nord e Sud America, oltre che Europa, con background educativi che vanno dall’Informatica alla Meccanica, Elettrica, Ingegneria Informatica e Matematica. Il 50% degli studenti partecipanti ha ricevuto sovvenzioni per il viaggio, tenendo conto delle pari opportunità, delle regioni sottorappresentate e dell’eccellenza accademica.

 

 

 

Articolo precedenteConsumo di alcol e demenza: una relazione dai forti contrasti
Articolo successivoNuove immagini della cometa Churyumov-Gerasimenko, ottenute dalla sonda Rosetta
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui