Home Odontoiatria La recessione Gengivale intorno alle Corone: l’attenzione al dettaglio previene l’esposizione dei...

La recessione Gengivale intorno alle Corone: l’attenzione al dettaglio previene l’esposizione dei classici bordini neri

364
0

L’abbassamento dei livelli gengivali intorno ai denti (recessione gengivale) si verifica sia intorno ai denti naturali che intorno ai restauri protesici, in particolare corone e ponti. (Figura 1 e 2)

Figura 1

 

adv
Figura 2

Presupposti fondamentali per la stabilità dei tessuti gengivali sono il controllo meticoloso dell’igiene orale domiciliare (spazzolino, spazzolini interdentali,…) e i controlli periodici ambulatoriali (detartrasi, controllo igiene, …), che favoriscono il mantenimento della salute gengivale.

Tuttavia, come ci dimostrano recenti studi svolti in collaborazione con la “Università degli Studi di Padova” e con la “Universitat Internacional de Catalunya”, alcuni accorgimenti clinici possono favorire il mantenimento di tessuti gengivali sani, con il tipico colore rosa, e soprattutto più stabili nel tempo intorno a denti e anche a corone.

Lo studio, già pubblicato su prestigiose riviste internazionali, ha paragonato preparazioni dentali di tipo verticale a preparazioni dentali di tipo orizzontale, applicandole su 200 denti trattati con corone a copertura totale applicate nel settore anteriore (incisivi, canini e premolari). A distanza di 12 mesi della consegna delle corone i risultati hanno dimostrato una maggior stabilità dei tessuti molli intorno a denti preparati con tecnica verticale: solamente il 3,3% delle corone con preparazione verticale hanno mostrato “parziale esposizione” del margine protesico e nessuna corona (0,0%) ha mostrato “totale esposizione” del margine protesico. Nonostante questi risultati siano molto incoraggianti, particolare attenzione deve essere utilizzata con questa tecnica in quanto una maggior infiammazione gengivale (con aumentato sanguinamento gengivale al sondaggio) è stata riscontrata.

Figura 3
Figura 4

Questa ricerca per la prima volta mostra risultati clinici significativi monitorati nel tempo e mostra risultati interessanti per il mantenimento della salute gengivale e del risultato estetico nel tempo in corrispondenza di restauri protesici. Un preparazione dentale attenta, unita all’utilizzo di restauri protesici “metal-free”, interamente bianchi e privi della tradizionale cappetta metallica, possono favorire il raggiungimento di risultati estetici ottimali. Studi istologici saranno importanti per avvalorare i risultati clinici ottenuti. (Figura 3-5)

Figura 5

 

 

Gianluca Paniz

Università di Padova

 

Paniz G, et al. Periodontal response to two different subgingival restorative margin designs: a 12-month randomized clinical trial. Clin Oral Investigation 2016.

 

Paniz G, et al. Implicaciones clínicas de la preparación vertical a nivel subgingival del diente en la zona estética. Periodoncia 2015

 

 

Articolo precedenteTumore del seno: evitare la chemioterapia è possibile
Articolo successivoPagare i fumatori per smettere? Potrebbe funzionare
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui