La corteccia cerebrale è più sottile nelle persone con comportamenti antisociali persistenti

Gli individui che presentano comportamenti antisociali persistenti nel corso della vita – ad esempio furti, aggressività e violenza, bullismo, menzogne ​​o ripetuti insuccessi nel prendersi cura del lavoro o delle responsabilità scolastiche – possono avere una corteccia cerebrale più sottile. Inoltre, può essere rilevata un’area superficiale più piccola in regioni del cervello implicate nel comportamento antisociale. Questi in sintesi i risultati di uno studio osservazionale, condotto su 672 partecipanti, pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Psychiatry.

Tuttavia, non sono state osservate anomalie strutturali cerebrali diffuse in un gruppo più ampio di individui che hanno mostrato un comportamento antisociale solo durante l’adolescenza.

Differenze individuali nell’età di insorgenza del comportamento antisociale

Precedenti studi epidemiologici hanno dimostrato differenze individuali marcate nell’età di insorgenza e nella durata del comportamento antisociale. Alcuni individui mostrano un comportamento antisociale persistente nel corso della vita, che inizia nell’infanzia e dura fino all’età adulta, mentre per altri il comportamento antisociale si manifesta nell’adolescenza, ma desiste mentre maturano, nell’età adulta.

Lo studio è il primo a confrontare le differenze strutturali del cervello usando tecniche di neuroimaging negli individui con comportamento antisociale persistente, o solo in adolescenza, e quelli senza comportamento antisociale. La ricerca fornisce così le prime prove robuste che suggeriscono come le differenze neuropsicologiche sottostanti siano principalmente associate ad un comportamento antisociale persistente.

L’autrice principale, la dott.ssa Christina Carlisi, UCL, UK, afferma: “I nostri risultati supportano l’idea che, per la piccola percentuale di individui con comportamento antisociale persistente nel corso della vita, potrebbero esserci differenze nella loro struttura cerebrale che rendono difficile per loro sviluppare abilità sociali che impediscano loro di impegnarsi in comportamenti antisociali. Queste persone potrebbero beneficiare di un maggiore supporto nel corso di tutta la vita.”

Comportamenti antisociali in adolescenza

Continuando, avverte: “La maggior parte delle persone che mostrano comportamenti antisociali lo fanno principalmente solo nell’adolescenza, probabilmente a causa della navigazione in anni socialmente difficili, e questi individui non mostrano differenze strutturali nel cervello. Sono anche questi individui che sono generalmente in grado di riformarsi e di diventare membri preziosi della società.”

Lo studio ha utilizzato scansioni cerebrali MRI da 672 partecipanti di 45 anni. Sulla base di segnalazioni di genitori, tutori e insegnanti, nonché di segnalazioni personali di problemi di condotta tra i sette e i 26 anni, i 672 partecipanti erano stati precedentemente classificati in termini di modelli di comportamento. Hanno così evidenziato che il 12% (80 persone) aveva avuto un comportamento antisociale persistente nel corso della vita, il 23% (151) aveva avuto un comportamento antisociale solo in adolescenza e il 66% (441) non aveva una storia di comportamento antisociale persistente.

Analizzando le scansioni del cervello, gli autori hanno misurato e confrontato lo spessore corticale medio e l’area della superficie corticale tra questi tre gruppi. Hanno anche analizzato le differenze nella superficie e nello spessore corticale di 360 diverse regioni della corteccia.

Uno spessore corticale inferiore

In media, in tutto il cervello, gli individui con comportamento antisociale persistente nel corso della vita avevano una superficie media più piccola e uno spessore corticale medio inferiore, rispetto alle persone che non mostravano alcun comportamento antisociale persistente. Inoltre, le persone che hanno mostrato un comportamento antisociale persistente nel corso della vita avevano una superficie ridotta in 282 su 360 regioni cerebrali e una corteccia più sottile in 11 su 360 regioni. La maggior parte di queste regioni era stata precedentemente collegata al comportamento antisociale attraverso il loro coinvolgimento nel comportamento diretto, regolazione delle emozioni e motivazione.

Tuttavia, non sono state riscontrate differenze diffuse nella struttura del cervello per il gruppo con comportamento antisociale limitato all’adolescenza rispetto ai gruppi antisociali persistenti o non antisociali nel corso della vita.

Differenze neuropsicologiche nelle persone con comportamento antisociale persistente

Gli autori affermano che i loro risultati forniscono le prime solide prove per suggerire che esistono differenze neuropsicologiche sottostanti nelle persone con comportamento antisociale persistente nel corso della vita e hanno implicazioni per il modo in cui trattiamo i criminali minorenni.

Gli adolescenti che manifestano comportamenti antisociali persistenti nel corso della vita, che sono iniziati durante l’infanzia, sono spesso diagnosticati con disturbi della condotta e questi bambini hanno un rischio maggiore di incarcerazione e di cattiva salute fisica e mentale più avanti nella vita.

La coautrice Terrie Moffitt, della Duke University, USA, afferma: “Gli approcci politici all’offesa minorile spesso oscillano avanti e indietro tra misure punitive e approcci che danno ai giovani autori di reato una possibilità di recupero. I nostri risultati supportano la necessità di approcci diversi per diversi autori di reato. Tuttavia, mettiamo in guardia sui risultati emersi dall’imaging cerebrale, poiché la comprensione delle differenze nella struttura del cervello non è abbastanza solida per essere applicata a livello individuale. Invece, dobbiamo riconoscere che lo sviluppo individuale può essere un fattore determinante per gravi recidive, ma anche per apprezzare che questo non è il caso di tutti i minorenni”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 4 =