Home Geriatria Demenza e deterioramento cognitivo: quali sono i migliori strumenti di screening?

Demenza e deterioramento cognitivo: quali sono i migliori strumenti di screening?

529
0

In una nuova rubrica “Oltre le linee guida” della rivista Annals of Internal Medicine due esperti esaminano le prove disponibili sul deterioramento cognitivo per determinare strumenti di screening efficaci, interventi per migliorare i risultati dei pazienti e le circostanze in cui consiglierebbero lo screening per questa condizione.

Tutte le funzionalità di “Oltre le linee guida” si basano sui Grand Round del Dipartimento di Medicina presso il Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) di Boston e includono componenti stampati, video e didattici pubblicati su Annals of Internal Medicine.

La demenza

La demenza, secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell’American Psychiatric Association, è definita da un declino significativo in 1 o più domini cognitivi che interferisce con l’indipendenza di una persona nelle attività quotidiane. Il deterioramento cognitivo lieve differisce dalla demenza in quanto il deterioramento non è sufficiente a interferire con l’indipendenza.

Sono disponibili numerosi test di screening per il deterioramento cognitivo. Un test di screening positivo non diagnostica il deterioramento cognitivo; piuttosto dovrebbe portare a ulteriori test per confermare la diagnosi. Dopo aver esaminato le prove, la Preventive Services Task Force (USPSTF) degli Stati Uniti ha concluso nel 2020 che le prove erano insufficienti per valutare il rapporto tra benefici e danni dello screening per il deterioramento cognitivo negli anziani (“Dichiarazione in prima persona”). L’USPSTF ha chiarito che, sebbene non vi siano prove sufficienti, potrebbero esserci ragioni importanti per identificare questa condizione.

Uno screening per la perdita di memoria

I partecipanti al dibattito sui grandi round del BIDMC, Michael Barry, MD, presidente della Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti e professore di medicina presso la Harvard Medical School, e Deborah Blacker, MD, ScD, membro del Dipartimento di Psichiatria e del Centro di ricerca sulla malattia di Alzheimer del Massachusetts General Hospital e professore di psichiatria alla Harvard Medical School hanno recentemente discusso il caso della signora B., una donna di 75 anni che, insieme al suo medico di base, si chiedeva se dovesse essere sottoposta a screening per la perdita di memoria, dati i molteplici fattori di rischio e il suo desiderio di essere proattiva riguardo alle sue cure mediche.

Il dottor Barry ha spiegato la logica dell’affermazione “I” e la mancanza di prove sufficienti sia dal percorso delle prove dirette che indirette per raccomandare a favore o contro lo screening.

Il dottor Blacker concorda sul fatto che i test di screening disponibili presentano problemi di affidabilità, soprattutto in alcune popolazioni di pazienti. Entrambi gli intervenuti concordano inoltre sul fatto che gli agenti consolidati hanno un’efficacia limitata e non è stato osservato che modifichino il decorso della malattia.

Il rischio di effetti avversi significativi

Il dottor Blacker ha osservato che i nuovi agenti antiamiloidi possono modificare il decorso della malattia, ma eventuali benefici cognitivi sono modesti e comportano il rischio di effetti avversi significativi. Il dottor Barry ha sottolineato che, sebbene l’USPSTF abbia riscontrato che non esistono prove sufficienti per raccomandare o meno lo screening, potrebbero esserci ragioni importanti per identificare il declino cognitivo, poiché la diagnosi precoce può consentire l’identificazione e il trattamento di cause reversibili, aiutare i medici a essere consapevoli dei pazienti che potrebbero avere difficoltà a comprendere e ad aderire ai piani di trattamento medico e a fornire informazioni utili ai pazienti e alle famiglie mentre iniziano la pianificazione anticipata delle cure.

Il dottor Blacker è d’accordo e aggiunge che questi potenziali benefici si aggiungono all’importanza di sviluppare un sistema che conduca e supporti lo screening nelle cure primarie. In sintesi, il dottor Barry lascerebbe la decisione informata di sottoporre a screening la nostra paziente, la signora B, a lei e al suo medico. La dottoressa Blacker accoglierebbe la richiesta della signora B per lo screening, poiché ritiene che la richiesta possa riflettere maggiori difficoltà di quanto appaia e che, date le sue responsabilità familiari e il complesso regime medico, il tempestivo riconoscimento del declino cognitivo sia di particolare importanza.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui