Immagine del coronavirus

COVID-19: esiti peggiori nelle persone giovani sovrappeso e obese

Il primo grande studio che ha valutato l’effetto del peso corporeo sul rischio di esiti peggiori a seguito di una malattia da COVID-19 è stato pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology.

La ricerca, basata sui dati raccolti in oltre 6,9 ​​milioni di persone che vivono in Inghilterra, e comprendente i dati di oltre 20.000 pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale o deceduti durante la prima ondata, ha rilevato che il rischio di esiti peggiori inizia ad aumentare nelle persone con un indice di massa corporea (IMC) superiore a 23 kg/m2. Un valore che viene considerato normale.

I rischi di ospedalizzazione sono risultati del 5% più alti per ogni unità di aumento dell’IMC e il rischio di ricovero in terapia intensiva era del 10% più alto per ogni unità di aumento. D’altre parte, anche le persone sottopeso (IMC inferiore a 18,5) hanno avuto esiti peggiori dal COVID-19.

L’incidenza di COVID-19 grave tra le persone di età compresa tra 20 e 39 anni è stata inferiore

L’effetto dell’eccesso di peso sul rischio di COVID-19 grave era maggiore nei giovani di età compresa tra 20 e 39 anni ed è diminuito dopo i 60 anni. L’aumento dell’IMC ha avuto un impatto minimo sul rischio di COVID-19 grave nelle persone di età superiore 80 anni (aumento del rischio di ospedalizzazione per unità IMC: 20-39 anni, 9%; 40-59 anni, 8%; 60-79 anni, 4%; 80-100 anni 1%). Tuttavia, l’incidenza complessiva di COVID-19 grave tra le persone di età compresa tra 20 e 39 anni è stata inferiore rispetto a tutti gli altri gruppi di età (numero di ricoveri: età 20-39, 922; età 40-59, 2.845; età 60-79, 5058; età 80+, 4678).

La dott.ssa Carmen Piernas, autrice principale dello studio, del Nuffield Department of Primary Care Health Sciences dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Il nostro studio mostra che anche un eccesso di peso molto modesto è associato a maggiori rischi di gravi complicanze durante COVID-19 e i rischi aumentano bruscamente all’aumentare dell’IMC. Dimostriamo anche che i rischi associati all’eccesso di peso sono maggiori nelle persone di età inferiore ai 40 anni, mentre il peso ha un effetto minimo o nullo sulle possibilità di sviluppare COVID-19 grave dopo gli 80 anni. Questi risultati suggeriscono che le politiche di vaccinazione dovrebbero dare la priorità alle persone con obesità, soprattutto ora che il vaccino viene distribuito a gruppi di età più giovani”.

Un trattamento in un’unità di terapia intensiva

Studi precedenti avevano riportato che l’obesità è associata a esiti più gravi dopo l’infezione con il virus SARS-CoV-2, ma questo è il primo ad esaminare le conseguenze dell’eccesso di peso sugli esiti di COVID-19 su tutta la gamma di IMC. Si è basato su cartelle cliniche rese anonime di 6.910.685 pazienti nel database QResearch delle cartelle cliniche elettroniche dei pazienti raccolte di routine in Inghilterra. Tutti i partecipanti inclusi nello studio avevano 20 anni o più e avevano almeno una misurazione dell’IMC nel loro registro. L’IMC medio nell’intero gruppo di studio era di 26,8 kg/m2.

I ricercatori hanno analizzato i dati tra il 24 gennaio e il 30 aprile 2020. Hanno scoperto che durante il periodo di studio, 13.503 pazienti sono stati ricoverati in ospedale con COVID-19, 1.602 pazienti hanno richiesto un trattamento in un’unità di terapia intensiva (ICU) e 5.479 pazienti sono morti. La maggior parte delle persone con COVID-19 grave aveva un’età superiore ai 60 anni.

Il rischio di esiti gravi da COVID-19 è aumentato progressivamente al di sopra di un IMC di 23 kg/m2 e questo era indipendente da altre condizioni di salute preesistenti, incluso il diabete di tipo 2.

I rischi associati a un IMC più elevato erano maggiori per i neri rispetto ai bianchi. Non c’erano prove che i rischi per altri gruppi etnici differissero da quelli della popolazione bianca.

COVID-19: una malattia che rimarrà tra di noi

Il professor Paul Aveyard, che ha co-condotto lo studio, del Nuffield Department of Primary Care Health Sciences dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Non sappiamo ancora se la perdita di peso riduce specificamente il rischio di gravi esiti di COVID-19, ma è altamente plausibile e porterà sicuramente altri benefici per la salute. Perdere peso è difficile e il recente investimento del NHS (il servizio sanitario del Regno Unito) per migliorare l’accesso ai programmi di gestione del peso potrebbe aiutare a ridurre la gravità del COVID-19 a livello di popolazione e ridurre la pressione sui sistemi sanitari, riducendo anche i rischi per il diabete di tipo 2 e alcuni tumori.”

Gli autori notano diversi limiti al loro studio. L’analisi dell’impatto dell’IMC può essere limitata dal campione più piccolo di persone con misurazioni recenti dell’IMC. Tuttavia, i risultati non sono cambiati quando i ricercatori hanno escluso le misurazioni dell’IMC che avevano più di un anno all’inizio del periodo di studio.

Scrivendo in un commento collegato, ProfesSor Krishnan Bhaskaran, che non è stato coinvolto nello studio, della London School of Hygiene & Tropical Medicine, Regno Unito, ha dichiarato: “Le principali priorità della ricerca futura saranno stabilire se l’IMC influisce sull’efficacia del vaccino e capire se le persone al di fuori dell’IMC normale (18,5–24,9 kg/m2) sono a maggior rischio di sequele post-COVID-19. Un ulteriore attento studio epidemiologico di queste e altre questioni emergenti fornirà informazioni per guidare la risposta della sanità pubblica a questa nuova malattia che probabilmente rimarrà”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + 9 =