Home Astronomia Parker Solar Probe: in rotta verso il sole

Parker Solar Probe: in rotta verso il sole

2
0
The United Launch Alliance Delta IV Heavy rocket launches NASA's Parker Solar Probe to touch the Sun, Sunday, Aug. 12, 2018, from Launch Complex 37 at Cape Canaveral Air Force Station, Florida. Parker Solar Probe is humanity’s first-ever mission into a part of the Sun’s atmosphere called the corona. Here it will directly explore solar processes that are key to understanding and forecasting space weather events that can impact life on Earth. Credits: NASA/Bill Ingalls

Ore prima del sorgere della stella che studierà, la sonda solare Parker della NASA è stata lanciata dalla Florida, lo scorso 12 agosto, per iniziare il suo viaggio verso il Sole, dove intraprenderà una missione fondamentale.

La navicella trasmetterà le sue prime osservazioni scientifiche a dicembre, dando inizio a una rivoluzione nella nostra comprensione della stella che rende possibile la vita sulla Terra.

Circa delle dimensioni di una piccola auto, la navicella spaziale è decollata alle 3:31 pm EDT su un razzo United Launch Alliance Delta IV, dallo Space Launch Complex-37, alla stazione di Cape Canaveral. Alle 5:33 am, il responsabile delle operazioni della missione ha riferito che il veicolo spaziale era in buona salute e che operava normalmente.

Le scoperte della missione aiuteranno i ricercatori a migliorare le loro previsioni sugli eventi meteorologici spaziali, che hanno il potenziale di danneggiare i satelliti e gli astronauti in orbita, di interrompere le comunicazioni radio e, nei casi più gravi, sconvolgere le reti elettriche.

“Questa missione segna davvero il primo sguardo dell’umanità a una stella, con implicazioni non solo qui sulla Terra, ma come comprenderemo meglio il nostro universo”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione della missione scientifica della NASA. “Abbiamo realizzato qualcosa che decenni fa, viveva esclusivamente nel campo della fantascienza”.

Durante la prima settimana del suo viaggio, il veicolo spaziale schiererà l’antenna ad alto guadagno e il braccio del magnetometro. Effettuerà anche il primo di un dispiegamento in due parti delle sue antenne di campo elettrico. I test strumentali inizieranno all’inizio di settembre e dureranno circa quattro settimane, dopo le quali Parker Solar Probe potrà iniziare le operazioni scientifiche vere e proprie.

“Il lancio di oggi è stato il culmine di sei decenni di studi scientifici e milioni di ore di lavoro”, ha dichiarato il project manager Andy Driesman, del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University (APL) a Laurel, nel Maryland. “Ora Parker Solar Probe funziona normalmente e sta per iniziare una missione di sette anni di scienza estrema.”

Nei prossimi due mesi, Parker Solar Probe volerà verso Venere, eseguendo il suo primo Venus gravity assist ai primi di ottobre Si tratta di una manovra delicata, un po’ come girare tirando il freno a mano. Così l’astronave sfrutterà la gravità di Venere per accelerare attorno al pianeta e imboccare l’orbita più stretta intorno al sole

Questo primo flyby posizionerà Parker Solar Probe in posizione all’inizio di novembre per volare a quasi 15 milioni di miglia dal Sole, all’interno dell’atmosfera infuocata della stella, conosciuta come la corona.

Durante la sua missione di sette anni, Parker Solar Probe farà altri 6 voli intorno a Venere e 24 passaggi totali sul Sole, viaggiando sempre più vicino al Sole fino a raggiungere le 3,8 milioni di miglia. A questo punto, la sonda si sposterà a circa 430.000 miglia all’ora, stabilendo il record come oggetto in movimento più veloce realizzato dall’umanità.

Parker Solar Probe metterà gli occhi sulla corona del Sole per risolvere i misteri fondamentali della nostra stella. Qual è il segreto della corona rovente, che è più di 300 volte più calda della superficie del Sole, migliaia di miglia sottostanti? Cosa guida il vento solare supersonico – il flusso costante di materiale solare che soffia attraverso l’intero sistema solare? E infine, cosa accelera le particelle energetiche solari, che possono raggiungere velocità superiori alla metà della velocità della luce mentre si allontanano dal Sole?

Gli scienziati hanno cercato queste risposte per più di 60 anni, ma la ricerca richiede l’invio di una sonda attraverso il calore inesorabile della corona. Oggi, questo è finalmente possibile con avanzamenti tecnologici all’avanguardia che possono proteggere la missione nel suo audace viaggio.

“Esplorare la corona del Sole con un veicolo spaziale è stata una delle sfide più difficili per l’esplorazione dello spazio”, ha dichiarato Nicola Fox, project scientist dell’APL. “Saremo finalmente in grado di rispondere alle domande sulla corona e il vento solare sollevati da Gene Parker nel 1958 – usando una navicella spaziale che porta il suo nome – e non vedo l’ora di scoprire quali scoperte facciamo.”

Parker Solar Probe trasporta quattro suite di strumenti progettate per studiare campi magnetici, particelle di plasma ed energetiche e catturare immagini del vento solare. L’Università della California, Berkeley, l’U.S. Naval Research Laboratory di Washington, l’Università del Michigan ad Ann Arbor e la Princeton University nel New Jersey guidano queste indagini.

Parker Solar Probe fa parte del programma Living with a Star della NASA per esplorare aspetti del sistema Sole-Terra che influenzano direttamente la vita e la società. Il programma Living with a Star è gestito dal Goddard Space Flight Center dell’agenzia a Greenbelt, nel Maryland, per la Direzione della missione scientifica della NASA a Washington. APL ha progettato e costruito la navicella spaziale, e la gestisce.

La missione prende il nome da Eugene Parker, il fisico che per primo teorizzò l’esistenza del vento solare nel 1958. È la prima missione della NASA a prendere il nome di una ricercatrice vivente.

 

Guarda il video che riassume il programma della missione Parker Solar Probe.

 

 

 

Articolo precedenteMalattia di Alzheimer: il ruolo del sistema linfatico cerebrale
Articolo successivoDolore articolare: un nuovo possibile trattamento all’orizzonte
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

cinque + 8 =