Home In Evidenza Versione migliorata per la nuova Audi A8: molta tecnologia, poca (per il...

Versione migliorata per la nuova Audi A8: molta tecnologia, poca (per il momento) ecologia

288
0

A Cura di Guidare nel Mondo.

Mentre tutto il modo dell’auto è teso a proporre nuovi modelli elettrici e ibridi, Audi non dimentica l’importanza per il mercato dei suoi modelli di punta e presenta una versione migliorata dell’Audi A8.

adv

La berlina di lusso della casa tedesca presenta un’evoluzione tecnologica interessante, molto sofisticata, e fa ampio sfoggio di motorizzazioni potenti, che possono erogare fino a 460 CV. Per il momento è di serie il sistema mild-hybrid a 48V, ma a breve anche queste grandi vetture dovrebbero seguire la deriva verso l’elettrificazione.

Iniziamo dagli esterni

Andiamo con ordine ed esaminiamo le novità proposte in questo nuovo allestimento della A8. La base della griglia singleframe è ora più ampia e gli angoli cromati che aumentano di dimensioni dal basso verso l’alto ne guarniscono la griglia. Le prese d’aria laterali sono più dritte, come i fari.

La cupola del tetto è piatta. Le linee allungate della carrozzeria sottolineano la sua lunghezza, gli ampi passaruota ricordano il sistema di trazione quattro di serie. In tutte le varianti di modello, l’area del pannello bilancieri ha una forma concava e termina con una lama rivolta verso la strada. La parte posteriore è dominata da ampie fibbie cromate, una firma del fanale posteriore personalizzabile con OLED digitali e una striscia luminosa continua e segmentata. L’inserto del diffusore nel paraurti è accentuato e ridisegnato con barre orizzontali.

I miglioramenti hanno modificato solo minimamente le dimensioni dell’ammiraglia Audi. La A8 ha un passo di 3,00 metri, una lunghezza di 5,19 metri, una larghezza di 1,95 metri e un’altezza di 1,47 metri. Il corpo della A8 segue lo stesso principio dell’Audi Space Frame (ASF): è composto per il 58% da parti in alluminio. L’abitacolo è costituito da componenti in acciaio stampati a caldo integrati da un pannello posteriore ad altissima resistenza ed estremamente rigido alla torsione, realizzato in un polimero rinforzato con fibra di carbonio. Le barre di sostegno in magnesio completano il concetto di costruzione leggera.

Per ulteriori dettagli su questa e altre auto e scoprire itinerari di viaggio, sulle strade del mondo, visita il sito

 

Articolo precedenteCambiamenti climatici: l’impatto ambientale ed economico del permafrost che si scioglie
Articolo successivoCOVID e gravidanza: il virus non viene trasmesso con il latte materno
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

1 × 1 =