Sterilizzare le zanzare per contrastare malattie come dengue, zika e chikungunya

Per ottenere una significativa riduzione dei casi di malaria in passato venne usato un insetticida, il DDT, ma ai giorni nostri gli strumenti a disposizione dei ricercatori sono ben più sofisticati, così che per contrastare la diffusione di malattie come chikungunya, dengue e zika, le zanzare vengono ora sterilizzate.

La tecnica, che colpisce le zanzare maschio usando le radiazioni, sarà presto testata. Il processo prevede l’allevamento di grandi quantità di zanzare maschi sterilizzati in strutture dedicate e il rilascio per l’accoppiamento con femmine in natura. La popolazione di insetti dovrebbe così diminuire nel tempo.

Metà del mondo a rischio di dengue

Malattie come la dengue non interessano più aree limitate del mondo. “La metà della popolazione mondiale è ora a rischio di dengue”, ha affermato il dott. Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’OMS. “E nonostante i nostri migliori sforzi, gli attuali impegni per controllarla non sono all’altezza. Abbiamo un disperato bisogno di nuovi approcci e questa iniziativa è sia promettente che entusiasmante”.

Negli ultimi decenni, l’incidenza della dengue è aumentata drammaticamente a causa dei cambiamenti ambientali, dell’urbanizzazione non regolamentata, dei trasporti e dei viaggi. A questi aspetti si affianca l’assenza di adeguati e sostenibili strumenti di controllo vettoriale.

Focolai di dengue si stanno verificando in diversi paesi, in particolare nel subcontinente indiano. Il Bangladesh sta affrontando il peggior focolaio di dengue dalla sua prima epidemia registrata nel 2000. La nazione dell’Asia meridionale ha visto il numero di casi salire a oltre 92.000 da gennaio 2019, con ricoveri giornalieri che hanno raggiunto un picco di oltre 1.500 nuovi pazienti con dengue nelle ultime settimane.

Le malattie trasmesse da zanzare come malaria, dengue, zika, chikungunya e febbre gialla rappresentano circa il 17% di tutte le malattie infettive a livello globale, causando oltre 700.000 vittime ogni anno. Lo scoppio di zika nel 2015 in Brasile è stato collegato a un aumento del numero di bambini nati con microcefalia.

La nuova tecnica ha avuto successo contro gli insetti che attaccano le colture e il bestiame

La tecnica degli insetti sterili è stata sviluppata per la prima volta dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ed è stata utilizzata con successo per colpire i parassiti di insetti che attaccano le colture e il bestiame, come la mosca della frutta del Mediterraneo e la mosca dello scowworm del Nuovo Mondo. Attualmente è utilizzato a livello globale nel settore agricolo in sei continenti.

La guida all’uso della tecnica per controllare le malattie negli esseri umani raccomanda di adottare un approccio graduale, che consenta di testare l’efficacia degli insetti sterilizzati. Gli indicatori epidemiologici monitorano l’impatto del metodo sulla trasmissione della malattia. Forniscono inoltre raccomandazioni sulla produzione in serie delle zanzare sterili e l’impegno del governo e della comunità, misurando l’impatto della tecnica e valutandone l’efficacia in termini di costi.

“I paesi gravemente colpiti da dengue e Zika hanno mostrato un reale interesse nel testare questa tecnologia in quanto può aiutare a sopprimere le zanzare che stanno sviluppando resistenza agli insetticidi, che hanno anche un impatto negativo sull’ambiente”, ha affermato Florence Fouque, scienziata della TDR.

La tecnica degli insetti sterili nel settore agricolo

Lo sforzo di collaborazione include piani per supportare tre team multinazionali di istituti di ricerca, agenzie di controllo dei vettori e parti interessate della salute pubblica, per testare la tecnica degli insetti sterili contro le zanzare Aedes. “L’uso della tecnica degli insetti sterili nel settore agricolo negli ultimi 60 anni ha dimostrato che si tratta di un metodo sicuro ed efficace”, ha affermato Jérémy Bouyer, entomologo medico presso la divisione congiunta FAO / IAEA di tecniche nucleari in alimentazione e agricoltura.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × quattro =