Home In Evidenza Depressione: farmaci e psicoterapia sono efficaci anche in caso di traumi infantili

Depressione: farmaci e psicoterapia sono efficaci anche in caso di traumi infantili

93
0

Gli adulti con disturbo depressivo maggiore con una storia di traumi infantili evidenziano un miglioramento dei sintomi dopo la farmacoterapia, la psicoterapia o il trattamento combinato. I risultati di un nuovo studio, pubblicato sulla rivista The Lancet Psychiatry, suggeriscono che, contrariamente alla teoria corrente, questi trattamenti comuni per il disturbo depressivo maggiore sono efficaci per i pazienti con traumi infantili.

Trauma infantile e depressione

È noto che il trauma infantile (definito come negligenza emotiva/fisica o abuso emotivo/fisico/sessuale prima dei 18 anni) è un fattore di rischio per lo sviluppo del disturbo depressivo maggiore nell’età adulta. Un disturbo che spesso produce sintomi a esordio precoce, duraturi e ricorrenti e con aumentato rischio di morbilità. Precedenti studi hanno suggerito che gli adulti e gli adolescenti con depressione e traumi infantili avevano circa 1,5 volte più probabilità di non rispondere o di rimettersi dopo la farmacoterapia, la psicoterapia o il trattamento combinato, rispetto ai soggetti che non avevano una storia di traumi infantili.

adv

“Questo studio è il più grande del suo genere per esaminare l’efficacia dei trattamenti per la depressione per gli adulti con traumi infantili ed è anche il primo a confrontare l’effetto del trattamento attivo con la condizione di controllo (lista d’attesa, placebo o cura come al solito) per questa popolazione. Circa il 46% degli adulti con depressione ha una storia di traumi infantili e per chi soffre di depressione cronica la prevalenza è ancora più alta. È quindi importante determinare se gli attuali trattamenti offerti per il disturbo depressivo maggiore sono efficaci per i pazienti con traumi infantili”, afferma la dottoranda e prima autrice dello studio, Erika Kuzminskaite.

Farmaci e psicoterapia

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 29 studi clinici di trattamenti farmacoterapici e psicoterapici per il disturbo depressivo maggiore negli adulti, coprendo un massimo di 6.830 pazienti. Dei partecipanti, 4.268 (62,5%) hanno riportato una storia di traumi infantili. La maggior parte degli studi clinici (51,7%) sono stati condotti in Europa, seguita dal Nord America (9, 31%). Le misure di gravità della depressione sono state determinate utilizzando il Beck Depression Inventory (BDI) o la Hamilton Rating Scale for Depression (HRSD).

Le tre domande che la ricerca ha posto erano: se i pazienti con trauma infantile fossero più gravemente depressi prima del trattamento, se vi fossero esiti più sfavorevoli a seguito di trattamenti attivi per i pazienti con trauma infantile e se i pazienti con trauma infantile avessero meno probabilità di beneficiare del trattamento attivo rispetto alla condizione di controllo.

Il miglioramento dei sintomi

In linea con i risultati di studi precedenti, i pazienti con trauma infantile hanno mostrato una maggiore gravità dei sintomi all’inizio del trattamento rispetto ai pazienti senza trauma infantile, evidenziando l’importanza di tenere conto della gravità dei sintomi nel calcolo degli effetti del trattamento.

Sebbene i pazienti con traumi infantili abbiano riportato maggiori sintomi depressivi sia all’inizio che alla fine del trattamento, hanno avuto un miglioramento dei sintomi simile rispetto ai pazienti senza storia di traumi infantili.

Anche i tassi di abbandono del trattamento erano simili per i pazienti con e senza traumi infantili. L’efficacia del trattamento misurata non variava in base al tipo di trauma infantile, alla diagnosi di depressione, al metodo di valutazione del trauma infantile, alla qualità dello studio, all’anno, al tipo di trattamento o alla durata.

“Scoprire che i pazienti con depressione e traumi infantili hanno risultati di trattamento simili rispetto ai pazienti senza traumi può dare speranza alle persone che hanno subito traumi infantili. Tuttavia, i sintomi residui dopo il trattamento nei pazienti con traumi infantili richiedono maggiore attenzione clinica, poiché potrebbero essere ancora necessari ulteriori interventi. Per fornire ulteriori progressi significativi e migliorare i risultati per le persone con traumi infantili, è necessaria una ricerca futura per esaminare i risultati del trattamento a lungo termine e i meccanismi attraverso i quali il trauma infantile esercita i suoi effetti a lungo termine”, afferma Erika Kuzminskaite.

I limiti dello studio e il commento editoriale

Gli autori riconoscono alcuni limiti di questo studio, tra cui un’elevata varietà di risultati tra gli studi inclusi nella meta-analisi e tutti i casi di trauma infantile riportati retrospettivamente. La meta-analisi si è concentrata sul declino dei sintomi durante la fase acuta del trattamento, ma le persone con depressione e traumi infantili spesso mostrano sintomi residui post-trattamento e hanno un alto rischio di recidiva, quindi possono beneficiare del trattamento in modo significativamente inferiore rispetto ai pazienti senza traumi infantili a lungo termine. Il disegno dello studio, inoltre, non ha tenuto conto delle differenze tra i sessi.

Scrivendo in un commento collegato, Antoine Yrondi, Università di Tolosa, Francia (che non era coinvolto nella ricerca) ha dichiarato: “Questa meta-analisi potrebbe consentire di inviare un messaggio di speranza ai pazienti con traumi infantili che la psicoterapia e la farmacoterapia basate sull’evidenza potrebbero migliorare i sintomi depressivi. Tuttavia, i medici dovrebbero tenere presente che il trauma infantile potrebbe essere associato a caratteristiche cliniche che possono rendere più difficile il raggiungimento della completa remissione sintomatica e, quindi, avere un impatto sul funzionamento quotidiano”.

 

Articolo precedenteL’NT-proBNP è un indice prognostico efficace anche nelle valvulopatie
Articolo successivoDiabete tipo 1: stime prudenti prevedono un aumento del 66% dei casi per il 2040
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui