Home Divulgazione scientifica Raccogliendo l’umidità dell’aria si può generare acqua potabile per 1 miliardo di...

Raccogliendo l’umidità dell’aria si può generare acqua potabile per 1 miliardo di persone

151
0

La raccolta dell’acqua atmosferica sfruttando l’energia solare potrebbe fornire acqua potabile sicura a circa 1 miliardo di persone. È quanto suggerisce una valutazione globale condotta su dispositivi ipotetici. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature, potrebbero fornire importanti informazioni per guidare la realizzazione di progetti per la tecnologia emergente e futura in questo campo.

I dispositivi per la raccolta dell’acqua atmosferica

In tutto il mondo, circa 2,2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile. Le popolazioni più colpite da questo problema sono quelle che vivono nell’Africa sub-sahariana, nell’Asia meridionale e in America Latina.

adv

I dispositivi per la raccolta dell’acqua atmosferica sono stati suggeriti come soluzioni alla carenza d’acqua e funzionano in due modi. I dispositivi passivi di raccolta dell’acqua si basano esclusivamente sulle condizioni meteorologiche, per raccogliere la rugiada precondensata o la nebbia. I dispositivi attivi, al contrario, possono impiegare l’energia solare per condensare l’acqua dopo la raccolta nel corso della notte, quando l’umidità è più alta, o lavorare a ciclo continuo, il che riduce le dimensioni del dispositivo necessario. Tuttavia, sono state sollevate domande sulle loro prestazioni e il potenziale globale dei dispositivi non è stato analizzato.

Jackson Lord, Philipp Schmaelzle, Ashley Thomas e colleghi presentano uno strumento geospaziale per valutare il potenziale dei dispositivi di raccolta dell’acqua atmosferica che lavorano per fornire acqua potabile sicura. Lo strumento incorpora modelli globali di umidità, temperatura dell’aria e radiazione solare e si basa su ipotetici dispositivi di raccolta dell’acqua a energia solare con aree di raccolta solare di 1-2 m2.

Il potenziale per fornire acqua potabile sicura a circa 1 miliardo di persone

I risultati mostrano che una forte luce solare e un’umidità superiore al 30% in effetti coincidono sufficientemente e supportano la produzione di una media di cinque litri di acqua al giorno tramite il funzionamento continuo diurno. Distribuiti ampiamente, tali dispositivi potrebbero avere il potenziale per fornire acqua potabile sicura a circa 1 miliardo di persone che vivono in queste condizioni climatiche. Gli autori hanno anche confrontato questi risultati con il potenziale dei dispositivi esistenti e indicano che con le tecnologie emergenti questi obiettivi sono possibili.

L’analisi si concentra sull’acqua potabile sicura e non valuta l’acqua per altri usi, come l’irrigazione, l’igiene o la cucina. Gli autori suggeriscono che con il continuo sviluppo tecnologico le loro proiezioni potrebbero essere soddisfatte e potrebbero guidare il design futuro di questi sistemi, per massimizzare l’impatto globale.

Articolo precedenteIl rapporto tra COVID lungo e la sindrome da stanchezza cronica
Articolo successivoLa mammografia oltre i 75 anni potrebbe causare più danni che benefici
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

due + 18 =