Home In Evidenza Demenza senile: nel 2050 si prevedono casi triplicati

Demenza senile: nel 2050 si prevedono casi triplicati

756
0

Si prevede che il numero di adulti di età pari o superiore a 40 anni che convivono con demenza in tutto il mondo dovrebbe quasi triplicare a causa principalmente della crescita e dell’invecchiamento della popolazione, passando da circa 57 milioni nel 2019 a 153 milioni nel 2050. Questi dati così allarmati arrivano da una nuova analisi dello studio Global Burden of Disease, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health, il primo a fornire stime previsionali per 195 paesi in tutto il mondo su questo tema.

Quattro fattori di rischio per la demenza

Lo studio esamina anche quattro fattori di rischio per la demenza – fumo, obesità, glicemia elevata e bassa istruzione – e mette in evidenza l’impatto che avranno sulle tendenze future. Ad esempio, si prevede che i miglioramenti nell’accesso all’istruzione globale ridurranno la prevalenza della demenza di 6,2 milioni di casi in tutto il mondo entro il 2050. Questo sarà però contrastato dalle tendenze previste in materia di obesità, glicemia alta e fumo, che dovrebbero tradursi in un’ulteriore 6,8 milioni di casi di demenza.

adv

Gli autori sottolineano l’urgente necessità di implementare interventi su misura a livello locale che riducano l’esposizione ai fattori di rischio, insieme alla ricerca per scoprire efficaci trattamenti che influenzino la malattia e nuovi fattori di rischio modificabili per ridurre il suo impatto futuro.

“Il nostro studio offre previsioni migliorate per la demenza su scala globale e a livello nazionale, fornendo ai responsabili politici e agli esperti di salute pubblica nuove informazioni per comprendere i driver di questi aumenti, sulla base dei migliori dati disponibili”, afferma l’autore principale Emma Nichols dell’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) dell’Università di Washington, USA. “Queste stime possono essere utilizzate dai governi nazionali per assicurarsi che risorse e supporto siano disponibili per gli individui, gli operatori sanitari e i sistemi sanitari a livello globale”.

Continua: “Allo stesso tempo, dobbiamo concentrarci maggiormente sulla prevenzione e sul controllo dei fattori di rischio prima che si traducano in demenza. Anche modesti progressi nella prevenzione della demenza o nel ritardarne la progressione pagherebbero notevoli dividendi. Per avere il massimo impatto, dobbiamo ridurre l’esposizione ai principali fattori di rischio in ogni paese. Per la maggior parte, questo significa aumentare i programmi a basso costo appropriati a livello locale che supportano diete più sane, più esercizio fisico, l’abolizione del fumo e un migliore accesso all’istruzione. E significa anche continuare a investire nella ricerca per identificare trattamenti efficaci per fermare, rallentare o prevenire la demenza”.

La demenza senile: tassi in crescita in Africa e Medio Oriente

La demenza è attualmente la settima causa di morte in tutto il mondo e una delle principali cause di disabilità e dipendenza tra le persone anziane a livello globale, con costi globali stimati nel 2019 in oltre 1.000 miliardi di dollari. Sebbene la demenza colpisca principalmente le persone anziane, non è una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento. Una Commissione Lancet pubblicata nel 2020 ha suggerito che fino al 40% dei casi di demenza potrebbe essere prevenuto o ritardato eliminando l’esposizione a 12 fattori di rischio noti: bassa istruzione, pressione alta, problemi di udito, fumo, obesità di mezza età, depressione, inattività fisica, diabete, isolamento sociale, consumo eccessivo di alcol, trauma cranico e inquinamento atmosferico.

Questo nuovo studio prevede che il maggiore aumento della prevalenza si verificherà nell’Africa subsahariana orientale, dove si prevede che il numero di persone che convivono con demenza aumenterà del 357%, da quasi 660.000 nel 2019 a oltre 3 milioni nel 2050, principalmente guidato dalla crescita della popolazione, con Gibuti (473%), Etiopia (443%) e sud Sudan (396%) che dovrebbero registrare i maggiori aumenti. Allo stesso modo, in Nord Africa e Medio Oriente, si prevede una crescita dei casi del 367%, da quasi 3 milioni a quasi 14 milioni, con incrementi particolarmente consistenti in Qatar (1926%), Emirati Arabi Uniti (1795%) e Bahrain. (1084%).

Al contrario, il più piccolo aumento del numero di casi di demenza è previsto nell’Asia del Pacifico ad alto reddito, dove si prevede che il numero di casi crescerà del 53%, da 4,8 milioni nel 2019 a 7,4 milioni nel 2050, con un aumento particolarmente contenuto in Giappone (27%). In questa regione, si prevede che il rischio di demenza per ogni fascia di età diminuirà, il che suggerisce che le misure preventive, compresi i miglioramenti nell’istruzione e negli stili di vita sani, stanno avendo un impatto.

La demenza in Europa: le cose non vanno meglio

Allo stesso modo, nell’Europa occidentale, il numero di casi di demenza dovrebbe aumentare del 74%, da quasi 8 milioni nel 2019 a quasi 14 milioni nel 2050. Si prevedono aumenti relativamente piccoli dei casi in Grecia (45%), Italia (56%), Finlandia (58%), Svezia (62%) e Germania (65%). Nel Regno Unito, si prevede che il numero di casi di demenza aumenterà del 75%, da poco più di 907.000 nel 2019 a quasi 1,6 milioni nel 2050.

A livello globale, più donne sono colpite da demenza rispetto agli uomini. Nel 2019, le donne con demenza hanno superato gli uomini con demenza da 100 a 69. E questo modello dovrebbe rimanere nel 2050. “Non è solo perché le donne tendono a vivere più a lungo”, afferma il co-autore Dr Jaimie Steinmetz dell’IHME, Università di Washington, USA. “Ci sono prove di differenze di sesso nei meccanismi biologici che sono alla base della demenza. È stato suggerito che la malattia di Alzheimer possa diffondersi in modo diverso nel cervello delle donne rispetto agli uomini e che diversi fattori di rischio genetici sembrano correlati al rischio di malattia per sesso”.

Secondo il co-autore, il professor Theo Vos dell’IHME, Università di Washington, USA, “i paesi a basso e medio reddito in particolare dovrebbero attuare politiche nazionali ora in grado di mitigare i fattori di rischio di demenza per il futuro, come dare priorità all’istruzione e a stili di vita sani. Garantire che le disuguaglianze strutturali nell’accesso ai servizi sanitari e di assistenza sociale possano essere affrontate e che i servizi possano essere ulteriormente adattati alle esigenze, senza precedenti, di una popolazione anziana in aumento, con esigenze di assistenza complesse, che richiederà una pianificazione considerevole a livello sia locale che nazionale”.

Demenza senile: proiezioni apocalittiche

Gli autori riconoscono che la loro analisi è stata limitata dalla mancanza di dati di alta qualità in diverse parti del mondo, tra cui l’Africa subsahariana, l’Europa orientale e l’America centrale, e da studi che utilizzano diverse metodologie e definizioni di demenza. Notano inoltre che non sono stati in grado di considerare tutti e 12 i fattori di rischio del rapporto della Commissione Lancet del 2020 perché erano limitati ai fattori di rischio inclusi nello studio e includevano solo fattori di rischio con una forte evidenza di associazione. Tuttavia, l’inclusione di ulteriori fattori di rischio non avrebbe necessariamente portato a un cambiamento nella prevalenza prevista, a meno che non fossero previsti anche cambiamenti nell’esposizione a un dato fattore di rischio. Infine, osservano che lo studio ha esaminato la prevalenza complessiva della demenza ed è possibile che i sottotipi clinici, come la demenza vascolare, possano avere relazioni diverse con i fattori di rischio, che potrebbero influenzare i risultati.

Scrivendo in un commento collegato, il dott. Michaël Schwarzinger e la dott.ssa Carole Dufouil, dell’ospedale universitario di Bordeaux in Francia affermano: “Secondo noi, gli sforzi degli autori per basarsi su Global Burden of Disease 2019 stanno ancora semplificando eccessivamente i meccanismi sottostanti che causano demenza… forniscono proiezioni apocalittiche che non tengono conto dei cambiamenti consigliabili nello stile di vita nel corso della vita. C’è un bisogno considerevole e urgente di rafforzare un approccio di salute pubblica alla demenza per informare meglio le persone e i decisori sui mezzi appropriati per ritardare o evitare queste terribili proiezioni”.

 

Articolo precedenteL’obesità nei giovani fa aumentare il rischio di sviluppare un carcinoma del colon-retto
Articolo successivoImportanti scoperte sulla storia della Luna rianalizzando i campioni delle missioni Apollo
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui