Lanciato Aeolus: il satellite che misura i venti terrestri

Il satellite Earth Explorer Aeolus dell’ESA è stato lanciato in orbita polare su un razzo Vega. Utilizzando la rivoluzionaria tecnologia laser, Eolo misurerà i venti in tutto il mondo e svolgerà un ruolo chiave nella ricerca per comprendere meglio il funzionamento della nostra atmosfera. È importante sottolineare che questa nuova missione migliorerà anche le previsioni meteorologiche.

Portando il satellite Aeolus da 1360 kg, il razzo Vega è decollato dallo Spaceport europeo a Kourou, nella Guyana francese lo scorso 22 agosto. Circa 55 minuti dopo, lo stadio superiore di Vega ha rilasciato Aeolus in orbita e il contatto è stato stabilito attraverso la stazione di terra Troll in Antartide.

Aeolus rivela tutto

Prende il nome da Eolo, che nella mitologia greca è stato nominato “custode dei venti” dagli Dei. Questa nuova missione è la quinta nella famiglia degli Earth Explorers dell’ESA, che affrontano le più urgenti questioni di scienza della Terra del nostro tempo.

“Eolo incarna l’essenza di un esploratore della terra. Colmerà una lacuna nella nostra conoscenza di come il pianeta funzioni e dimostrerà come la tecnologia all’avanguardia possa essere utilizzata nello spazio”, ha dichiarato Jan Wörner, direttore generale dell’ESA.

Il direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’ESA, Josef Aschbacher, ha aggiunto: “Aeolus è il primo strumento del suo genere e utilizza un approccio completamente nuovo per misurare il vento dallo spazio. Una tecnologia così pionieristica ha significato una missione impegnativa da sviluppare, ma grazie a tutte le squadre coinvolte siamo entusiasti che questo straordinario satellite sia ora in orbita. Non vediamo l’ora che sia all’altezza delle aspettative!”

I venti della terra

Come evidenziato dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, la mancanza di misurazioni dirette del vento globale è uno dei principali deficit del sistema di osservazione meteorologico per la Terra.

Riempiendo questa lacuna, Aeolus fornirà agli scienziati le informazioni di cui hanno bisogno per capire come il vento, la pressione, la temperatura e l’umidità siano interconnessi.

Questa nuova missione fornirà informazioni su come il vento influenza lo scambio di calore e umidità tra la superficie terrestre e l’atmosfera – aspetti importanti per comprendere il cambiamento climatico.

Aeolus porta uno degli strumenti più sofisticati mai messi in orbita. Il primo del suo genere, lo strumento Aladin include una tecnologia laser rivoluzionaria per generare impulsi di luce ultravioletta che vengono irradiati nell’atmosfera per profilare i venti del mondo – un approccio completamente nuovo per misurare il vento dallo spazio.

La profilatura dei venti del mondo

Mentre Aeolus è destinato a promuovere la scienza, le informazioni raccolte andranno anche a beneficio della società.

Sebbene le previsioni del tempo siano notevolmente migliorate negli ultimi anni, Aeolus fornirà profili del vento globali per migliorare ulteriormente la precisione. Inoltre, i suoi dati saranno utilizzati in modelli di qualità dell’aria per migliorare le previsioni di polvere e altre particelle sospese nell’aria che incidono sulla salute pubblica.

Il satellite è controllato dal Centro europeo di operazioni spaziali dell’ESA a Darmstadt, in Germania. I controllori impiegheranno i prossimi mesi a controllare e calibrare attentamente la missione come parte della sua fase di commissioning.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 10 =