Le statine possono proteggere il cuore delle donne dai danni della chemioterapia

Le statine, comunemente utilizzate per ridurre i livelli di colesterolo, possono proteggere il cuore delle donne dai danni causati durante la chemioterapia per il cancro al seno in stadio iniziale. Questa interessante osservazione arriva da una nuova ricerca, pubblicata nei giorni scorsi, con libero accesso, sul Journal of the American Heart Association.

Il rischio di danni al muscolo cardiaco

“Due tipi di farmaci contro il cancro, antracicline e trastuzumab, sono trattamenti efficaci per molte donne con cancro al seno, tuttavia, il rischio di danni al muscolo cardiaco ha limitato il loro uso, in particolare nelle donne che sono a più alto rischio di problemi cardiaci, a causa della loro età o altre questioni mediche”, ha detto Husam Abdel-Qadir, autore principale dello studio, assistente professore di medicina presso l’Istituto di politica sanitaria, gestione e valutazione dell’Università di Toronto e cardiologo presso il Women’s College Hospital e il Peter Munk Cardiac Center, parte della University Health Network di Toronto.

“I meccanismi di questi farmaci sono essenziali per uccidere le cellule del cancro al seno, tuttavia, questi processi possono anche danneggiare le cellule del muscolo cardiaco, portando all’indebolimento del cuore”, ha aggiunto.

Precedenti piccoli studi avevano suggerito che le donne che assumono statine possono avere meno danni al muscolo cardiaco da questi tipi di chemioterapia. I meccanismi esatti con cui le statine proteggono dal danno delle cellule cardiache rimangono però sconosciuti. Si ritiene che le statine abbiano azioni antiossidanti e antinfiammatorie.

L’insorgenza di insufficienza cardiaca nelle donne

Per questo nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato diversi database sanitari amministrativi in ​​Ontario, Canada, per esaminare l’insorgenza di insufficienza cardiaca nelle donne di età pari o superiore a 66 anni che hanno ricevuto antracicline o trastuzumab, per il trattamento del carcinoma mammario in stadio iniziale di nuova diagnosi tra il 2007 e il 2017.

Ogni donna che già assumeva statine è stata confrontata con una pari che non le stava assumendo, così come una varietà di fattori di background medico e sociale. I due gruppi sono stati confrontati per capire quanti ricoveri o visite al pronto soccorso per insufficienza cardiaca si sono verificate entro i cinque anni successivi alla chemioterapia. Nessuna paziente era stata precedentemente diagnosticata con insufficienza cardiaca.

Il 55% in meno di probabilità di essere trattate per insufficienza cardiaca

I ricercatori hanno scoperto che nelle 666 coppie di donne (età media 69 anni) trattate con antracicline, quelle che assumevano statine avevano il 55% in meno di probabilità di essere trattate in ospedale per insufficienza cardiaca (1,2% contro 2,9%).

Nelle 390 coppie di donne (età media 71) trattate con trastuzumab, quelle che assumevano statine avevano il 54% in meno di probabilità di essere trattate in ospedale per insufficienza cardiaca (2,7% contro 3,7%), una tendenza che non ha però raggiunto la significatività statistica.

“I nostri risultati supportano l’idea che le statine possono essere un potenziale intervento per prevenire l’insufficienza cardiaca nei pazienti che ricevono chemioterapia con antracicline e potenzialmente trastuzumab”, ha detto Abdel-Qadir.

Questo studio, svolto con un disegno osservazionale, ha trovato un’associazione, ma non può concludere che esista una relazione di causa-effetto tra l’assunzione di statine e un minor rischio di insufficienza cardiaca.

Continuare la statina durante il trattamento chemioterapico

“Questo studio non dimostra in modo conclusivo che le statine sono protettive”, ha detto Abdel-Qadir. “Tuttavia, questo studio si basa sul corpo di prove che suggeriscono che potrebbero avere benefici. Le donne con cancro al seno che soddisfano le indicazioni stabilite per l’assunzione di una statina, dovrebbero idealmente continuare a prenderla durante il trattamento chemioterapico. Le donne che non hanno un’indicazione per una statina dovrebbero chiedere al proprio sanitario se possono partecipare a uno studio clinico che valuta i benefici delle statine nella protezione contro i danni al muscolo cardiaco durante la chemioterapia. Altrimenti, dovrebbero concentrarsi su misure per ottimizzare la loro salute cardiovascolare prima, durante e dopo la chemioterapia”.

I risultati di questo studio nelle donne anziane potrebbero non essere generalizzabili alle donne più giovani o a quelle a basso rischio cardiovascolare, che non soddisfano le attuali indicazioni per una statina. Poiché le popolazioni sono simili in termini di dati demografici, questi risultati dal Canada sono probabilmente generalizzabili alle donne negli Stati Uniti. Altre limitazioni includono il fatto che lo studio è un’analisi retrospettiva, basata su dati amministrativi, e i ricercatori non hanno potuto tenere conto di fattori potenzialmente importanti che non erano disponibili, tra cui la funzionalità del cuore e i biomarcatori cardiaci.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 6 =