Metformina in gravidanza: pare sicuro il suo utilizzo nel primo trimestre

La metformina è una dei farmaci più utilizzati per la cura del diabete di tipo 2. La sua somministrazione può avvenire anche in giovani donne e in caso di gravidanza vi sarebbe un atteggiamento prudenziale che ne sconsiglierebbe l’utilizzo.

Il British Medical Journal ha recentemente pubblicato uno studio, svolto da un gruppo di ricercatori europei, che ha valutato la sicurezza di questo farmaco quando impiegato nel primo trimestre di gravidanza, in particolare per quanto riguarda il rischio di anomalie congenite.

Il disegno dello studio è stato di tipo caso-controllo, su 29 sottogruppi specifici di anomalie non genetiche e tutte le anomalie non genetiche combinate, ed ha utilizzato registri europei compilati tra il 2006 e il 2013.

Sono stati analizzati oltre 50.000 bambini con anomalie congenite, di questi 168 erano stati esposti a metformina, con una prevalenza di 3,3 casi su 1.000 nascite. Non è stata rilevata alcuna associazione significativa tra esposizione al farmaco e anomalie non genetiche combinate, ma è stato evidenziato un maggior rischio di sviluppare un’atresia della valvola polmonare (odds ratio aggiustato 3,54).

Questi risultati sembrano essere quindi abbastanza rassicuranti sull’utilizzo della metformina nel primo trimestre di gravidanza, ma certo andranno confermati da ulteriori studi, al fine di confermarne i risultati. Andrà inoltre chiarito se l’associazione tra farmaco e atresia della valvola polmonare, risultata peraltro non superiore a quanto atteso, debba richiedere una sua controindicazione.

 

 

Joanne E Given, et al. Metformin exposure in first trimester of pregnancy and risk of all or specific congenital anomalies: exploratory case-control study. BMJ 2018; 361:k2477.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 18 =