Un farmaco per prevenire le emorragie post-partum, di facile conservazione

Secondo uno studio condotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in collaborazione con MSD per Madri e Ferring Pharmaceuticals, una nuova formulazione di un farmaco per prevenire un’eccessiva emorragia dopo il parto potrebbe salvare migliaia di vite, nei paesi a basso e medio reddito.

Attualmente l’OMS raccomanda l’ossitocina come farmaco di prima scelta per prevenire un’eccessiva emorragia dopo il parto. L’ossitocina, tuttavia, deve essere conservata e trasportata a 2-8 gradi Celsius, il che è difficile da fare, in molti paesi, privando molte donne dell’accesso a questo farmaco salvavita. Quando possono ottenerlo, il farmaco può essere meno efficace a causa dell’esposizione al calore.

Lo studio, pubblicato nel New England Journal of Medicine, ha mostrato come un farmaco alternativo, la carbetocina termostabile, può essere sicuro ed efficace come l’ossitocina nella prevenzione dell’emorragia postpartum. Questa nuova formulazione di carbetocina non richiede refrigerazione e conserva la sua efficacia per almeno 3 anni, se conservata a 30 gradi Celsius e al 75% di umidità relativa.

“Questo è un nuovo sviluppo davvero incoraggiante che può rivoluzionare la nostra capacità di mantenere in vita madri e bambini”, afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.

Circa 70.000 donne muoiono ogni anno a causa dell’emorragia post-partum, facendo aumentare il rischio di mortalità a un mese anche per i loro bambini.

La sperimentazione clinica, la più grande del suo genere, ha studiato circa 30.000 donne che hanno partorito vaginalmente in 10 paesi: Argentina, Egitto, India, Kenya, Nigeria, Singapore, Sud Africa, Tailandia, Uganda e Regno Unito.

Ad ogni donna è stata data in modo casuale una singola iniezione di carbetocina o ossitocina termostabile immediatamente dopo la nascita del bambino. Lo studio ha rilevato che entrambi i farmaci erano ugualmente efficaci nel prevenire un’emorragia eccessiva dopo la nascita.

Poiché entrambi i farmaci nello studio sono stati mantenuti alle temperature richieste per garantire la massima efficacia dell’ossitocina, lo studio potrebbe sottostimare il beneficio atteso con l’uso di carbetocina termostabile in situazioni reali, in cui l’ossitocina potrebbe essersi degradata a causa dell’esposizione a temperature più elevate.

“Lo sviluppo di un farmaco per prevenire l’emorragia postpartum che continua a rimanere efficace in condizioni calde e umide è una buona notizia per i milioni di donne che partoriscono in parti del mondo senza accesso a una refrigerazione affidabile”, afferma il dott. Metin Gülmezoglu, del Dipartimento di salute e ricerca riproduttiva dell’OMS.

Il prossimo passo sarà la revisione e l’approvazione da parte dei paesi. L’OMS chiederà al suo gruppo di sviluppo delle linee guida di valutare se la carbetocina stabile al calore debba essere un farmaco raccomandato per la prevenzione dell’emorragia postpartum.

Questo studio dell’OMS, noto anche come CHAMPION (Carbetocin HAeMorrhage PreventION), è stato finanziato da MSD per le madri. Carbetocina termostabile è stata fornita da Ferring Pharmaceuticals, e l’ossitocina per lo studio è stata fornita da Novartis. In seguito ai risultati positivi del processo, le parti lavoreranno ora per promuovere un accesso economico a questo farmaco salvavita in paesi che hanno un alto carico di morti materne.

 

Mariana Widmer, et al. Heat-Stable Carbetocin versus Oxytocin to Prevent Hemorrhage after Vaginal Birth. N Eng J Med, June 27, 2018.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 3 =