Home Igiene A un mese dall’inizio dell’epidemia di Ebola, l’attenzione si sposta sulle aree...

A un mese dall’inizio dell’epidemia di Ebola, l’attenzione si sposta sulle aree più remote del paese

592
0

Un mese dopo la comparsa dell’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo, l’attenzione si è spostata dalle aree urbane verso alcuni dei luoghi più remoti del mondo.

Il cambiamento arriva dopo una serie di azioni senza precedenti che hanno portato a un cauto ottimismo sull’efficacia della risposta.

Il 9 maggio, il giorno dopo che il paese ha dichiarato un’epidemia di virus Ebola a Bikoro, il primo team di risposta dell’OMS e del Ministero della Sanità è arrivato nella capitale provinciale Mbandaka, per iniziare a istituire la catena del freddo specializzata necessaria per conservare il vaccino.

Entro l’11 maggio, i team avevano iniziato a rintracciare i contatti di tutti i casi attivi e i partner dell’OMS stavano allestendo centri di trattamento a Bikoro. Il giorno dopo, un ponte aereo è stato aperto a Bikoro e un laboratorio mobile schierato per accelerare i test per l’infezione.

A soli sei giorni dall’allarme, il primo lotto di oltre 4.000 dosi di vaccino stava arrivando da Ginevra a Kinshasa.

Il 4 giugno, un comitato etico nel paese ha approvato l’uso di 5 terapie sperimentali nel quadro dell’uso compassionevole, seguendo le raccomandazioni di un gruppo di esperti indetto dall’OMS. Questa è la prima volta che tali trattamenti sono disponibili nel pieno di un’epidemia.

“È troppo presto per dichiarare la vittoria, ma i segnali sono positivi e siamo cautamente ottimisti”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Abbiamo nuove armi e, insieme al governo e ai nostri partner, abbiamo agito con urgenza per salvare vite umane. Rimarremo vigili fino alla fine di questa epidemia.”

A partire dal 7 giugno, ci sono stati un totale di 59 casi confermati, probabili e sospetti di Ebola, con 27 decessi. Un nuovo caso è stato confermato il 6 giugno.

La prima fase della risposta si è concentrata sulla protezione della città di Bikoro e della città di Mbandaka, per prevenire un aumento potenzialmente esponenziale dei casi, che avrebbe potuto minacciare le principali città del paese e i suoi vicini.

“La fase successiva riguarda la sorveglianza di spedizione: squadre di epidemiologi che si sparpagliano per centinaia di chilometri con le motociclette, attraverso le remote foreste pluviali”, ha detto il dott. Peter Salama, vicedirettore generale di pronto intervento e risposta all’OMS, che è tornato dalla sua seconda missione al paese l’8 giugno. “Stanno lavorando per trovare rapidamente ogni caso, rintracciando i contatti e coinvolgendo le comunità, compresa la popolazione indigena all’interno e nei villaggi di Itipo e Iboko. Dobbiamo perseguire il virus ovunque si trovi e rimanere reattivi e focalizzati”.

Mentre continua la risposta interna, l’OMS sostiene 9 paesi che confinano con la Repubblica Democratica del Congo per aumentare le loro capacità di preparazione e risposta alle emergenze nazionali. Un piano finalizzato il 7 giugno delinea come questi paesi possono rivedere la loro risposta, identificando eventuali lacune nelle loro capacità. L’OMS sta lavorando a stretto contatto con i ministeri della salute e le più ampie parti interessate del governo, per mettere in atto queste misure.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui