Home Epatologia Emergenza epatite: dalla Mongolia un efficace modello di intervento sanitario

Emergenza epatite: dalla Mongolia un efficace modello di intervento sanitario

197
0

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i suoi partner chiedono ai paesi di aumentare urgentemente i servizi di test e trattamento dell’epatite al fine di raggiungere gli obiettivi concordati a livello globale. Il richiamo arriva in occasione del World Hepatitis Day 2018 del 28 luglio, che si concentra sul tema “Test.Treat.Hepatitis”.

“Abbiamo una visione chiara per l’eliminazione e abbiamo gli strumenti per farlo. Ma dobbiamo accelerare i progressi per raggiungere il nostro obiettivo di eliminare l’epatite entro il 2030.” Ha dichiarato il Direttore generale dell’OMS Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus.

adv

L’epatite virale B e C colpisce 325 milioni di persone in tutto il mondo. Se non trattate, queste infezioni portano al cancro del fegato e alla cirrosi, che insieme hanno causato oltre 1,3 milioni di morti nel solo 2015.

A livello mondiale, meno del 20% delle persone aveva accesso ai servizi di test e trattamento per le infezioni da epatite B e C alla fine del 2016.

L’OMS sta organizzando diversi eventi per celebrare la Giornata mondiale dell’epatite con il governo della Mongolia, un paese pesantemente oppresso dall’epatite, ma anche un campione nella lotta alla malattia.

Oltre il 10% dei 3 milioni di persone della Mongolia vive con un’infezione da epatite cronica. Il paese ha avviato il suo programma nazionale sul fegato sano nel 2017, con obiettivi ambiziosi per il 2020. Ha lo scopo di fornire screening dell’epatite B e C al 60% e all’80% della popolazione. Cerca inoltre di fornire il trattamento dell’epatite C all’80% delle persone bisognose.

“Nel primo anno del programma nazionale, che ha interessato la fascia d’età compresa tra 40 e 65 anni, siamo riusciti a raggiungere più di 350.000 persone con test di epatite. Oltre il 70% delle persone con diagnosi di epatite hanno ricevuto un trattamento salva-vita.” Ha precisato la Sig.ra Davaajantsan Sarangerel, Ministro della sanità della Mongolia.

I progressi della Mongolia nella lotta contro l’epatite sono guidati dall’impegno politico e da un ambizioso programma di copertura sanitaria universale. Il paese è il primo a reddito medio-basso nell’Asia del Pacifico a impegnarsi per l’eliminazione dell’epatite, garantendo l’accesso universale e la copertura assicurativa sanitaria per i test e il trattamento dell’epatite per l’intera popolazione.

La regione del Pacifico occidentale ha il maggior numero di persone che vivono con infezioni da epatite cronica tra le 6 regioni dell’OMS. Alla fine del 2015, circa 14 milioni di persone vivevano con infezione da epatite C cronica e 115 milioni con infezione da epatite B cronica. Ogni giorno, 1.200 persone nella regione muoiono perché non sono in grado di accedere a cure efficaci contro l’epatite.

“È incoraggiante vedere uno dei paesi più colpiti nella nostra regione dimostrare tale leadership”, ha affermato il dott. Shin Young-soo, direttore regionale dell’OMS per il Pacifico occidentale. “Mentre lavoriamo verso l’obiettivo di eliminare l’epatite, la Mongolia rappresenta un ottimo esempio da seguire per gli altri paesi della regione”.

Con l’obiettivo di accelerare il progresso globale, l’OMS sta anche rilasciando nuove linee guida globali sul trattamento dell’epatite C. Le linee guida consentono importanti semplificazioni nell’erogazione della terapia curativa ai 70 milioni di persone che convivono con l’epatite C cronica nel mondo.

“Eliminare l’epatite richiederà innovazione continua, medicine migliori e servizi sanitari migliori”, ha affermato il dott. Gottfried Hirnschall, direttore dell’OMS per l’HIV e l’epatite. “Le nostre nuove raccomandazioni dovrebbero ora aprire la strada a tutti coloro che hanno l’epatite C per accedere ai test e al trattamento curativo.”

 

 

Articolo precedenteGli effetti del calore sulla salute, un problema molto complesso: i consigli dell’OMS
Articolo successivoSaturno e Marte vicinissimi alla Terra: le immagini di Hubble
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui