Il pianeta Terra è sempre più caldo: gli ultimi dati sul 2018 di NASA e NOAA

Secondo le analisi indipendenti della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), la temperatura superficiale globale della Terra nel 2018 è stata la quarta più calda dal 1880.

Gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA a New York, hanno evidenziato come le temperature globali nel 2018 sono state di 0,83 gradi Celsius più calde rispetto alla media calcolata tra il 1951 e il 1980. A livello globale, le temperature del 2018 sono al di sotto solo di quelle registrate nel 2016, 2017 e 2015. Gli ultimi cinque anni sono, collettivamente, gli anni più caldi delle registrazioni moderne.

“Il 2018 è stato un anno estremamente caldo, in cima a una tendenza al riscaldamento globale a lungo termine”, ha dichiarato il direttore GISS Gavin Schmidt.

Dal 1880, la temperatura media della superficie globale è aumentata di circa 1 grado Celsius. Questo riscaldamento è stato guidato in gran parte da un aumento delle emissioni nell’atmosfera di anidride carbonica e altri gas serra causati da attività umane, secondo Schmidt.

Le temperature del pianeta stanno cambiando

Le dinamiche meteorologiche spesso influenzano le temperature regionali, quindi non tutte le regioni della Terra hanno sperimentato simili quantità di riscaldamento. NOAA ha rilevato che la temperatura media annuale del 2018 per gli Stati Uniti è stata la 14 più calda mai registrata.

Le tendenze al riscaldamento sono le più forti nella regione artica, dove il 2018 ha visto la continua perdita di ghiaccio marino. Inoltre, la perdita di massa dalle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartico ha continuato a contribuire all’innalzamento del livello del mare. L’aumento delle temperature può anche contribuire a stagioni di fuoco più lunghe e ad alcuni eventi meteorologici estremi, secondo Schmidt.

“Gli impatti del riscaldamento globale a lungo termine sono già stati avvertiti: inondazioni costiere, ondate di calore, precipitazioni intense e cambiamenti nell’ecosistema”, ha detto Schmidt.

La misurazione delle temperature globali

Le analisi della temperatura della NASA comprendono misurazioni della superficie da 6.300 stazioni meteorologiche, osservazioni su navi e boe delle temperature della superficie del mare e misurazioni della temperatura dalle stazioni di ricerca dell’Antartico.

Queste misurazioni grezze vengono analizzate utilizzando un algoritmo che considera la varia spaziatura delle stazioni attorno al globo e gli effetti del calore urbano che potrebbero distorcere le conclusioni. Questi calcoli producono le deviazioni di temperatura media globale dal periodo di riferimento, dal 1951 al 1980.

Poiché le posizioni delle stazioni meteorologiche e le pratiche di misurazione cambiano nel tempo, l’interpretazione di specifiche differenze di temperatura medie globali anno-anno ha alcune incertezze. Tenendo conto di ciò, la NASA stima che il cambiamento medio globale del 2018 abbia una precisione di 0,1 gradi Fahrenheit, con un livello di certezza del 95%.

L’analisi del NOAA ha rilevato che le temperature globali del 2018 erano di 0,79 gradi Celsius al di sopra della media del 20esimo secolo.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =