Home Inquinamento Il clima e l’inquinamento influenzano il numero di ricoveri per asma

Il clima e l’inquinamento influenzano il numero di ricoveri per asma

429
0

Sappiamo come la Cina sia uno dei paesi più inquinati al mondo e a quanto pare anche la sua enclave privilegiata, Hong Kong, ne è sostanzialmente coinvolta.

Proprio in questa regione, è ora dimostrata un’associazione tra ricoveri per asma bronchiale, ozono atmosferico e variabili ambientali.

adv

Lo studio, pubblicato su Thorax, ha registrato un totale di 56.112 ricoveri per asma nel periodo 2004-2011. Nel corso di questo intervallo la temperatura registrata nella metropoli, che gode di un clima subtropicale, è variata tra gli 8.8 e i 31.8 °C.

L’analisi dei risultati ha considerato in modo separato due stagioni principali: la calda e la fredda. Nella prima si è visto che il numero di ricoveri era più basso per temperature fino a 27 °C, per poi aumentare fino ad un picco, quando la temperatura raggiungeva i 30 °C; tra i 30 °C e i 32 °C il numero di ricoveri si stabilizzava.

Sempre in questo periodo, la concentrazione di ozono è risultata fortemente correlata al numero di ricoveri per asma. Per ogni aumento di 10 mg/m3 di ozono si evidenziava un incremento del rischio di 4.04% e di 8.72%, rispettivamente nell’analisi per il singolo inquinante e nell’analisi multi-inquinanti.

Nessuna associazione significativa è emersa considerando altri inquinanti atmosferici.

Nella stagione fredda, per temperature inferiori a 15,2 °C, il calo di un grado della temperatura media si associava con un aumento del rischio del 5,79%. Una riduzione dell’1% dell’umidità relativa, al di sotto del 58% si associava ad un aumento del rischio del 2,88%. Anche in questo periodo climatico, gli altri inquinanti analizzati non hanno evidenziato associazioni significative.

I risultati di questa sperimentazione sono molto chiari e indicano valori di incremento del rischio, indotto dalle variabili climatiche e dall’ozono, particolarmente elevati, tanto che gli autori raccomandano l’utilizzo di climatizzatori per mantenere valori controllati di umidità e temperatura negli ambienti in cui vivono persone con asma.

Per quanto riguarda l’ozono, tipicamente più presente nei caldi mesi estivi, soprattutto nelle ore centrali della giornata, con maggiore soleggiamento, questo studio fornisce un’ulteriore conferma alla sua influenza negativa nelle patologie polmonari.

E’ interessante notare che al contrario l’ozono non ha mai dimostrato con chiarezza di esercitare effetti negativi a carico del sistema cardiovascolare, attribuiti invece in modo inequivocabile al particolato atmosferico, ed in particolare alle polveri sottili.

 

Cover image expansion

 

Holly Ching-yu Lam, et al. The short-term association between asthma hospitalisations, ambient temperature, other meteorological factors and air pollutants in Hong Kong: a time-series study. Thorax 2016;71:1097–1109. 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteExpert Focus: cuori artificiali, da trattamento palliativo a soluzione definitiva. Intervista con il prof. Gino Gerosa
Articolo successivoDati epidemiologici aggiornati per le malattie cardiovascolari in Europa
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui