Home Cardiologia Ansia e uso di psicofarmaci fanno aumentare il rischio di morte nei...

Ansia e uso di psicofarmaci fanno aumentare il rischio di morte nei pazienti cardiopatici

494
0
copyright American Heart Association.

Secondo una recente ricerca, l’uso di antidepressivi e altri farmaci psichiatrici si associa a un rischio quasi raddoppiato di morte prematura, nei pazienti con problemi cardiaci. L’articolo è stato pubblicato sullo European Journal of Cardiovascular Nursing, una rivista della Società Europea di Cardiologia.

“Il nostro studio mostra che l’uso di psicofarmaci è comune nelle persone con malattie cardiache. Inoltre, quasi un paziente su tre presentava sintomi di ansia. I pazienti con malattie cardiache dovrebbero essere sistematicamente valutati per i disturbi mentali e gli deve essere chiesto se usano farmaci psicotropi e per quale motivo”, ha affermato l’autrice dello studio, la dott.ssa Pernille Fevejle Cromhout, del Copenhagen University Hospital, in Danimarca.

adv

“È importante ricordare che la prescrizione di un farmaco psicotropo è indicato in presenza di un disturbo mentale, che di per sé potrebbe contribuire a un aumento del rischio di morte”, ha affermato il dott.ssa Cromhout. “Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare se la mortalità più elevata è dovuta all’uso di farmaci psicotropi o alla malattia mentale sottostante”.

Pazienti ricoverati in ospedale

Precedenti studi hanno trovato un’associazione tra sintomi di ansia e peggiori esiti clinici, inclusa la morte, in pazienti con malattie cardiache. Questo studio ha esplorato se questo legame potesse essere spiegato dall’uso di farmaci psicotropi.

Lo studio ha arruolato 12.913 pazienti ricoverati in ospedale per cardiopatia ischemica, aritmie, insufficienza cardiaca o cardiopatia valvolare dall’indagine nazionale DenHeart. I partecipanti hanno completato un questionario alla dimissione dall’ospedale e sono stati classificati come affetti da sintomi di ansia se avevano ottenuto un punteggio di otto o più nella scala dell’ansia e della depressione dell’ospedale (HADS-A).

Le informazioni sui farmaci sono state ottenute utilizzando i registri nazionali. I pazienti sono stati definiti consumatori di psicofarmaci se avevano raccolto almeno una prescrizione durante i sei mesi precedenti il ​​ricovero in ospedale di benzodiazepine, farmaci benzodiazepinici, antidepressivi o antipsicotici. I pazienti sono stati seguiti per un anno dopo la dimissione dall’ospedale registrando la morte dovuta a qualsiasi causa.

I farmaci più comunemente usati erano le benzodiazepine

I ricercatori hanno scoperto che 2.335 partecipanti (18%) hanno riscattato almeno una prescrizione di farmaci psicotropi durante i sei mesi precedenti il ​​ricovero in ospedale. I farmaci più comunemente usati erano le benzodiazepine (68%) e gli antidepressivi (55%). L’uso di farmaci psicotropi era maggiore tra le donne, i pazienti più anziani, i fumatori, i pazienti vedovi, quelli con meno istruzione e i pazienti con un numero maggiore di problemi di salute coesistenti.

Quasi un terzo dei pazienti cardiopatici (32%) è stato classificato come affetto da ansia. L’uso di psicofarmaci era due volte più alto nei pazienti con ansia (28%) rispetto a quelli senza ansia (14%).

Un totale di 362 pazienti (3%) è morto entro il primo anno dopo la dimissione dall’ospedale. Il tasso di mortalità a un anno era significativamente più alto tra i consumatori di farmaci psicotropi (6%) rispetto ai non utilizzatori (2%).

Il riscatto di una prescrizione di farmaci psicotropi nei sei mesi precedenti il ​​ricovero è stato associato a una probabilità maggiore di 1,90 di morte per tutte le cause durante l’anno successivo alla dimissione, dopo aver aggiustato l’analisi per età, sesso, diagnosi cardiaca, condizioni coesistenti, stato di fumatore, indice di massa corporea, livello di istruzione e stato civile. La presenza di ansia era associata a una probabilità maggiore di 1,81 di morte per tutte le cause durante lo stesso periodo di tempo.

I pazienti con malattie cardiache che soffrono di ansia

Quando le analisi sono state adattate anche all’uso di farmaci psicotropi prima del ricovero e alla presenza di ansia, le associazioni si sono indebolite. L’uso di farmaci psicotropi era associato a 1,73 maggiori probabilità di morte e ansia con 1,67 maggiori probabilità di morte. Il Dr. Cromhout ha spiegato: “L’indebolimento delle relazioni suggerisce che il legame tra farmaci psicotropi e morte è influenzato dalla presenza di ansia. E, allo stesso modo, che la connessione tra ansia e morte è influenzata dall’uso di farmaci psicotropi”.

Ha continuato: “I pazienti con malattie cardiache che soffrono di ansia dovrebbero informare gli operatori sanitari coinvolti nel loro trattamento come farebbero con qualsiasi altra condizione coesistente. Dovrebbero anche chiedere che la loro ansia sia riconosciuta come importante e uguale alla loro malattia cardiaca”.

Articolo precedenteJeep: la prima Grand Cherokee elettrificata in arrivo nel 2022
Articolo successivoL’importanza di insegnare sane abitudini per la salute del cuore già in età prescolare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui