Home Astronomia Importanti scoperte sulla storia della Luna rianalizzando i campioni delle missioni Apollo

Importanti scoperte sulla storia della Luna rianalizzando i campioni delle missioni Apollo

776
0
The voyage of Apollo 17 marked the program’s concluding expedition to the moon. The mission lifted off after midnight on December 7, 1972 from Kennedy Space Center and touched down on the lunar surface on December 11. The crew spent almost 75 hours on the lunar surface, conducted nearly 22 hours of extravehicular activities (EVAs), and traveled almost 19 miles in the Lunar Roving Vehicle (LRV). During lunar lift-off on December 14, Apollo 17 Mission Commander Eugene A. Cernan remarked that the astronauts were leaving as they came, “with peace and hope for all mankind.” In this photo, taken during the second spacewalk on December 12, 1972, Cernan is standing near the lunar rover designed by Marshall Space Flight Center in Huntsville, Ala. Image Credit: NASA

Una nuova analisi di un campione di roccia prelevato dalla Luna durante la missione Apollo 17 ha portato a interessanti scoperte che riguardano la storia evolutiva del nostro satellite. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications, rivela nuove informazioni sul complesso processo di raffreddamento avvenuto sulla superficie del nostro satellite milioni di anni fa.

La concentrazione di fosforo all’interno della roccia lunare

Nel 1972 gli astronauti dell’Apollo 17 hanno raccolto campioni di roccia detta troctolite 76535 dalla superficie lunare e questi reperti rimangono tutt’oggi scientificamente preziosi, grazie alla loro natura incontaminata.

adv

William Nelson e colleghi hanno esaminato la troctolite 76535 utilizzando moderne tecniche analitiche ad alta risoluzione.

Gli autori hanno misurato la concentrazione di fosforo all’interno della roccia e hanno scoperto che i modelli di diffusione conservati nei grani minerali erano coerenti con una storia di raffreddamento rapido di circa 20 milioni di anni. Questa scoperta sfida le precedenti stime di una durata di raffreddamento di 100 milioni di anni e sostiene l’ipotesi che si sia verificato un rapido raffreddamento dei magmi all’interno della crosta lunare.

Gli autori sostengono che i risultati evidenziano come la prima evoluzione e la storia del raffreddamento della Luna sono più complesse di quanto si pensasse in precedenza. Lo studio dimostra l’importanza di riesaminare vecchi campioni lunari raccolti nel corso delle missioni Apollo e quanto velocemente nuovi dati possono rimodellare la nostra comprensione dell’evoluzione planetaria.

In un commento di accompagnamento, Tabb Prissel e Kelsey Prissel sottolineano ulteriormente l’importanza di riesaminare i vecchi campioni lunari, utilizzando nuove tecniche analitiche. Gli autori forniscono anche una prospettiva sulle missioni di campionamento lunare in corso e nel prossimo futuro per migliorare la nostra comprensione della storia della Luna.

Articolo precedenteDemenza senile: nel 2050 si prevedono casi triplicati
Articolo successivoIpertensione in gravidanza: il punto di vista dell’American Heart Association
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui