Le apnee notturne negli adolescenti: fattori di rischio strutturali e neuromotori

Nei mesi scorsi abbiamo segnalato differenti studi che hanno evidenziato quanto sia elevata la percentuale di adolescenti obesi e quanto questa condizione continui ad aumentare, in tutto il mondo.

Non è altrettanto noto però che l’obesità in adolescenza può associarsi, così come nell’adulto, a disturbi respiratori, quali le apnee notturne.

Per cercare di valutare questo fenomeno ed i meccanismi ad esso correlati, un recente studio, pubblicato sulle pagine di Thorax, ha valutato i principali fattori strutturali e neuromotori che contribuiscono alle apnee ostruttive negli adolescenti obesi.

L’ipotesi sperimentale era che differenti fattori potessero essere implicati, nonché essere in grado di predire il rischio di apnee, tra cui il volume adenotonsillare (VAD), il volume delle vie aeree nasofaringee (VN), la pressione di chiusura critica delle vie aeree superiori (Pcrit) negli stati attivati e ipotonici e la risposta ventilatoria alla CO2 durante il sonno.

Sono stati confrontati due gruppi di adolescenti obesi: 42 con apnee notturne e 37 controlli. L’età media era di 14 anni in entrambi i gruppi.

I soggetti con apnee avevano un VAD più elevato e un VN più piccolo rispetto ai controlli. Inoltre, gli adolescenti del primo gruppo hanno evidenziato vie aeree superiori maggiormente collassabili, con una pendenza maggiore della curva di risposta pressione-flusso attivata, e un Pcrit attivato e ipotonico più elevato. Allo stesso tempo i controlli presentavano una maggiore risposta alla CO2 durante il sonno.

Questo studio dimostra quindi che la sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno negli adolescenti è mediata da fattori sia anatomici sia neuromotori, con effetti di tipo sinergico. In particolare, il VAD, il VN e la Pcrit, fanno aumentare in modo indipendente il rischio di apnea del sonno e ne permettono una precisa stratificazione.

 

 

Carole L Marcus, et al. The obstructive sleep apnoea syndrome in adolescents. Thorax 2017;72:720–728.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 4 =