Home Cardiologia Il finerenone nei pazienti con insufficienza renale cronica e diabete di tipo...

Il finerenone nei pazienti con insufficienza renale cronica e diabete di tipo 2

450
0

La riduzione precoce dell’albuminuria indotta dal finenerone può portare a benefici tangibili sia per la salute renale che cardiovascolare nei pazienti con malattia renale cronica e diabete di tipo due.

E’ quanto emerge dai risultati di un’analisi post hoc di due studi randomizzati e controllati di fase 3 pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Il miglioramento del danno renale

Nei pazienti con insufficienza renale cronica e diabete di tipo 2, il finerenone, un antagonista non steroideo dei recettori dei mineralcorticoidi, riduce gli esiti avversi cardiovascolari e renali. Il finerenone abbassa anche il rapporto albumina/creatinina nelle urine (UACR). Non era finora noto se il cambiamento in questo rapporto indotto dal finerenone potesse mediare il miglioramento clinico in questi pazienti.

I ricercatori della Indiana University School of Medicine e collaboratori di tutto il mondo hanno analizzato i dati raccolti da due studi di fase 3 sul finerenone, per quantificare la proporzione di riduzioni del rischio renale e cardiovascolare osservate in un periodo di 4 anni. La riduzione del rischio è stata misurata da una variazione del danno renale indicata dalla variazione dell’UACR dal basale al quarto mese.

I risultati hanno mostrato che tra i pazienti con insufficienza renale cronica e diabete di tipo 2, il miglioramento del danno renale indotto dal finerenone sembrava mediare un’ampia percentuale di esiti renali a lungo termine e una modesta percentuale di esiti cardiovascolari.

Nello specifico, rispetto ai pazienti che avevano una riduzione dell’UACR inferiore al 30%, quelli con una riduzione dell’UACR pari o superiore al 30% avevano meno eventi compositi di esiti renali e cardiovascolari compositi.

Secondo gli autori, questi risultati sottolineano l’importanza del monitoraggio dell’UACR dopo l’inizio del trattamento, poiché può fungere da prezioso indicatore surrogato dell’efficacia precoce del trattamento e offrire approfondimenti sui potenziali benefici renali e cardiovascolari a lungo termine.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui