Home In Evidenza Nel 2019 le infezioni batteriche sono state la seconda causa di morte...

Nel 2019 le infezioni batteriche sono state la seconda causa di morte nel mondo

192
0
Colorized scanning electron micrograph of Escherichia color, grown in culture and adhered to a cover slop. Credit: National Institute of Allergy and Infectious Diseases, National Institutes of Health

Nel 2019 le comuni infezioni batteriche hanno rappresentato la seconda principale causa di morte e sono state collegate a un decesso su otto a livello globale. Sono questi i risultati principali di un’analisi di recente pubblicazione sulla rivista The Lancet.

Ci sono stati 7,7 milioni di decessi nel 2019 associati a 33 infezioni batteriche comuni. Cinque batteri da soli sono stati collegati a più della metà di tutti i decessi. I patogeni batterici più letali e i tipi di infezione variavano in base alla posizione geografica e all’età.

adv

Seconde solo alla cardiopatia ischemica come principale causa di morte nel 2019, l’analisi evidenzia la riduzione delle infezioni batteriche come priorità di salute pubblica globale. Costruire sistemi sanitari più forti, con una maggiore capacità di diagnostica laboratoristica, attuare misure di controllo e ottimizzare l’uso di antibiotici è fondamentale per ridurre il peso delle malattie causate dalle comuni infezioni batteriche.

“Questi nuovi dati per la prima volta rivelano l’intera portata della sfida globale per la salute pubblica rappresentata dalle infezioni batteriche”, ha affermato il dott. Christopher Murray, coautore dello studio e direttore dell’Istituto per le metriche e la valutazione della salute (IHME), presso l’Università della Scuola di Medicina di Washington. “È della massima importanza mettere questi risultati sul radar delle iniziative sanitarie globali, in modo da poter condurre un’immersione più profonda in questi agenti patogeni mortali e fare investimenti adeguati per ridurre drasticamente il numero di morti e infezioni”.

Lacune di finanziamento

Sebbene esistano molte stime per agenti patogeni come la tubercolosi, la malaria e l’HIV, fino ad ora le stime del peso delle malattie causate da patogeni batterici erano limitate a una manciata di agenti patogeni e tipi di infezione specifici o focalizzate solo su popolazioni specifiche.

La maggior parte dei decessi è stata collegata a due dei patogeni: lo S. aureus e l’E. coli. Nonostante il loro impatto sia stato molto superiore a quello dovuto all’infezione da HIV/AIDS nel 2019, l’analisi mostra che la ricerca sull’HIV ha ricevuto 42 miliardi di dollari, mentre la ricerca sull’E. coli ha ricevuto 800 milioni di dollari. Gli autori affermano che tali lacune di finanziamento potrebbero essere sorte perché, fino ad ora, c’era una mancanza di dati sull’impatto reale di queste infezioni.

Il nuovo studio fornisce le prime stime globali della mortalità associata a 33 patogeni batterici comuni e 11 principali tipi di infezione – noti come sindromi infettive – che possono portare alla morte per sepsi. Sono state prodotte stime per tutte le età e genere in 204 paesi e territori.

Utilizzando i dati e i metodi degli studi Global Burden of Disease 2019 e della Global Research on Antimicrobial Resistance (GRAM) [2], gli autori hanno utilizzato 343 milioni di record individuali e isolati di agenti patogeni per stimare i decessi associati a ciascun agente patogeno e al tipo di infezione responsabile.

L’agente patogeno associato al maggior numero di morti

Dei 13,7 milioni di decessi correlati all’infezione stimati avvenuti nel 2019, 7,7 milioni sono stati associati ai 33 patogeni batterici studiati. I decessi associati a questi batteri hanno rappresentato il 13,6% di tutti i decessi globali e più della metà di tutti i decessi correlati alla sepsi nel 2019. Oltre il 75% dei 7,7 milioni di decessi batterici si è verificato a causa di tre sindromi: infezioni delle vie respiratorie inferiori (LRI), infezioni del flusso sanguigno (BSI) e infezioni peritoneali e intra-addominali (IAA).

Cinque agenti patogeni – S. aureus, E. coli, S. pneumoniae, K. pneumoniae e P. aeruginosa – sono stati responsabili del 54,2% dei decessi tra i batteri studiati. L’agente patogeno associato al maggior numero di morti a livello globale è stato lo S. aureus, con 1,1 milioni di morti. Altri quattro agenti patogeni sono stati associati ciascuno a più di 500.000 decessi: E. coli (950.000 decessi), S. pneumoniae (829.000), K. pneumonia (790.000) e Pseudomonas aeruginosa (559.000). Un numero simile di decessi ha colpito femmine e maschi.

I tassi di mortalità standardizzati per età variavano in base alla località, così come i patogeni più letali. L’Africa sub-sahariana ha registrato il più alto tasso di mortalità, con 230 morti ogni 100.000 abitanti. In confronto, la superregione ad alto reddito – che comprende paesi dell’Europa occidentale, del Nord America e dell’Australasia – ha registrato il tasso di mortalità più basso, con 52 morti ogni 100.000 abitanti. Lo S. aureus è stato la principale causa batterica di morte in 135 paesi, seguita da E. coli (37 paesi), S. pneumoniae (24 paesi) e K. pneumoniae e Acinetobacter baumannii (4 paesi ciascuno).

Un carico sproporzionatamente elevato di infezioni batteriche

“Fino ad ora, le stime a livello di paese per le parti del mondo in cui le persone sono più colpite dalle infezioni batteriche erano assenti”, ha affermato Authia Gray, coautrice dello studio e Post-Bachelor Fellow presso IHME presso la School of Medicine dell’Università di Washington. “Questi nuovi dati potrebbero fungere da guida per aiutare ad affrontare il carico sproporzionatamente elevato di infezioni batteriche nei paesi a basso e medio reddito e potrebbero in definitiva aiutare a salvare vite umane e impedire alle persone di perdere anni della propria vita a causa della malattia”.

Gli agenti patogeni associati alla maggior parte dei decessi differivano per età. Con i 940.000 decessi, lo S. aureus è stato associato al maggior numero di decessi negli adulti di età superiore ai 15 anni. La maggior parte dei decessi nei bambini di età compresa tra 5 e 14 anni è stata associata alla Salmonella enterica serovar Typhi, con 49.000 morti. Nei bambini di età superiore ai neonati ma sotto i 5 anni, lo S. pneumoniae è stato l’agente patogeno più mortale, responsabile di 225.000 decessi. L’agente patogeno associato alla maggior parte dei decessi neonatali è stata la K. pneumoniae, con 124.000 decessi.

Articolo precedenteLa gravidanza induce cambiamenti nella struttura e nella funzione del cervello
Articolo successivoFarmaco contro COVID -19 potrebbe interferire con alcuni trattamenti per le cardiopatie
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui