I pensieri di suicidio nei bambini statunitensi

Negli Stati Uniti, circa otto bambini su 100 di età compresa tra i 9 e i 10 anni riportano un’idea di suicidio. Questi dati estremamente allarmanti arrivano da un nuovo studio osservazionale, condotto su quasi 8.000 bambini, recentemente pubblicato su The Lancet Psychiatry.

È importante sottolineare che meno di due bambini su 100 nella stessa fascia di età avevano riportato un tentativo di suicidio nello studio e circa uno su 100 aveva piani suicidari passati o attuali.

Lo studio, che è il più grande del suo genere negli Stati Uniti, identifica importanti rischi e fattori protettivi associati all’ideazione suicidaria infantile che potrebbero essere utilizzati per identificare i bambini vulnerabili e pianificare interventi per promuovere la salute mentale a scuola e a casa.

Pensieri suicidari nei bambini

“Mentre una minoranza (circa l’8%) dei bambini di età compresa tra i 9 e i 10 anni esprime pensieri suicidari, le solide associazioni evidenziate in questo studio con problemi psicologici (principalmente ansia e problemi depressivi) e conflitti familiari, forniscono ai professionisti informazioni importanti su come possono intervenire per aiutare i bambini e le loro famiglie”, afferma la dottoressa Sophia Frangou della Icahn School of Medicine del Mount Sinai, che ha co-condotto la ricerca. “Lo stesso vale per le influenze protettive che coinvolgono una maggiore supervisione dei genitori (cioè, sapere dove sono i bambini, cosa stanno facendo e con chi) e un impegno scolastico positivo, che sono fattibili e modificabili.”

Continua: “Anche se il modo migliore di offrire sostegno ai bambini non è chiaro, le evidenze attuali suggeriscono che i programmi scolastici che mirano ad aumentare la consapevolezza, come l’iniziativa Mental Health Packs Schools nel Regno Unito, probabilmente saranno interventi di sanità pubblica di successo per ridurre sia i comportamenti suicidari sia l’ideazione suicidaria”.

Il suicidio negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti il suicidio è la seconda principale causa di morte tra i 10 e i 14 anni e il numero di ricoveri ospedalieri per bambini per pensieri suicidari o autolesionismo è più che raddoppiato nell’ultimo decennio, passando dallo 0,67% nel 2008 all’1,79% nel 2015. Tuttavia, i pensieri e i comportamenti suicidari tra i bambini hanno finora ricevuto relativamente poca attenzione rispetto alle fasce di età più avanzata.

I ricercatori hanno basato il loro studio sui dati di 7.994 bambini (età media 9,9 anni) che avevano preso parte allo studio ABCD (Adolescent Brain Cognitive Development), che sta seguendo il più grande campione rappresentativo a livello nazionale di bambini di 9-10 anni che vivono negli Stati Uniti.

Per misurare l’idea del suicidio per ogni bambino, i caregiver e i bambini sono stati interrogati indipendentemente sul benessere attuale e sulla storia del suicidio, nonché sulle caratteristiche personali, familiari e sociali tramite questionari.

È stata utilizzata una modellizzazione per quantificare l’associazione tra ideazione suicidaria e una vasta gamma di caratteristiche personali, familiari e sociali nei bambini che hanno avuto esperienze di ideazione suicidaria. Le ideazioni suicidarie erano state riportate da caregiver (654 bambini) o riferite al bambino (684 bambini), inclusi 198 casi in cui caregiver e bambini concordavano sulla segnalazione. Coloro che non avevano mai espresso pensieri o comportamenti suicidi riferiti da caregiver o dal bambino sono stati 6.854 bambini.

I fattori di rischio per i pensieri suicidari

Sebbene la pianificazione del suicidio e i tentativi di suicidio siano relativamente rari, i ricercatori hanno scoperto che i fattori associati ad un aumento del rischio di pensieri suicidari includevano problemi psicologici (odds ratio 1,7) ed esposizione a conflitti familiari segnalati da minori (OR 1,4).

Inoltre, i bambini, e in particolare i ragazzi, che hanno avuto idee suicidarie hanno riferito un tempo medio di circa un’ora in più passato guardando schermi di dispositivi elettronici nei fine settimana. Tuttavia, gli autori avvertono che sono necessarie ulteriori ricerche per capire se la relazione tra il tempo passato davanti allo schermo e l’idea del suicidio è causale (ad esempio, il risultato di una maggiore esposizione al cyberbullismo o a confronti sociali negativi) o correlativa (ad esempio, collegata al ritiro sociale o all’elusione).

Una maggiore supervisione dei genitori (cioè sapere dove sono i bambini, cosa stanno facendo e con chi) e la visione positiva della scuola da parte di un bambino (cioè, i bambini a cui piaceva andare a scuola) sono stati identificati come aventi un forte effetto protettivo contro l’idea del suicidio, probabilmente perché possono aiutare lo sviluppo di identità, autostima e resilienza.

Valutare i pensieri suicidari da parte dei genitori

È importante sottolineare che i ricercatori hanno notato un accordo tra i caregiver e le segnalazioni di ideazione suicidaria da parte dei bambini solo nel 17% dei casi, indicando che i pensieri e i comportamenti suicidari nei bambini non possono essere valutati in modo affidabile dal solo rapporto con i genitori.

“I timori di stigmatizzazione, difficoltà di comunicazione e mancanza di sostegno sociale e familiare possono comportare che i bambini piccoli si sentano meno a loro agio nel parlare della loro salute mentale”, spiega l’autore senior Beatriz Luna dell’Università di Pittsburgh, negli Stati Uniti. “Questa disconnessione sottolinea la necessità di una valutazione separata e indipendente del rischio di suicidio in bambini e genitori.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − tredici =