COVID-19: nei giovani, una precedente infezione non protegge completamente dalla reinfezione

Una precedente infezione da COVID-19 non protegge completamente dalla reinfezione nei giovani. È quanto sembra emergere da un recente studio osservazionale, pubblicato sulla rivista The Lancet Respiratory Medicine, condotto su oltre 3.000 membri sani del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, la maggior parte dei quali avevano un’età compresa tra 18 e 20 anni.

Gli autori affermano che nonostante la precedente infezione e la presenza di anticorpi, la vaccinazione è ancora necessaria per aumentare le risposte immunitarie, prevenire la reinfezione, ridurre la trasmissione e che i giovani dovrebbero vaccinati ove possibile.

Un rischio di infezione cinque volte superiore nelle persone che non hanno mai avuto il COVID-19

Dallo studio, svolto tra maggio e novembre 2020, risulta che circa il 10% dei partecipanti che erano stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2 sono stati reinfettati, mentre i soggetti non precedentemente infetti, sieronegativi, sono stati contagiati nella percentuale del 50%.

Sebbene lo studio riguardasse reclute marine giovani, in forma, per lo più maschi, gli autori ritengono che il rischio di reinfezione riscontrato nel loro studio si applicherà a molti giovani, ma che i tassi esatti di reinfezioni non saranno applicabili altrove. Questo per le condizioni di vita di comunità dei soggetti valutati nello studio, che vivevano in una base militare, a stretto contatto tra di loro per l’addestramento di base, che probabilmente contribuisce a un tasso di infezione complessivo più elevato rispetto a quanto osservato altrove.

Ad esempio, anche uno studio su 4 milioni di persone in Danimarca ha scoperto che il rischio di infezione era cinque volte superiore nelle persone che non avevano mai avuto il COVID-19, ma hanno scoperto che solo lo 0,65% delle persone che avevano avuto COVID-19 durante la prima ondata della pandemia è risultata nuovamente positiva durante la seconda ondata, rispetto al 3,3% delle persone che sono risultate positive dopo essere state inizialmente negative.

Inoltre, uno studio che includeva operatori sanitari britannici ha scoperto che coloro che non erano stati precedentemente infettati avevano un rischio cinque volte maggiore di essere reinfettati rispetto alle persone che avevano già avuto un’infezione.

Possono contrarre nuovamente il virus e trasmetterlo ad altri

Il professor Stuart Sealfon, della Mount Sinai Icahn School of Medicine, negli USA, e autore senior dello studio, afferma: “Poiché i vaccini continuano a guadagnare slancio, è importante ricordare che, nonostante una precedente infezione da COVID-19, i giovani possono contrarre nuovamente il virus e possono ancora trasmetterlo ad altri. L’immunità non è garantita da infezioni passate e sono ancora necessarie vaccinazioni che forniscano una protezione aggiuntiva per coloro che hanno avuto COVID-19”.

Nello studio, le reclute del Corpo dei Marines degli Stati Uniti hanno completato una quarantena senza supervisione a casa per due settimane, prima di entrare in una struttura di quarantena supervisionata dai marine per altre due settimane. Hanno ricevuto test anticorpali per stabilire se erano sieropositivi, se avevano quindi sviluppato anticorpi a seguito della malattia.

Sono stati anche testati per la nuova infezione da SARS-CoV-2 al basale, quindi alle settimane uno e due della quarantena e hanno completato un questionario comprendente informazioni demografiche, fattori di rischio, anamnesi medica e sintomi di COVID-19. I partecipanti sono stati esclusi dallo studio se erano risultati positivi per COVID-19 tramite test PCR durante la quarantena supervisionata. Dopo la quarantena, le reclute che non avevano il COVID-19 sono entrate nella visita di base e sono state testate per la nuova infezione da SARS-CoV-2 mediante test PCR ogni due settimane, per sei settimane e hanno completato i questionari di follow-up su eventuali sintomi di COVID-19.

Le reclute che sono risultate positive a una nuova seconda infezione da COVID-19 durante lo studio sono state isolate e il gruppo di studio ha seguito ulteriori test. Livelli di anticorpi neutralizzanti sono stati prelevati anche da partecipanti sieropositivi successivamente infetti e selezionati che non sono stati reinfettati durante il periodo di studio.

Il 10% sono risultati positivi per una seconda infezione

Dei 2.346 Marines seguiti abbastanza a lungo per questa analisi del tasso di reinfezione, 189 erano sieropositivi e 2.247 erano sieronegativi all’inizio dello studio. In entrambi i gruppi di reclute, ci sono state 1.098 (45%) nuove infezioni durante lo studio. Tra i partecipanti sieropositivi, 19 (10%) sono risultati positivi per una seconda infezione durante lo studio. Delle reclute sieronegative, 1.079 (48%) sono state infettate durante lo studio.

Per capire perché si sono verificate queste reinfezioni, gli autori hanno studiato le risposte anticorpali dei partecipanti reinfettati e non infetti. Hanno scoperto che, nel gruppo sieropositivo, i partecipanti che sono stati reinfettati avevano livelli di anticorpi più bassi contro il virus SARS-CoV-2 rispetto a quelli che non sono stati reinfettati. Inoltre, nel gruppo sieropositivo, gli anticorpi neutralizzanti erano meno comuni. Gli anticorpi neutralizzanti sono stati rilevati nell’83% dei non infetti e nel 32% dei partecipanti reinfettati durante le sei settimane di osservazione.

Confrontando nuove infezioni tra partecipanti sieropositivi e sieronegativi, gli autori hanno scoperto che la carica virale nelle reclute sieropositive reinfettate era in media solo 10 volte inferiore rispetto ai partecipanti sieronegativi infetti. Questo potrebbe significare che alcuni reinfettati potrebbero ancora avere la capacità di trasmettere l’infezione, ma gli autori fanno notare che ciò richiederà ulteriori indagini.

Persone precedentemente infette e guarite siano suscettibili a una nuova infezione

Nello studio, la maggior parte i nuovi casi COVID-19 erano asintomatici – 84% nel gruppo sieropositivo e 68% nel gruppo sieronegativo – o presentavano sintomi lievi. Nessuno è stato ricoverato in ospedale.

Il tenente Dawn Weir, del Navy Medical Research Center, afferma: “Il nostro studio mostra che alcuni individui con livelli inferiori di anticorpi neutralizzanti sono stati reinfettati, indicando che è possibile che persone precedentemente infette e guarite siano suscettibili a una nuova infezione da SARS-CoV-2. Queste reinfezioni possono essere asintomatiche, come osservato nella maggior parte dei nostri partecipanti. Questa è una considerazione importante per mantenere la prontezza operativa militare degli Stati Uniti, come prevenire future epidemie di COVID-19 tra le unità marine o a bordo delle navi della Marina. Il messaggio per tutti i giovani, compresi i membri del nostro servizio militare, è chiaro: l’immunità derivante dall’infezione naturale non è garantita; hai ancora bisogno di essere vaccinato anche se hai avuto COVID-19 e sei guarito”.

Scrivendo in un commento collegato, María Velasco dell’Hospital Universitario Fundación Alcorcón, Spagna, ha dichiarato: “Questo studio è stato condotto in un ambiente chiuso, ma fornisce alcuni spunti interessanti sul rischio di successiva infezione da SARS-CoV-2 nella popolazione generale o in altri contesti. In primo luogo, il tasso di nuovi risultati positivi alla PCR SARS-CoV-2 è inferiore di circa l’80% tra gli individui sieropositivi. Questi dati confermano che gli individui sieropositivi hanno una protezione significativa, anche se limitata, per le nuove infezioni […] In secondo luogo, il tasso di rilevamento della nuova PCR SARS-CoV-2 tra i casi di Marines sieropositivi non è trascurabile, anche nella popolazione giovane e sana. A livello globale, questi risultati indicano che COVID-19 non fornisce un’immunità protettiva quasi universale e di lunga durata come il morbillo”.

Ha continuato: “Devono essere compiuti sforzi per ridurre il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2 da soggetti giovani oligosintomatici. I risultati suggeriscono che anche i giovani individui con una precedente infezione da SARS-CoV-2 dovrebbero essere un obiettivo della vaccinazione per evitare una fonte di trasmissione scarsamente nota”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × uno =