Home Cardiologia COVID-19: attesa un’ondata di malattie croniche al termine della pandemia

COVID-19: attesa un’ondata di malattie croniche al termine della pandemia

13
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Uno tsunami di malattie croniche a seguito della pandemia di COVID-19, in particolare la malattia cardiometabolica, potrebbe produrre un’enorme ondata di morti e disabilità, tanto da richiedere specifiche strategie, immediate e complete. Inoltre, COVID-19 ha rivoluzionato la scienza e la medicina cardiovascolare, ma offre opportunità per trasformare e creare nuovi approcci che possono produrre nuovi successi.

Queste sono le opinioni di due stimati leader nella cura, nella ricerca e nella strategia delle malattie cardiovascolari, dettagliate in due nuovi articoli Frame of Reference pubblicati recentemente sulla rivista Circulation.

Migliorare gli sforzi per la prevenzione delle malattie croniche

Sebbene COVID-19 abbia avuto un grave impatto sulla vita quotidiana di tutti, il suo impatto sociale ed economico sarà presente per generazioni. Ha sollecitato risposte urgenti in molti settori che potrebbero essere modelli per lo sviluppo rapido di soluzioni del mondo reale in grado di migliorare gli sforzi incentrati sulla prevenzione delle condizioni di salute croniche. È necessaria una trasformazione drastica nella ricerca sanitaria per allinearsi con l’interruzione dell’assistenza sanitaria mirata al sistema cardiovascolare causata dalla pandemia di COVID-19.

Il primo articolo, “Avoiding the Coming Tsunami of Common, Chronic Disease: What the Lessons of the COVID-19 Pandemic Can Teach Us“, è scritto da Robert M. Califf, capo della politica clinica e della strategia di Verily Life Sciences e Google Health, ex commissario della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, ex vicecancelliere per la scienza dei dati sanitari presso la Duke University School of Medicine e direttore fondatore del Duke Clinical Research Institute.

Nel suo articolo, Califf sollecita un’azione rapida e completa per evitare il drammatico aumento delle condizioni di salute croniche, in particolare le malattie cardiometaboliche, che ci si aspetta a causa del COVID-19. Tre delle prime 10 principali cause di morte, malattie cardiovascolari, ictus e diabete di tipo 2, sono legate alla malattia cardiometabolica.

Chiede cambiamenti critici nel sistema sanitario degli Stati Uniti per includere l’assistenza sanitaria universale, la salute pubblica e strategie di ricerca che incorporano “big data” e una migliore condivisione dei dati sanitari che possono fornire informazioni per protocolli e programmi di prevenzione e trattamento più efficaci ed efficienti nella società.

Facilitare l’accesso alle informazioni mediche, ai programmi di supporto digitale e alla telemedicina

Califf rileva anche gli impatti del razzismo strutturale e sostiene che i determinanti sociali della salute devono essere incorporati a tutti i livelli della ricerca, dell’assistenza clinica e all’interno delle comunità e della società in generale, per realizzare un miglioramento equo e sistemico sulla salute. Sostiene l’accesso universale a Internet a banda larga, che potrebbe aumentare l’accesso alle informazioni mediche, ai programmi di supporto digitale e agli appuntamenti di telemedicina con gli operatori sanitari.

Raccomanda un monitoraggio più approfondito e in tempo reale delle condizioni di salute croniche simile a quello implementato per tenere traccia dei casi di COVID-19, ricoveri e decessi. Con una migliore informazione accessibile più rapidamente, le strategie per prevenire e trattare le condizioni di salute croniche possono essere misurate e adattate di conseguenza.

Califf propone anche una nuova iniziativa chiamata “Operazione Warp Evidence“, in linea con quanto fatto per i vaccini COVID, “Operazione Warp Speed“, per creare un’infrastruttura di sperimentazione clinica rapida e prioritaria che valuta i rischi ei benefici delle nuove terapie, rispetto alle terapie esistenti per le malattie croniche. Ciò consentirebbe al vasto pool di sperimentazioni cliniche di concentrarsi maggiormente su interventi immediati che possono migliorare la prevenzione, la cura e gli esiti.

Un certo numero di commenti di Califf si allineano con l’avviso presidenziale del novembre 2020 dell’American Heart Association, “Call to Action: Structural Racism is a Fundamental Driver of Health Disparities“, in cui l’Associazione ha delineato un piano aggressivo e significativo per affrontare la disuguaglianza strutturale per eliminare le disparità, rimuovere le barriere e aumentare la diversità, l’equità, l’accesso e l’inclusione per tutti. Fanno eco anche ai risultati dell’Associazione nelle recenti statistiche sulle malattie cardiache e sull’ictus – 2021, che mostrano che il COVID-19 influenzerà probabilmente la salute cardiovascolare e i tassi di mortalità per gli anni a venire.

Tre pandemie simultanee: COVID-19, interruzione economica e ingiustizia sociale.

Il secondo articolo, intitolato “Incremental Change versus Disruptive Transformation: COVID-19 and the Cardiovascular Community“, è di Nanette K. Wenger, professore di medicina nella divisione di cardiologia presso la Emory University School of Medicine, consulente del Emory Heart and Vascular Center, consulente fondatore dell’Emory Women’s Heart Center e direttrice delle Cardiac Clinics e del laboratorio elettrocardiografico ambulatoriale al Grady Memorial Hospital di Atlanta.

Wenger è stata in prima linea nel far progredire la cura dei pazienti negli ultimi 60 e più anni ed è stata tra i primi medici a concentrarsi sulla malattia coronarica nelle donne e a valutare i diversi fattori di rischio cardiovascolare, i sintomi e le condizioni per le donne rispetto agli uomini. È stata una delle prime donne a diplomarsi alla Harvard Medical School e ha ricevuto numerosi riconoscimenti nella sua illustre carriera per il suo lavoro pionieristico sulle malattie cardiovascolari nelle donne. In particolare, è stata autrice delle Linee guida 2007 dell’Associazione per le malattie cardiovascolari nelle donne e ha ricevuto numerosi premi dall’Associazione, tra cui il Gold Heart Award, il Lifetime Achievement Award e, più recentemente, l’Eugene Braunwald Academic Mentorship Award 2020.

L’articolo di Wenger documenta la sua prospettiva secondo cui gli Stati Uniti hanno subito tre pandemie simultanee: COVID-19, interruzione economica e ingiustizia sociale.

La pandemia COVID-19 ha amplificato le disparità sociali e sanitarie, milioni di persone hanno perso il lavoro, numerose industrie e piccole imprese sono state decimate finanziariamente e ogni aspetto della ricerca scientifica e della medicina è stato alterato: istruzione, ricerca e assistenza clinica. Tuttavia, riconosce che ci sono stati numerosi successi e cambiamenti critici, come la rapida adozione della telemedicina, che possono portare a un’ampia trasformazione nella fornitura di assistenza sanitaria e potenzialmente migliorare l’accesso alle cure per più pazienti.

Le disparità sono state rivelate per includere l’esitazione del paziente a ricevere cure. Molti miglioramenti ottenuti negli ultimi cinque decenni nella cura delle sindromi coronariche acute e dell’ictus sono stati compromessi perché i pazienti si sono auto-messi in quarantena per evitare il pronto soccorso e l’esposizione a COVID-19.

Un modello per i progressi futuri

Mentre COVID-19 ha spinto l’urgenza della ricerca a comprendere la malattia, il suo decorso, i trattamenti e i vaccini, ha aperto la porta a nuove partnership pubblico-private di successo che hanno realizzato risultati rapidi. Wenger chiede: “Questi potrebbero essere un modello per i progressi futuri?”

L’istruzione accademica è stata spostata in contesti virtuali, molti laboratori sono stati chiusi e alcuni programmi hanno spinto gli studenti affinché si unissero al pool di professionisti che fornivano assistenza ai pazienti in emergenza. Le opportunità di carriera per studenti di medicina e professionisti si sono spostate in modi inaspettati e le donne scienziate sono state colpite in modo sproporzionato dalle quarantene a causa delle storiche responsabilità dell’assistenza all’infanzia. “Quali saranno gli effetti a lungo termine sulla scienza e la scoperta?” Si chiede Wenger.

Nell’editoria scientifica, la ricerca COVID-19 è stata accelerata attraverso il processo di revisione tra pari per soddisfare le pressioni e ha prodotto un modello efficace per una maggiore efficienza che dovrebbe essere continuata. I registri sanitari che sono stati implementati rapidamente per monitorare i pazienti COVID-19 potrebbero essere ampliati per includere misure, trattamenti ed esiti delle malattie cardiovascolari, in particolare perché ci sono ancora così tante incognite sul COVID-19 a lungo termine e sugli effetti cardiovascolari duraturi.

Il riconoscimento dell’ingiustizia sociale e la sua correlazione con esiti di salute peggiori sono stati messi in evidenza dalle morti sproporzionate di COVID-19 lo scorso anno nelle comunità afroamericane, ispaniche/latine, indiane americane/nativi dell’Alaska e delle isole del Pacifico. COVID-19 ha amplificato queste disparità e ha catalizzato impegni critici per smantellare il razzismo strutturale, come indicato nel già citato Avviso presidenziale AHA 2020.

Massimizzare l’innovazione e raggiungere l’equità per tutti

Wenger conclude: “La convergenza di tutti questi problemi, il loro impatto sulle malattie cardiovascolari e sulla cura, offre opportunità uniche di trasformazione nella medicina cardiovascolare, nell’assistenza clinica e nella ricerca. Dobbiamo rimanere concentrati e flessibili durante questo periodo senza precedenti per massimizzare l’innovazione e raggiungere l’equità per tutti “.

L’Associazione ha fatto passi da gigante in una serie di importanti aree segnalate da Wenger. Entro poche settimane dall’inizio della pandemia, l’Associazione ha istituito il registro CVD COVID-19 basato su Get With The Guidelines® per acquisire dati sulle caratteristiche cliniche dei pazienti, sui farmaci, sui trattamenti, sui laboratori, sui parametri vitali, sui biomarcatori e sui risultati per i pazienti adulti ospedalizzati con COVID-19, compresi i pazienti senza una storia di malattie cardiovascolari o ictus.

Fino a gennaio 2021, nel registro sono disponibili più di 37.000 cartelle di pazienti non identificati e oltre 135.000 rapporti di laboratorio da oltre 160 siti ospedalieri negli Stati Uniti. Il Registro continuerà a essere modificato e rafforzato ed è un potente archivio per guidare i progressi.

Poiché i primi dati sulla pandemia sono emersi e hanno confermato un minor numero di pazienti visti al pronto soccorso per infarti e ictus, l’Associazione ha lanciato la campagna di sensibilizzazione pubblica Don’t Die of Doubt nel luglio 2020. Disponibile sia in inglese che in spagnolo, la campagna si è concentrata sul ricordare agli americani che anche durante la pandemia, l’ospedale è ancora il posto più sicuro dove stare se si verificano i sintomi di un infarto o ictus.

 

 

Articolo precedenteCOVID-19: nei giovani, una precedente infezione non protegge completamente dalla reinfezione
Articolo successivoLa profilassi antibiotica per l’endocardite batterica è necessaria solo in soggetti ad alto rischio
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × 4 =