Home Malattie infettive Infezione da HIV: la profilassi pre-esposizione può ridurre drasticamente la malattia

Infezione da HIV: la profilassi pre-esposizione può ridurre drasticamente la malattia

197
0
False-color scanning electron micrograph of HIV-1, in green, budding from cultured lymphocyte. Credits: C. Goldsmith Content Providers: CDC/ C. Goldsmith, P. Feorino, E. L. Palmer, W. R. McManus - This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL).

L’introduzione rapida, mirata e ad alta copertura della profilassi pre-esposizione (PrEP) per gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini è stata associata a una riduzione della diagnosi di HIV del 25% in un anno nel Nuovo Galles del Sud (Australia), secondo uno studio pubblicato su The Lancet HIV journal.

Le diagnosi si sono ridotte da 295 a 221 casi in un anno.  I livelli più bassi registrati dall’inizio della sorveglianza dell’HIV nel 1985.

adv

Lo studio, condotto dal Kirby Institute dell’UNSW di Sydney, ha seguito 3.700 uomini che erano stati sottoposti alla PrEP. In questo gruppo, l’incidenza dell’infezione da HIV era inferiore a 1 su 2.000 all’anno, rispetto a un’incidenza attesa di 2 ogni 100 all’anno o più in assenza di PrEP.

La profilassi pre-esposizione

Studi clinici controllati randomizzati avevano precedentemente dimostrato l’efficacia di PrEP. Inoltre, i modelli matematici hanno previsto che PrEP può avere un impatto ampio e rapido se implementato rapidamente e con una copertura elevata per le persone a rischio. Tuttavia, studi empirici per confermare l’efficacia a livello di popolazione di PrEP non avevano testato questi risultati.

Lo studio nel New South Wales è stato possibile grazie al sistema di sorveglianza esistente nell’area, che ha permesso ai ricercatori di documentare rapidamente l’effetto a livello di popolazione di PrEP.

Sebbene un certo numero di paesi, tra cui Stati Uniti, Francia e Inghilterra, abbiano approvato la PrEP per l’HIV, fino a poco tempo fa la diffusione è stata lenta e geograficamente disomogenea.

“I nostri risultati supportano l’efficacia a livello di popolazione di PrEP, un anno dopo l’implementazione rapida di PrEP su larga scala”, afferma il professor Andrew Grulich, del Kirby Institute dell’UNSW di Sydney. “La PrEP è un approccio preventivo altamente efficace quando implementato insieme ad alti livelli di test e di trattamento dell’HIV. Il roll-out dovrebbe essere considerato prioritario come componente cruciale della prevenzione dell’HIV”.

Una prevenzione efficace

Lo studio ha reclutato 3.700 partecipanti di età pari o superiore a 18 anni. Tutti i partecipanti allo studio erano ad alto rischio di infezione da HIV e hanno ricevuto PrEP gratuitamente. Il test dell’HIV è stato condotto a uno e tre mesi dopo l’arruolamento nello studio, quindi ogni tre mesi.

Tra i 3.700 partecipanti, il 99% ha ricevuto la PrEP o ha avuto un test HIV almeno una volta durante il follow-up. Durante lo studio ad un anno, solo due uomini sono stati contagiati dall’HIV e questi non avevano aderito al PrEP.

Gli autori hanno scoperto che l’aderenza alla PrEP era alta (rapporto mediano di possesso del farmaco del 98%). Tuttavia, circa il 30% dei partecipanti aveva un’adesione inferiore all’80%, ma questo potrebbe anche indicare l’uso di PrEP al bisogno o l’interruzione dell’uso di PrEP dopo un periodo di comportamento ad alto rischio.

A livello di stato, gli autori hanno scoperto che dopo il roll-out della PrEP c’erano il 25% in meno di diagnosi di HIV, rispetto ai 12 mesi precedenti al lancio di PrEP (295 casi vs 221 casi).

Il declino è stato maggiore per le infezioni recenti da HIV (calo del 32%). Questi declini erano maggiori negli uomini di 45 anni o più, uomini nati in Australia e quelli che vivevano nei quartieri gay di Sydney.

Rispetto ad altri contesti internazionali, il roll-out della PrEP nel Nuovo Galles del Sud è stato più rapido e con una copertura maggiore, raggiungendo l’obiettivo iniziale di 3.700 partecipanti alla PrEP entro otto mesi. 12 mesi dopo, erano presenti 7.621 partecipanti. Alla fine dello studio, avevano partecipato 9.714 persone.

La prevenzione nel mondo

Negli Stati Uniti, la PrEP è stata approvata nel 2012 e si stima che 492.000 uomini trarrebbero beneficio dal farmaco. Tuttavia, la diffusione è stata lenta prima di una recente accelerazione, e alla fine del 2016 si stima che 83.672 uomini negli Stati Uniti abbiano iniziato la PrEP.

In Inghilterra, il NHS ha annunciato che fornirà la PrEP a 10.000 pazienti attraverso uno studio di implementazione in cliniche selezionate, a partire da settembre 2017. Le riduzioni della diagnosi di HIV nel 2017 a Londra sono state attribuite a una combinazione di maggiori test e trattamenti, oltre che alla PrEP.

In Francia, 2805 persone (97% MSM) hanno ricevuto una prescrizione per la PrEP nei primi 12 mesi di roll-out nel 2016 con solo quattro nuove infezioni da HIV in questa coorte, ma non sono ancora state segnalate tendenze basate sulla popolazione nell’HIV.

Il professor Grulich aggiunge: “Questo studio ha comportato una risposta su larga scala e a livello statale per garantire che la PrEP fosse resa disponibile per gli uomini ad alto rischio di infezione da HIV. Ciò ha comportato la leadership del governo del NSW, gruppi di difesa che lavorano per migliorare l’alfabetizzazione sanitaria e una rete di servizi sanitari sessuali gratuiti, finanziati pubblicamente e privati”.

Il commento editoriale

Scrivendo un commento collegato, la professoressa Sheena McCormack, MRC Clinical Trials Unit, Regno Unito, osserva che il New South Wales era un luogo ideale per aiutare a identificare il beneficio aggiunto del PrEP. Questo perché ha raggiunto gli obiettivi 90-90-90 per la proporzione di persone con HIV diagnosticate, trattate e soppresse viralmente, che sono state superate nel 2016.

Aggiunge però che la maggior parte dei paesi difficilmente raggiungerà questi obiettivi entro il 2020. Nota: “Ora, lo studio EPIC-NSW ha fornito prove solide del valore aggiunto di PrEP a livello di popolazione, così come l’approvazione dell’efficacia biologica, in individui che usano la PrEP in modo coerente durante i periodi di possibile esposizione all’HIV”.

 

 

Andrew E Grulich, et al. Population-level effectiveness of rapid, targeted, high-coverage roll-out of HIV pre-exposure prophylaxis in men who have sex with men: the EPIC-NSW prospective cohort study. Lancet HIV, Published Online October 17, 2018.

 

Articolo precedenteNuove conferme di efficacia e sicurezza per gli anticoagulanti diretti
Articolo successivoUn algoritmo sicuro per escludere l’embolia polmonare in gravidanza
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui