Home Gastroenterologia Helicobacter pylori: l’eradicazione previene il carcinoma gastrico anche nei soggetti più anziani

Helicobacter pylori: l’eradicazione previene il carcinoma gastrico anche nei soggetti più anziani

233
0

Già differenti studi hanno documentato come l’eradicazione dell’Helicobacter pylori contribuisca a ridurre l’incidenza di carcinoma gastrico. Questo stesso effetto è stato ora documentato anche su una popolazione selezionata di soggetti anziani, poco studiata in precedenza.

A farlo è stato un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Medicina dell’Università di Hong Kong, in collaborazione con David Graham, del Baylor College of Medicine di Houston, nel Texas.

adv

Lo studio ha così confrontato pazienti in cui era stato prescritto un trattamento per l’eradicazione dell’Helicobacter pylori con claritromicina e una popolazione generale. Per analizzare il primo gruppo è stato utilizzato il database dell’Autorità ospedaliera di Hong Kong, per il secondo sono stati utilizzati i dati del Registro dei tumori di Hong Kong. Le analisi sono state condotte su tre gruppi di età: meno di 40 anni, 40-59 anni e 60 anni o più. Il follow-up mediano è stato di 7,6 anni.

Sono stati così identificati oltre 73.000 soggetti che erano stati sottoposti al trattamento antibiotico, di questi, lo 0,27% ha sviluppato un carcinoma gastrico.

Il rischio relativo di sviluppare un carcinoma gastrico nei pazienti in cui è stato necessario ripetere il trattamento, rispetto a quelli trattati con successo, è stato di 2.

Il rischio di cancro gastrico è risultato significativamente più elevato nei soggetti maschi, compresi nella fascia di età più anziana, che hanno ricevuto il trattamento antibiotico, rispetto ai corrispondenti soggetti di sesso femminile (RR 1,8). Il rischio di sviluppare la neoplasia è risultato maggiore anche nei soggetti compresi nella fascia di età intermedia, che avevano richiesto una ripetizione del trattamento (RR 2,5).

Nel confronto con la popolazione generale, l’incidenza del carcinoma gastrico si è dimostrata significativamente inferiore nel gruppo con l’età più avanzata, ma non negli altri due gruppi. Risultati simili sono stati osservati nel gruppo trattato con successo ma non nel gruppo che ha richiesto la ripetizione del ciclo di trattamento.

I ricercatori hanno anche valutato quanto si prolungasse nel tempo l’effetto protettivo indotto dall’eradicazione. I risultati hanno indicato come il rischio di sviluppare un carcinoma gastrico era significativamente inferiore rispetto alla popolazione generale, 10 o più anni dopo l’eradicazione, nella fascia di età intermedia e in quella più anziana, rispetto al gruppo più giovane.

Lo studio, pur circoscritto ad una popolazione di soggetti asiatici, ha comunque fornito interessanti dati sugli effetti del trattamento di eradicazione dell’Helicobacter pylori nel lungo termine, in distinte popolazioni stratificate per l’età. Quanto è emerso sembra indicare che la terapia antibiotica conferisce un rischio inferiore di sviluppare un carcinoma gastrico, in particolare nei soggetti più anziani e che questa protezione si mantiene nel lungo termine. Interessante è anche l’evidenza di come un gruppo di soggetti particolarmente svantaggiati sia quello in cui il primo tentativo di eradicazione non ha successo.

L’articolo è stato pubblicato, con libero accesso, sul numero di luglio della rivista Gastroenterology.

 

Franco Folino

 

Cover image volume 155, Issue 1

 

Wai K. Leung, et al. Effects of Helicobacter pylori Treatment on Incidence of Gastric Cancer in Older Individuals. Gastroenterology, July 2018, Volume 155, Issue 1, Pages 67–75.

 

 

Articolo precedenteMercedes AMG GT V8: al via gli ordini
Articolo successivoLa PCR ad alta sensibilità è utile per stratificare la prognosi anche nei pazienti con cardiopatia congenita
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui