Home Cardiologia Le statine riducono maggiormente il colesterolo negli anziani

Le statine riducono maggiormente il colesterolo negli anziani

602
0
BruceBlaus/CC BY 3.0

Uno studio condotto su oltre 80.000 persone ha rilevato che l’età è un significativo fattore predittivo indipendente della risposta del colesterolo LDL (LDL-C) all’inizio del trattamento con statine.

L’inizio di un trattamento con statine di intensità da bassa a moderata è stato associato a una maggiore riduzione del C-LDL nelle persone anziane rispetto ai giovani, indipendentemente dal fatto che la statina fosse prescritta per la prevenzione primaria, per la prevenzione secondaria o tra i pazienti con diabete. I risultati di questa interessante ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Annals of Internal Medicine.

Prevenzione primaria e prevenzione secondaria negli anziani

La risposta da paziente a paziente di LDL-C varia ampiamente nel trattamento con statine. Tra i vari fattori coinvolti in questo fenomeno, la riduzione del C-LDL può dipendere anche dall’età del paziente trattato.

Le persone di età superiore ai 75 anni sono però sottorappresentate negli studi clinici randomizzati, il che limita le prove sugli effetti del trattamento con statine in questa fascia di età. Mentre le attuali linee guida raccomandano l’uso di statine per la prevenzione secondaria negli anziani, la raccomandazione è meno forte per la prevenzione primaria.

I ricercatori dello Statens Serum Institut, del Danish Cancer Society Research Center, del Copenhagen University Hospital – Bisbebjerg e Frederiksberg e della Stanford University hanno condotto uno studio di coorte nazionale su 82.958 persone che hanno iniziato la simvastatina o l’atorvastatina. Tra queste erano comprese 10.388 persone di età pari o superiore a 75 anni.

Riduzioni percentuali di LDL-C più elevate

Gli autori hanno scoperto che chi ha iniziato la terapia e aveva un’età pari o superiore a 75 anni aveva riduzioni percentuali medie di LDL-C più elevate rispetto ai soggetti di età inferiore ai 50 anni.

Ad esempio, hanno notato che le persone anziane che hanno iniziato la simvastatina da 20 mg hanno avuto una riduzione media del 39% rispetto alle persone più giovani, che hanno evidenziato una riduzione media del 33,8%.

Allo stesso modo, le persone anziane che avevano iniziato il trattamento con 20 mg di atorvastatina hanno avuto una riduzione media del 44,2% rispetto alle persone più giovani, che hanno evidenziato una riduzione media del 40,2%.

Secondo gli autori dello studio, questi risultati suggeriscono che le statine da basse a moderate possono essere più adatte al trattamento iniziale negli anziani che sono a maggior rischio di eventi avversi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui