Ebola nella Repubblica Democratica del Congo: dichiarato estinto il decimo focolaio

Nei giorni scorsi l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato concluso il decimo focolaio della malattia da virus Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC).

L’OMS si è congratulata con tutti coloro che sono stati coinvolti nell’arduo e spesso pericoloso lavoro necessario per porre fine all’epidemia. Sottolinea inoltre la necessità di continuare la vigilanza nei prossimi mesi, per contenere potenziali riacutizzazioni.

“L’epidemia ha preso così tanto da tutti noi, specialmente dalla gente della RDC, ma ne siamo usciti con lezioni e strumenti preziosi. Il mondo è ora meglio attrezzato per rispondere all’Ebola. Un vaccino è stato autorizzato, e sono stati identificati i trattamenti efficaci”, ha affermato il direttore generale dell’OMS, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

“Dovremmo festeggiare questo momento, ma dobbiamo resistere al compiacimento. I virus non fanno pause. In definitiva, la migliore difesa contro qualsiasi epidemia consiste nell’investire in un sistema sanitario più forte come base per la copertura sanitaria universale”.

Ebola nella Repubblica Democratica del Congo: un accesso equo a terapie avanzate

L’epidemia, dichiarata nel Nord Kivu il 1 ° agosto 2018, è stata la seconda più grande al mondo. Sono stati registrati 3.470 casi, 2.287 morti e 1.171 sopravvissuti.

Guidati dal governo della RDC e dal Ministero della Salute e supportati dall’OMS e dai partner, la risposta di oltre 22 mesi ha riguardato la formazione di migliaia di operatori sanitari. Sono stati registrati 250.000 contatti e testati 220.000 campioni. È stato fornito ai pazienti un accesso equo a terapie avanzate, vaccinando oltre 303.000 persone e offrendo assistenza a tutti i sopravvissuti dopo il loro recupero.

La risposta è stata rafforzata dall’impegno e dalla leadership delle comunità interessate. Grazie ai loro sforzi, questo focolaio non si è diffuso a livello globale. Oltre 160.00 risponditori locali in prima linea hanno lavorato a fianco delle oltre 1500 persone schierate dall’OMS. Il sostegno dei donatori è stato essenziale, così come il lavoro delle agenzie partner delle Nazioni Unite, delle ONG nazionali e internazionali, delle reti di ricerca e dei partner schierati attraverso la rete globale di allarme e risposta alle epidemie. Il duro lavoro per sviluppare le capacità di preparazione nei paesi vicini ha contribuito a limitare il rischio di espansione dell’epidemia.

Ebola nella Repubblica Democratica del Congo: tracciare i contagi, anche con la app

Il lavoro continuerà a basarsi sui progressi ottenuti in questa occasione, per affrontare altre sfide sanitarie, tra cui il morbillo e COVID-19.

“Durante i quasi due anni abbiamo combattuto il virus Ebola, l’OMS e i partner hanno contribuito a rafforzare la capacità delle autorità sanitarie locali di gestire i focolai”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa.

“La RDC è ora migliore, più intelligente e più veloce nel rispondere all’Ebola e questa è un’eredità duratura che supporta la risposta a COVID-19 e altri focolai”.

Mentre i paesi di tutto il mondo affrontano la pandemia di COVID-19, la risposta di Ebola alla RDC offre lezioni preziose. Molte delle misure di salute pubblica che sono riuscite a fermare l’Ebola sono le stesse misure che sono ora essenziali per fermare COVID-19: trovare, isolare, testare e prendersi cura di ogni caso e tracciare i contatti.

Nella Repubblica Democratica del Congo, gli operatori hanno ricevuto formazione e un’app di raccolta dati per smartphone. Questa ha permesso loro di tenere traccia dei contatti e di essere aggiornati in tempo reale, anziché compilare laboriosi report cartacei. Anche quando la violenza ha bloccato le città, gli operatori della comunità, molte delle quali donne locali, hanno continuato a rintracciare i contatti utilizzando l’applicazione, qualcosa di cruciale per porre fine a questa epidemia.

Ebola nella Repubblica Democratica del Congo: i focolai nei dintorni

Mentre questo decimo focolaio nella RDC è terminato, la lotta contro l’Ebola continua. Il 1 ° giugno 2020, sette casi di Ebola sono stati segnalati nella città di Mbandaka e nella vicina zona di Bikoro nella provincia di Equateur ed è stato dichiarato un undicesimo focolaio. L’OMS sta supportando la risposta guidata dal governo con oltre 50 dipendenti già impiegati e oltre 5.000 vaccinazioni già somministrate.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − nove =