Home Psichiatria Una singola dose di tetraidrocannabinolo può indurre sintomi psichiatrici

Una singola dose di tetraidrocannabinolo può indurre sintomi psichiatrici

398
0

Secondo i risultati di una revisione sistematica e di una meta-analisi, una singola dose del principale componente psicoattivo nella cannabis, il tetraidrocannabinolo (THC), può indurre una serie di sintomi psichiatrici. La ricerca, che ha incluso i dati di oltre 300 persone senza storia di disturbi psicotici o altri disturbi psichiatrici importanti, è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Psychiatry.

Allo stesso tempo, un’analisi su quattro studi non ha trovato prove coerenti che il cannabidiolo (CBD) induca gli stessi sintomi psichiatrici o che moderi gli effetti del THC, in volontari sani.

adv

D’altra parte, la revisione e l’analisi suggeriscono che i fumatori sono meno sensibili agli effetti del THC, ma questa scoperta è preliminare e gli autori non raccomandano l’uso del tabacco per questo scopo.

Il rapporto tetraidrocannabinolo-cannabidiolo

“Poiché il rapporto THC-CBD della cannabis continua ad aumentare, è importante chiarire se questi composti possono causare sintomi psicotici. La nostra scoperta che il THC può indurre temporaneamente sintomi psichiatrici in volontari sani evidenzia i rischi associati all’uso di prodotti a base di cannabis contenenti THC. Questo potenziale rischio dovrebbe essere preso in considerazione nelle discussioni tra pazienti e medici che pensano di usare prodotti a base di cannabis con THC. Questo lavoro fornirà informazioni anche alle autorità di regolamentazione, le iniziative di sanità pubblica e i responsabili politici che considerano l’uso medico di prodotti a base di cannabis contenenti THC o la loro legalizzazione per uso ricreativo”, afferma il professor Oliver Howes del King’s College di Londra.

La cannabis è una delle sostanze psicoattive più utilizzate al mondo. In Europa è utilizzata ogni anno dal 6-7% della popolazione, negli Stati Uniti da oltre il 15% e in tutto il mondo da circa 188 milioni di persone. Il farmaco è stato legalizzato in undici stati degli Stati Uniti, in Canada e in Uruguay e i politici di altri paesi stanno decidendo se consentire l’uso medicinale di prodotti a base di cannabis.

Uso di cannabis e sintomi psicotici

Oltre 150 anni fa, un primo studio ha trovato un’associazione tra l’uso di cannabis e sintomi psicotici, come la paranoia e le allucinazioni, e gli effetti sono stati successivamente collegati al THC. Molti studi supportano i risultati originali, ma ci sono state discrepanze e il contributo apportato da fattori come la dose, il consumo precedente di cannabis e il metodo di somministrazione (inalazione, capsule orali o iniezioni endovenose) non era stato valutato sistematicamente.

In questa nuova revisione i ricercatori hanno identificato 15 studi che hanno valutato i sintomi psichiatrici dei partecipanti a seguito della somministrazione acuta di THC, CBD e placebo, per via endovenosa, orale o nasale, in partecipanti sani.

Gli studi includevano punteggi che valutavano l’aumento della gravità dei sintomi psicotici positivi (inclusi deliri e allucinazioni), sintomi psicotici negativi (come affetto smorzato e demotivazione) e sintomi generali (inclusi depressione e ansia), che sono stati confrontati dopo somministrazione di THC rispetto al placebo. Un cambiamento nei sintomi con una dimensione dell’effetto di 0,4 o più è stato considerato clinicamente importante e una dimensione dell’effetto superiore a 0,70 è stata considerata un effetto di grandi dimensioni.

Gli effetti psichiatrici del tetraidrocannabinolo

Le dosi di THC nella meta-analisi variavano da 1,25 mg a 10 mg, portando a picchi di sangue di questa sostanza variabili da 4,56 a 5,1 ng/ml quando somministrato per via orale e 110-397 ng/ml quando iniettato o inalato. Questi livelli ematici sono paragonabili a quelli osservati poco dopo aver fumato una singola cannabis tipica contenente 16-34 mg di THC.

Rispetto al placebo, è stato riscontrato che il THC induce sintomi psicotici positivi significativamente più gravi (dimensione media dell’effetto di 0,91), sintomi negativi (dimensione media dell’effetto 0,78), sintomi generali (dimensione media dell’effetto 1,01) e sintomi totali (dimensione media dell’effetto 1,10). Le dimensioni dell’effetto sono rimaste significative per tutti i tipi di sintomo indipendentemente dal sesso, dall’età, dalla dose, dalla via di somministrazione, dall’uso precedente di cannabis e dall’uso di tabacco.

Tuttavia, la somministrazione endovenosa ha avuto effetti più pronunciati rispetto al THC inalato su sintomi psicotici e negativi, mentre non vi erano studi sufficienti per valutare l’effetto del THC orale. Una maggiore induzione dei sintomi psicotici da parte del THC era associata a tassi più bassi di consumo di tabacco, e una maggiore induzione di sintomi negativi era associata a un’età più elevata.

Sintomi simili alla schizofrenia

La dott.ssa Faith Borgan del King’s College London afferma: “La nostra scoperta, che i sintomi simili alla schizofrenia possono essere indotti usando un composto che attiva il recettore a cui il THC si lega nel cervello, si aggiunge al recente lavoro che mostra come le proteine ​​del recettore dei cannabinoidi 1 sono alterate nelle persone con schizofrenia. Poiché i nostri risultati erano in persone sane, le implicazioni per i pazienti clinici avranno bisogno di ulteriore studio”.

Gli autori ipotizzano che l’induzione dei sintomi psicotici più bassa nelle persone con un consumo maggiore di tabacco suggerisce che questi siano meno sensibili agli effetti del THC. Ipotizzano che i fumatori potrebbero essere meno sensibili agli effetti del THC a causa di un’associazione tra fumo di tabacco e livelli più bassi di recettori cerebrali dei cannabinoidi 1.

Gli autori hanno anche esaminato quattro studi che avevano valutato gli effetti del CBD sullo sviluppo degli stessi sintomi psichiatrici, rispetto al placebo, e non sono state riscontrate differenze significative.

In studi basati sul fatto se il CBD contrasta i sintomi indotti dal THC, uno di questi ha identificato sintomi ridotti, utilizzando un campione modesto, ma tre studi più grandi non sono riusciti a replicare questo risultato.

 

 

Articolo precedenteCoronavirus: nuove stime sulla mortalità in Cina
Articolo successivoUn nuovo approccio per correggere con cellule staminali la sindrome di Lesch-Nyhan
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui