Home Ginecologia La gravidanza induce cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello

La gravidanza induce cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello

288
0

La gravidanza può causare cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello della madre, che sono associati al comportamento materno. Lo suggerisce uno studio pubblicato recentemente sulla rivista Nature Communications. I risultati della ricerca indicano che questi cambiamenti possono contribuire allo sviluppo dei comportamenti materni durante la gravidanza e dopo il parto, come il legame materno-fetale, i comportamenti di nidificazione, la risposta fisiologica ai segnali del bambino e il legame madre-bambino.

Se da un lato conosciamo bene come la gravidanza possa associarsi a forti cambiamenti ormonali, poco sappiamo sui suoi effetti sulla struttura e sulla funzione neurale negli esseri umani.

adv

Per indagare su come la gravidanza possa portare a cambiamenti nel cervello, Elseline Hoekzema e colleghi hanno esaminato 40 donne prima della gravidanza, durante la gravidanza e dopo il parto. In 28 di queste donne è stato fatto anche un follow-up ad un anno dopo il parto.

Specifici cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello

I ricercatori hanno rilevato una maggiore connettività funzionale nel Default Mode Network (DMN, un gruppo di regioni cerebrali interconnesse che sono più attive quando la madre è a riposo) associata alla gravidanza. Un’attività che è poi tornata ai livelli basali a un anno dal parto.

Inoltre, gli autori hanno rilevato un’associazione tra l’attività funzionale del DMN durante la gravidanza e le misure del legame madre-bambino nella fase post-partum. Gli autori hanno anche confermato i cambiamenti osservati in precedenza nel volume della materia grigia del DMN durante la gravidanza. Questi cambiamenti sono risultati essere correlati con i livelli di ormone della gravidanza.

Al contrario, durante la gravidanza non sono stati osservati cambiamenti nella struttura della sostanza bianca.

I risultati suggeriscono che la gravidanza possa essere associata a specifici cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello, più specificamente nel DMN. È stata anche trovata una potenziale relazione tra questa rete e i comportamenti materni in gravidanza e nel periodo postpartum. Tuttavia, a causa del disegno adottato per questo studio, va notato che non è possibile concludere un nesso causale tra i cambiamenti cerebrali e il legame materno.

Articolo precedenteL’ipertensione arteriosa dopo il parto si può presentare anche oltre le sei settimane
Articolo successivoNel 2019 le infezioni batteriche sono state la seconda causa di morte nel mondo
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui