Home Cardiochirurgia Presentato il nuovo calcolatore del rischio cardiovascolare dell’AHA

Presentato il nuovo calcolatore del rischio cardiovascolare dell’AHA

656
0
copyright American Heart Association

L’American Heart Association ha presentato un nuovo calcolatore per stimare il rischio di una persona a sviluppare malattie cardiovascolari nei successivi 30 anni. Per la prima volta in questo genere di calcolatori vengono introdotti parametri che riguardano la funzionalità renale, il profilo metabolico e la salute cardiovascolare.

Il calcolatore è stato inserito all’interno di uno Scientific statement, pubblicato recentemente sulla rivista Circulation.

Un documento metodologico di accompagnamento, pubblicato contemporaneamente sulla stessa rivista, condivide i dettagli sullo sviluppo e sui test, nonché le formule adottate per il nuovo calcolatore del rischio.

Uno strumento online in fase di sviluppo

Il calcolatore del rischio PREVENT (Predicting Risk of cardiovascolare Disease EVENTs) stima il rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca. Il calcolatore aiuta a incorporare la sindrome cardiovascolare-rene-metabolica o CKM nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Una sindrome che si riferisce alle forti connessioni tra malattie cardiovascolari, malattie renali e malattie metaboliche come il diabete e l’obesità.

Secondo i dati statistici 2023 dell’Associazione, un adulto statunitense su tre presenta tre o più fattori di rischio che possono portare allo sviluppo di malattie cardiovascolari, malattie renali e/o disturbi metabolici. Man mano che le condizioni di base della sindrome CKM peggiorano, aumenta il rischio di infarto, ictus e/o insufficienza cardiaca.

“Era necessario un nuovo calcolatore del rischio di malattie cardiovascolari, in particolare uno che includesse misure della sindrome CKM, che è altamente diffusa negli Stati Uniti”, ha affermato Sadiya S. Khan, presidente del comitato di redazione della dichiarazione. “Il nuovo calcolatore del rischio PREVENT consente ai medici di quantificare questo rischio e può aiutare le persone a ricevere cure o trattamenti preventivi in anticipo per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Genere, razza e fattori sociali

Il calcolatore del rischio PREVENT quantifica in modo univoco il rischio cardiovascolare per ciascun genere. Poiché sono state condotte ulteriori ricerche specificamente sulle donne, questo è un modo importante per comprendere le loro differenze uniche nella presentazione delle malattie cardiovascolari e nei fattori di rischio.

Al contrario, PREVENT non include la razza nel suo calcolo, riconoscendo che è un fattore sociale e non una variabile biologica e, quindi, non è un fattore valido per prevedere il rischio CVD. D’altra parte, il calcolatore PREVENT dispone di una opzione che permette di includere nel calcolo i fattori sociali, se disponibili.

L’ultimo calcolatore del rischio cardiovascolare, il Pooled Cohort Equation, è stato pubblicato nel 2013. “Tuttavia, sono ora disponibili nuovi trattamenti per condizioni di CKM come l’obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie renali”, ha affermato Khan, professore di epidemiologia cardiovascolare a Magerstadt e professore associato di medicina e medicina preventiva presso la Feinberg School of Medicine, della Northwestern University e cardiologo presso la Northwestern Medicine, entrambi a Chicago.

Utilizzati i dati di oltre sei milioni di adulti

Un calcolatore di rischio utilizza informazioni sanitarie, demografiche e/o socioeconomiche in equazioni per calcolare una stima o un punteggio di rischio. Le equazioni sono sviluppate da scienziati sulla base di informazioni contenute in database nazionali, ampi studi di ricerca e cartelle cliniche elettroniche.

Le equazioni PREVENT sono state sviluppate utilizzando i dati di oltre 6 milioni di adulti negli Stati Uniti provenienti da una varietà di contesti razziali ed etnici, socioeconomici e geografici. Per sviluppare il calcolatore sono state utilizzate le informazioni contenute nelle cartelle cliniche di circa la metà delle persone, poi verificate nell’altra metà.

Alcuni dati sono stati raccolti da studi di ricerca, mentre altri dati sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche di persone che cercavano assistenza sanitaria regolare al di fuori di un contesto di ricerca. Con una popolazione così ampia, è più probabile che il calcolatore rappresenti accuratamente e sia applicabile alla popolazione adulta generale negli Stati Uniti.

Le equazioni PREVENT utilizzano test di screening già in uso nelle cure primarie per prevedere il rischio. Sono comuni nelle valutazioni sanitarie la misurazione della pressione sanguigna, esami del sangue per colesterolo, glicemia e funzionalità renale, e domande sull’uso del tabacco e sull’eventuale assunzione di farmaci per le malattie cardiovascolari. Queste informazioni possono essere inserite nel calcolatore del rischio PREVENT, insieme all’età e al sesso di una persona, per stimare il rischio cardiovascolare futuro.

Utilizzabile dai 30 anni di età

Il nuovo calcolatore può valutare il rischio di malattie cardiovascolari nelle persone di età compresa tra 30 e 79 anni e può prevedere il rischio di infarto, ictus e/o insufficienza cardiaca nei prossimi 10 e 30 anni.

“Le stime a lungo termine sono importanti perché il rischio a breve termine o a 10 anni nella maggior parte dei giovani adulti sarà ancora basso. Volevamo pensare in modo più ampio e applicare una prospettiva basata sul corso della vita”, ha affermato Khan. “Fornire informazioni sul rischio a 30 anni può rivelare opportunità più precoci di intervento e di sforzi di prevenzione nei giovani”.

PREVENT può anche indicare lo stadio della sindrome CKM di una persona quando il rischio è elevato per aiutare a guidare ulteriori valutazioni e raccomandazioni terapeutiche. La sindrome CKM varia dallo Stadio 0, ovvero nessun fattore di rischio e un focus interamente preventivo, allo Stadio 4, lo stadio a più alto rischio, quando la malattia cardiovascolare è già presente.

La funzione renale è importante per la salute cardiovascolare e la malattia renale cronica aumenta il rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare. Il calcolatore include la velocità di filtrazione glomerulare stimata e consente l’uso dell’escrezione di albumina nelle urine per personalizzare ulteriormente la valutazione del rischio e aiutare a definire opzioni di trattamento personalizzate.

Il rischio di insufficienza cardiaca

Le equazioni PREVENT consentono l’inclusione dell’emoglobina glicata, una misura del controllo della glicemia a lungo termine. Un livello anomalo di glicemia è associato al rischio di malattie cardiovascolari nelle persone con e senza diabete di tipo 2.

L’insufficienza cardiaca è una condizione grave in cui il cuore non pompa abbastanza bene per soddisfare il bisogno di sangue ricco di ossigeno dell’organismo. L’insufficienza cardiaca è particolarmente importante nel contesto della sindrome CKM. Tra le persone affette da obesità, diabete di tipo 2 e/o malattie renali, il rischio di insufficienza cardiaca può essere superiore al rischio di infarto o ictus.

Il calcolatore PREVENT ha una precisione simile tra vari gruppi razziali ed etnici. Inoltre, le equazioni includono la possibilità di utilizzare l’indice di deprivazione sociale, che incorpora misure di determinanti sociali avversi della salute come istruzione, povertà, disoccupazione e fattori basati sull’ambiente di una persona.

“Le equazioni PREVENT rappresentano un primo passo fondamentale verso l’inclusione dei fattori sanitari e sociali della CKM nella previsione del rischio di cardiovascolare ha affermato Khan. “Sono necessari sforzi di ricerca concertati per determinare i fattori causali e sociali che sono alla base delle differenze razziali nei rischi e negli esiti delle malattie cardiovascolari. Mentre ci impegniamo verso cure preventive più eque, riconosciamo anche che il razzismo, e non la razza, opera a più livelli per aumentare il rischio di malattie cardiovascolari”.

Lacune di conoscenza e aree di ricerca

La dichiarazione include una valutazione delle lacune nella conoscenza e suggerimenti su dove le equazioni PREVENT potrebbero essere ulteriormente perfezionate con ulteriori ricerche. Questi includono l’incorporare il “beneficio netto” per identificare il beneficio atteso dalle raccomandazioni terapeutiche in base al livello di rischio di un individuo.

Raccogliere più dati da persone di razza ed etnia diverse, per rappresentare meglio la crescente diversità negli Stati Uniti. Il numero di persone ispaniche e asiatiche incluse nei set di dati PREVENT è inferiore alle stime nazionali nella popolazione generale degli Stati Uniti, quindi le stime del rischio in queste popolazioni potrebbero essere meno precise.

Andrebbe inoltre ampliata la raccolta, la rendicontazione e la standardizzazione dei determinanti sociali dei dati sanitari, come informazioni individuali piuttosto che informazioni sul quartiere. La ricerca futura dovrebbe dare priorità alla valutazione sistematica dei fattori sociali in modo che gli impatti sulla salute del razzismo strutturale possano essere meglio compresi e affrontati.

Andrebbe estesa la valutazione e la prevenzione del rischio alle prime fasi della vita (infanzia e/o adolescenza) e in periodi chiave della vita, come durante il periodo peripartum, poiché gli esiti avversi della gravidanza sono associati ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Infine, andrebbe indagato se la previsione degli esiti avversi renali, in particolare tra le persone con e senza diabete di tipo 2, possa ottimizzare ulteriormente il sistema di previsione del rischio cardiovascolare.

I calcolatori di rischio per l’Europa

Anche se il calcolatore PREVENT si basa su dati raccolti in una popolazione degli Stati Uniti, è probabile che possa fornire stime discretamente affidabili anche per le persone che vivono in Europa.

Va però ricordato che anche la Società Europea di Cardiologia mette a disposizione di tutti differenti calcolatori per la stima del rischio cardiovascolare, ciascuno indirizzato a soggetti specifici.

Tra questi, è disponibile online, senza necessità di log-in, il calcolatore “HeartScore“, aggiornato con gli algoritmi dei punteggi SCORE2 and SCORE2-OP, che permette di stimare il rischio a 10 anni di sviluppare malattie cardiovascolari fatali e non fatali.

Questo calcolatore è personalizzato in base alla nazione di residenza. I paesi europei sono stati infatti divisi in quattro gruppi: rischio basso, rischio moderato, rischio elevato e rischio molto elevato. L’Italia è inclusa tra i paesi a rischio moderato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui