Home Cardiologia Un parto programmato può ridurre i temuti casi di preeclampsia

Un parto programmato può ridurre i temuti casi di preeclampsia

598
0

Più della metà di tutti i casi di preeclampsia che si verificano durante le settimane 37-42 di gravidanza (a termine) possono essere prevenuti con un parto programmato, come un’induzione programmata o un parto cesareo. Questo è quanto rileva un recente studio pubblicato sulla rivista Hypertension.

La preeclampsia è la forma più pericolosa di ipertensione arteriosa (≥140/90 mm Hg) durante la gravidanza ed è una delle principali cause di morte materna in tutto il mondo.

Questa condizione viene in genere diagnosticata dopo 20 settimane di gravidanza. I sintomi includono mal di testa, alterazioni della vista e gonfiore delle mani, dei piedi, del viso o degli occhi della madre, o un cambiamento nel benessere del bambino. La preeclampsia può inoltre indicare che la donna sarà a rischio in futuro di sviluppare malattie cardiovascolari.

Lo screening per la preeclampsia

Il parto pretermine può essere considerato un’opzione per le donne che sviluppano preeclampsia durante le settimane 20-36 di gravidanza. Tuttavia, la maggior parte dei casi si verifica durante il periodo chiamato a termine, che è compreso tra 37 e 42 settimane di gravidanza.

Mentre lo screening per la preeclampsia è di routine durante la gravidanza, ci sono opzioni terapeutiche limitate che si sono dimostrate sicure ed efficaci. L’aspirina a basso dosaggio più che dimezza il rischio di preeclampsia pretermine tra le donne a rischio. D’altra parte, l’aspirina non influisce sul rischio di preeclampsia a termine, che è tre volte più comune della preeclampsia pretermine ed è associata a più complicanze per madri e bambini.

Prevenire la preeclampsia a termine

Le strategie di parto programmato, compreso il travaglio indotto e i parti cesarei pianificati in anticipo, sono già ampiamente praticate per vari motivi. Tuttavia, sono raramente utilizzati come intervento per prevenire la preeclampsia a termine.

“Il parto programmato è realizzabile in molti ospedali o centri sanitari”, ha affermato l’autrice principale dello studio Laura A. Magee, professoressa al King’s College di Londra, “quindi il nostro approccio proposto per prevenire la preeclampsia a termine ha un enorme potenziale per il bene globale nella cura della maternità”.

I ricercatori hanno esaminato più di 10 anni di cartelle cliniche, per quasi 90.000 gravidanze, in due ospedali (King’s College Hospital, Londra e Medway Maritime Hospital, Gillingham) nel Regno Unito. Ci sono state 57.131 gravidanze con cartelle cliniche tra le 11 e le 13 settimane (tra il 2006 e il 2017), in cui si sono verificati 1.138 casi di preeclampsia a termine. Tra il 2016 e il 2018 sono state registrate 29.035 gravidanze da 35 a 36 settimane, in cui si sono verificati 619 casi di preeclampsia a termine.

Nell’analisi, i ricercatori hanno valutato il rischio di preeclampsia e i potenziali benefici del parto programmato per entrambi i gruppi, con criteri clinici standard per la preeclampsia e un modello di previsione del rischio. Questo modello automatizzato prevede il rischio di preeclampsia sulla base di vari fattori individuali, come la storia materna, la pressione sanguigna e gli esami del sangue.

Il parto programmato può rivelarsi un intervento efficace

La maggior parte delle donne nel set di dati aveva poco più di 30 anni, si autoidentificava come bianca e aveva un indice di massa corporea ai limiti superiori della norma. Circa il 10% delle donne nell’analisi si autoidentificava anche come fumatrice; meno del 3% aveva una storia medica di ipertensione, diabete di tipo 2 o una malattia autoimmune. Solo il 3,9% ha riportato una storia familiare di preeclampsia.

La preeclampsia a termine si è verificata con una frequenza simile quando i partecipanti sottoposti a screening durante il primo trimestre sono stati confrontati con quelli sottoposti a screening durante il terzo trimestre. In media, le donne incluse nello studio hanno partorito a 40 settimane e due terzi di tutti i partecipanti hanno avuto un inizio spontaneo del travaglio. Circa un quarto delle donne incluse nell’analisi ha avuto parti cesarei.

L’analisi indica che, quando si utilizza la modellazione del rischio al posto dello screening clinico standard, il parto programmato può rivelarsi un intervento efficace per ridurre di oltre la metà il rischio di preeclampsia a termine.

“I nostri risultati suggeriscono che oltre la metà dei casi di preeclampsia a termine può essere prevenuta dal parto programmato”, ha affermato Magee. “È importante notare che essere a più alto rischio di preeclampsia a termine era associato a un inizio spontaneo precoce del travaglio, quindi le donne a più alto rischio avevano già meno probabilità di partorire vicino alla data prevista”.

Un’ampia popolazione di donne

Le limitazioni dello studio includevano il fatto che i ricercatori hanno calcolato il rischio potenziale solo attraverso la modellazione del rischio. Inoltre, lo studio non ha esaminato il potenziale di preeclampsia dopo il parto.

Sebbene si trattasse di uno studio osservazionale che utilizzava modelli per prevedere la riduzione del rischio di preeclampsia a termine, i ricercatori hanno notato che i punti di forza dello studio includono l’ampia popolazione di donne rappresentate e che l’induzione del travaglio e il parto cesareo sono opzioni ampiamente disponibili.

Tuttavia, sono necessari studi clinici randomizzati per valutare la sicurezza e l’efficacia del parto programmato come intervento appropriato per ridurre la preeclampsia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui