Preparativi per lo sbarco sulla Luna: definito dalla NASA il corriere per le “merci”

Lockheed Martin applicherà la sua esperienza nella costruzione di veicoli spaziali interplanetari, partecipando ad un nuovo programma per trasportare carichi commerciali sulla superficie della Luna. La NASA ha annunciato oggi di aver scelto il McCandless Lunar Lander di Lockheed Martin per fornire servizi di consegna all’agenzia.

Obbiettivo Luna

Il design dei lander di Lockheed Martin si basa su quattro decenni di esperienza nell’ingegnerizzazione di missioni nello spazio profondo, inclusi i lander di Marte. Il McCandless Lunar Lander si basa sul collaudato design del lander InSight – che è atterrato sulla superficie marziana lunedì 26 novembre – e sul lander Phoenix – che è arrivato con successo a Marte nel maggio 2008.

“Siamo entusiasti di sfruttare i nostri design e esperienze interplanetari per aiutare la NASA a costruire una nuova economia sulla Luna e oltre”, ha dichiarato Lisa Callahan, vicepresidente e general manager della Lockheed Martin. “Lockheed Martin ha costruito più navicelle interplanetarie di tutte le altre compagnie statunitensi messe insieme, inclusi quattro lander di successo per Marte. Grazie alla nostra esperienza su Orion e sull’habitat lunare NextSTEP, possiamo massimizzare il valore di CLPS per le operazioni scientifiche lunari e il percorso verso il lander umano riutilizzabile di domani.”

Un cargo per lo spazio

Il McCandless Lunar Lander è in grado di trasportare grandi carichi utili che pesano centinaia di chilogrammi – inclusi strumenti scientifici stazionari, rover dispiegabili, o persino veicoli di ritorno dalla superficie della Luna. Il lander utilizza un collaudato approccio di atterraggio propulsivo che si basa su radar a bordo e una serie di propulsori a razzo che sparano 10 volte al secondo per rallentare fino a cinque miglia all’ora prima di atterrare. Una volta sulla superficie lunare, il lander può fornire energia, comunicazioni e gestione termica per carichi utili sofisticati.

“Non siamo estranei ai modelli di business del commercio spaziale, avendo costruito più di 100 satelliti commerciali e lanciato numerosi payload commerciali di Atlas e Titan”, ha affermato Callahan. “Nelle nostre ultime 10 missioni interplanetarie per la NASA, abbiamo consegnato in anticipo rispetto alla pianificazione e al budget. Vogliamo assicurare ai clienti che scelgono payload di essere certi che consegneremo puntualmente e in bilancio”.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 12 =