Home Cardiologia Le scoperte scientifiche più importanti in abito cardiovascolare del 2023

Le scoperte scientifiche più importanti in abito cardiovascolare del 2023

211
0
copyright American Heart Association

Quali sono stati gli sviluppi più importanti della ricerca scientifica nella lotta contro le malattie cardiache e l’ictus emersi nel 2023? Il sommario dei progressi più significativi arriva dall’American Heart Association che li riassume in tre principali paragrafi: le tecnologie per rivascolarizzare le arterie, farmaci innovativi per l’ipertensione arteriosa e farmaci per il diabete che possono offrire benefici per la salute del cuore.

“Ogni anno compiliamo una panoramica della ricerca scientifica che migliora la nostra comprensione su come prevenire, trattare e gestire le malattie cardiache e l’ictus. Sia che la scienza indichi nuovi modi per trattare condizioni di salute note da tempo, disparità nell’assistenza o come prevenire alcuni dei nostri problemi più urgenti, come l’ipertensione, il diabete o l’obesità”, ha affermato Mariell Jessup, responsabile scientifico e medico dell’American Heart Association.

Mentre il documento completo può essere trovato a questo link. Di seguito vi sintetizziamo alcuni degli sviluppi della ricerca considerati più significativi del 2023.

Superare in astuzia lo sviluppo dell’ipertensione arteriosa con un nuovo farmaco

Nonostante i progressi nei farmaci che mirano a controllare la pressione arteriosa, meno del 25% delle persone in trattamento sono in grado di mantenere i livelli di pressione entro l’intervallo target al di sotto di 130/80 mmHg.

Alla ricerca di un nuovo approccio per prevenire l’ipertensione, i ricercatori hanno studiato Zilebesiran, un farmaco sperimentale che riduce la produzione di angiotensinogeno da parte dell’organismo. Si ritiene che l’angiotensinogeno, una proteina secreta dal fegato, svolga un ruolo chiave nell’aumento della pressione arteriosa. Hanno scoperto che le persone che assumevano Zilebesiran hanno visto riduzioni della pressione, con dosi più elevate del farmaco che hanno portato a riduzioni maggiori.

La trombectomia minimamente invasiva apporta benefici anche ai pazienti con ictus più grave

La trombectomia endovascolare è una procedura chirurgica minimamente invasiva utilizzata per rimuovere un coagulo di sangue che causa l’ictus da un’arteria nel cervello. Ripristina il flusso sanguigno e previene ulteriori danni cerebrali e disabilità ed è il trattamento standard per ictus di piccola o media entità.

Fino a poco tempo fa non era chiaro se la trombectomia endovascolare avrebbe apportato benefici anche alle persone con ictus più grandi e gravi, che rappresentano fino a un quarto di tutti gli ictus.

In uno studio su persone con ictus grave provenienti dalla Cina e in un altro studio condotto su persone che vivevano in Nord America, Europa, Australia e Nuova Zelanda, i ricercatori hanno scoperto che la trombectomia endovascolare entro 24 ore dall’ictus era superiore alle cure mediche standard.

Coloro che avevano ricevuto trombectomie hanno sperimentato meno disabilità ed erano più funzionalmente indipendenti durante i tre mesi successivi al trattamento.

Un terzo studio su persone trattate per ictus grave in Europa e Canada ha riscontrato più o meno la stessa cosa, mostrando che coloro che erano stati sottoposti a trombectomia endovascolare erano funzionalmente più indipendenti rispetto a quelli che avevano ricevuto solo il trattamento medico standard. Questo studio ha anche dimostrato che i pazienti sottoposti a trombectomia avevano meno probabilità di morire.

I progressi nell’imaging aiutano a guidare il posizionamento dello stent in procedure complesse

L’intervento coronarico percutaneo, o PCI, è una procedura non chirurgica utilizzata per posizionare uno stent nelle coronarie ostruite. Inizialmente, la PCI era riservata alle persone con malattia coronarica semplice. Tuttavia, quattro studi recenti che confrontano la sicurezza e l’efficacia di diverse immagini utilizzate per guidare il posizionamento dello stent suggeriscono che questa procedura potrebbe avvantaggiare anche le persone con malattia coronarica che coinvolge le arterie più difficili da raggiungere, utilizzando un approccio di imaging più recente.

Lo studio ILUMIEN IV ha scoperto che la tomografia a coerenza ottica guidata dalla PCI, un tipo di imaging intravascolare, che utilizza le onde luminose per osservare più da vicino la placca arteriosa, ha sovraperformato la PCI guidata dall’angiografia. L’angiografia è un tipo di radiografia utilizzata per osservare l’interno dei vasi sanguigni, dopo che un colorante speciale è stato iniettato nel sangue per facilitare la visualizzazione.

Lo studio di OCTOBER ha confrontato gli stessi metodi per le persone con accumulo di placca in aree difficili da vedere. Nel corso di due anni di follow-up, le persone sottoposte a PCI guidata dalla tomografia a coerenza ottica hanno avuto meno eventi cardiaci maggiori e decessi.

Lo studio RENOVATE-COMPLEX-PCI ha confrontato la PCI guidata da imaging intravascolare comprendente l’ecografia o la tomografia a coerenza ottica con la PCI guidata dall’angiografia. Ha scoperto in due anni di follow-up che le persone trattate con entrambi i tipi di PCI guidate da imaging intravascolare hanno avuto meno decessi correlati al cuore, attacchi cardiaci o necessità di ulteriore rivascolarizzazione.

Lo studio OCTIVUS, ha confrontato la sicurezza e l’efficacia di due tipi di imaging guida per la PCI e hanno scoperto che entrambi erano ugualmente sicuri ed efficaci.

La terapia anticoagulante per i pazienti con fibrillazione atriale dopo un ictus: meglio iniziare il prima possibile

Gli operatori sanitari generalmente trattano le persone con fibrillazione atriale che hanno avuto un ictus con anticoagulanti orali ad azione diretta (DOAC), che hanno un’azione rapida e aiutano a prevenire il verificarsi di ictus. Le linee guida europee suggeriscono di iniziare il trattamento con DOAC tre giorni dopo un ictus minore, sei giorni dopo un ictus moderato e 12 giorni dopo un ictus grave. Le linee guida dell’American Heart Association/American Stroke Association suggeriscono di attendere più di due settimane in alcuni pazienti ad alto rischio.

Un nuovo studio suggerisce che iniziare prima il trattamento con i DOAC potrebbe essere una soluzione migliore. I ricercatori hanno confrontato il trattamento anticoagulante precoce (entro 48 ore da un ictus minore o moderato e il sesto o settimo giorno dopo un ictus maggiore) con diverse durate di trattamento successivo dopo questi tipi di ictus nelle persone con fibrillazione atriale.

Lo scopo dello studio era quello di aiutare gli operatori sanitari a stimare meglio i possibili risultati derivanti dalla tempistica del trattamento. I ricercatori hanno misurato la dimensione e la gravità dell’ictus utilizzando scansioni TC o MRI anziché misurazioni di punteggio standard.

Hanno scoperto che l’imaging ha permesso loro di identificare meglio chi avrebbe potuto trarre beneficio da un precedente trattamento DOAC. Hanno anche scoperto che un trattamento precoce ha comportato un minor rischio di ictus ricorrente e un rischio leggermente inferiore di sanguinamento al di fuori del cervello nel mese successivo all’ictus.

I farmaci antidiabetici possono offrire benefici per la salute del cuore anche ai non diabetici

I farmaci per abbassare il glucosio hanno cambiato il panorama delle persone con diabete di tipo 2, riducendo gli eventi cardiovascolari e migliorando la salute del cuore. Un numero crescente di studi suggerisce che questi farmaci potrebbero anche migliorare la salute del cuore nelle persone obese che non soffrono di diabete.

In uno studio sul semaglutide, un farmaco che ha dimostrato di ridurre il rischio di problemi cardiaci nelle persone con diabete, e approvato per la gestione del peso a lungo termine, le persone con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata e obesità hanno avuto risultati migliori con il farmaco rispetto al placebo. Il gruppo semaglutide ha avuto maggiori riduzioni dei sintomi correlati all’insufficienza cardiaca, miglioramenti più marcati nella capacità di esercizio fisico e maggiore perdita di peso.

In uno studio presentato nel corso della Scientific Sessions 2023 dell’American Heart Association i ricercatori hanno studiato se semaglutide apporta benefici alle persone in sovrappeso e obese, senza diabete, ma che avevano malattie cardiovascolari. Hanno scoperto che il farmaco è superiore al placebo nel ridurre la morte correlata a cause cardiovascolari, infarto miocardico e ictus non fatali.

I determinanti sociali delle disparità sanitarie alimentano i tassi di mortalità cardiovascolare

Un crescente numero di ricerche evidenzia come i determinanti sociali della salute possano spiegare il motivo per cui alcuni gruppi di persone hanno maggiori probabilità di avere e morire di malattie cardiache rispetto ad altri.

In uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association, i ricercatori hanno scoperto che mentre i tassi di mortalità cardiovascolare stavano diminuendo complessivamente in tutti gli Stati Uniti, rimanevano più alti nelle contee rurali e in quelle con una percentuale più alta di residenti di colore. I tassi di mortalità cardiovascolare erano legati a fattori quali lo stato di reddito e l’accesso a cibi e alloggi sani.

Secondo un altro studio, la probabilità di ricevere manovre di rianimazione cardiopolmonare salvavita dopo aver subito un arresto cardiaco extraospedaliero era inferiore per le persone di colore e gli ispanici.

Comprendere una nuova priorità di sanità pubblica: la sindrome CKM, il legame tra malattie cardiovascolari, renali e sindrome metabolica

Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association del 2023 riassume la sindrome cardiovascolare-renale-metabolica (CKM), un’interconnessione tra obesità, malattia renale cronica, diabete e malattie cardiovascolari, che è collegata a morte prematura e disabilità.

La dichiarazione riassume ciò che è noto sulla sindrome CKM e su come prevenirla e gestirla. Evidenzia un nuovo modo per calcolare il rischio della sindrome, nonché le lacune nella conoscenza e nella ricerca necessaria. Un Presidential Advisory accompagnamento aiuta a definire la sindrome CKM e offre indicazioni sulla prevenzione e il trattamento della sindrome in diversi contesti clinici e comunitari.

Arteriopatia periferica: è migliore un trattamento meno invasivo o il bypass chirurgico?

Due studi hanno confrontato la terapia endovascolare meno invasiva con la chirurgia di bypass per il trattamento dell’ischemia cronica pericolosa per gli arti, una forma avanzata di malattia arteriosa periferica. I risultati suggeriscono che la scelta dell’intervento dovrebbe essere basata su un processo decisionale condiviso tra il paziente, i suoi cardiologi interventisti e chirurghi vascolari.

Lo studio BASIL-2 ha confrontato l’efficacia di un bypass venoso con l’angioplastica in uomini e donne con ischemia grave nel Regno Unito, Svezia e Danimarca. Le persone che hanno ricevuto il trattamento endovascolare hanno avuto una maggiore sopravvivenza libera da amputazione. Un editoriale di accompagnamento ha però osservato che questi risultati potrebbero essere stati distorti dalla pandemia di COVID-19, che avrebbe potuto limitare il numero di visite di follow-up e aumentare il tasso di mortalità.

Lo studio BEST-CLI ha confrontato l’intervento di bypass con la terapia endovascolare in due gruppi di pazienti: uno con una vena grande safena idonea all’intervento chirurgico e un altro gruppo che necessitava di un tipo alternativo di bypass. Lo studio, che ha coinvolto pazienti negli Stati Uniti, Canada, Finlandia, Italia e Nuova Zelanda, ha rilevato che l’intervento chirurgico ha comportato un minor numero di amputazioni e decessi tra quelli con una vena safena maggiore. Non ci sono state però differenze notevoli nei risultati tra gli altri gruppi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui