Home Cardiologia Malattia coronarica e demenza: un’associazione molto forte, in particolare per i giovani

Malattia coronarica e demenza: un’associazione molto forte, in particolare per i giovani

617
0

Secondo una nuova ricerca, pubblicata recentemente sul Journal of American Heart Association, gli adulti con diagnosi di malattia coronarica, e in particolare quelli in cui la diagnosi è stata posta prima dei 45 anni, potrebbero essere maggiormente a rischio di sviluppare demenza, morbo di Alzheimer e demenza vascolare più avanti nella vita.

“La malattia coronarica è stata precedentemente associata al rischio di demenza negli anziani, tuttavia, si ritiene che questo sia il primo studio su larga scala che esamina se l’età di insorgenza della malattia coronarica può avere un impatto sul rischio di sviluppare demenza più avanti nella vita”, ha affermato Fanfan Zheng, autore senior dello studio, del Peking Union Medical College di Pechino, in Cina.

“In ricerche precedenti, abbiamo scoperto che gli adulti avevano un declino cognitivo accelerato dopo nuove diagnosi di malattia coronarica”, ha aggiunto.

I ricercatori hanno valutato la potenziale relazione tra l’età all’insorgenza della malattia coronarica e lo sviluppo della demenza analizzando i dati sanitari della Biobanca britannica.

Un rischio maggiore del 36% di sviluppare una demenza

Dall’analisi è emerso che tra i 432.667 partecipanti allo studio, si sono verificati 5.876 casi di demenza, 2.540 casi di morbo di Alzheimer e 1.220 casi di demenza vascolare, nel corso di un periodo medio di follow-up di 13 anni.

Rispetto ai partecipanti che non avevano malattia coronarica, i partecipanti con questa malattia avevano un rischio più elevati di sviluppare demenza per qualsiasi causa, morbo di Alzheimer e demenza vascolare.

Dopo aver aggiustato l’analisi per fattori demografici e stile di vita, i partecipanti con malattia coronarica avevano un rischio maggiore del 36% di sviluppare demenza, un rischio maggiore del 13% di sviluppare l’Alzheimer e un rischio maggiore ben del 78% di sviluppare demenza vascolare.

L’insorgenza precoce di malattia coronarica è stata associata a un aumento del rischio di demenza del 25%, a un aumento del rischio di malattia di Alzheimer del 29% e a un aumento del rischio di demenza vascolare del 22%.

Il rischio di demenza aumentava in modo direttamente proporzionale all’età più giovane di insorgenza della malattia coronarica. I partecipanti con diagnosi di malattia coronarica prima dei 45 anni avevano un rischio significativamente maggiore di sviluppare demenza rispetto ai loro colleghi che non avevano malattia coronarica.

Una relazione lineare

“Ciò che ci ha sorpreso di più è stata la relazione lineare tra età di insorgenza della malattia coronarica e demenza. Ciò dimostra l’enorme influenza dannosa della malattia coronarica prematura sulla salute del cervello”, ha affermato Zheng. “Poiché sempre più persone vivono più a lungo e viene loro diagnosticata una malattia coronarica in giovane età, è probabile che negli anni a venire ci sarà un grande aumento del numero di persone che vivono con demenza. Gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli dei soggetti a cui è stata diagnosticata una malattia coronarica in giovane età. Il prossimo passo è determinare se la modifica del rischio cardiovascolare nelle prime fasi della vita promuoverà una migliore salute del cervello più avanti nella vita”.

Analizzate le cartelle cliniche di 432.667 adulti

La Biobanca del Regno Unito è un ampio database biomedico e una risorsa di ricerca con cartelle cliniche di circa 500.000 adulti – iscritti dal 2006 al 2010 – che vivono nel Regno Unito e hanno ricevuto assistenza sanitaria attraverso il Servizio sanitario nazionale del Regno Unito. I ricercatori hanno avuto accesso ai dati nel maggio 2022 e hanno analizzato i dati sanitari da ottobre a dicembre 2022.

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di 432.667 adulti (età media di 57 anni quando sono diventati partecipanti alla Biobanca del Regno Unito; il 54,6% erano donne).

L’11,7% – 50.685 adulti – aveva una malattia coronarica al momento dell’arruolamento e durante il periodo di follow-up, mentre 240 adulti con malattia coronarica sono stati esclusi a causa della mancanza di dati sull’età alla quale era stata loro diagnosticata la malattia coronarica.

I ricercatori hanno adattato l’analisi per fattori demografici, tra cui età, sesso, razza e istruzione. Sono stati inoltre adeguati per fattori legati allo stile di vita, tra cui l’abitudine al fumo, il consumo di alcol e il fatto che i partecipanti svolgessero attività fisica moderata o vigorosa per più di 10 minuti almeno due volte a settimana.

I fattori di salute considerati includevano l’indice di massa corporea di base, i livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità, la presenza di un’ipertensione o diabete, l’uso di statine o se fossero portatori del gene APOE4, che aumenta il rischio di un individuo di sviluppare l’Alzheimer.

Malattia coronarica e Alzheimer

I ricercatori hanno controllato i bias confondenti, che suggeriscono associazioni dove in realtà potrebbero non sussistere. Hanno poi valutato l’associazione tra l’insorgenza della malattia coronarica in diversi gruppi di età e lo sviluppo della demenza.

Oltre 50.000 partecipanti con malattia coronarica sono stati divisi in tre gruppi in base all’età di insorgenza della malattia cardiaca: prima dei 45 anni; da 45 a 59; e 60 anni e più. Sono stati poi abbinati a controparti che non avevano malattia coronarica per valutare la possibile relazione tra malattia coronarica e demenza.

Secondo l’aggiornamento statistico del 2023 dell’American Heart Association, la malattia coronarica ha causato 382.820 decessi nel 2020. Il tasso stimato di demenza (escluso l’Alzheimer) negli adulti statunitensi, di età pari o superiore a 65 anni, era del 10,5% nel 2012, con un tasso del 7,3% nei maschi e del 12,9% nelle femmine, secondo l’Aging, Demographics and Memory Study, che è uno studio supplementare dell’Health and Retirement Study.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui