Home Ginecologia L’importanza dell’allattamento al seno precoce, entro la prima ora di vita

L’importanza dell’allattamento al seno precoce, entro la prima ora di vita

243
0

Si stima che 78 milioni di bambini, tre su cinque, non siano allattati al seno entro la prima ora di vita, mettendoli a maggior rischio di morte e malattia e rendendoli meno propensi a continuare l’allattamento. La maggior parte di questi bambini nasce in paesi a basso e medio reddito. Questo in sostanza quanto riportato in un recente rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e di UNICEF.
Il documento rileva che i neonati che si allattano al seno nella prima ora di vita, hanno molte più probabilità di sopravvivere. Anche un ritardo di alcune ore dopo la nascita potrebbe comportare conseguenze pericolose per la vita. Il contatto pelle a pelle e l’allattamento al seno stimolano la produzione da parte della madre di latte materno, incluso il colostro, chiamato anche il “primo vaccino” del bambino, che è estremamente ricco di sostanze nutritive e anticorpi.

“Quando si parla di allattamento al seno, il tempismo è tutto. In molti paesi, può anche essere una questione di vita o di morte”, afferma Henrietta H. Fore, Direttore esecutivo dell’UNICEF. “Tuttavia, ogni anno, milioni di neonati perdono i benefici dell’allattamento al seno precoce e le ragioni, troppo spesso, sono cose che si possono cambiare. Le madri semplicemente non ricevono abbastanza sostegno per l’allattamento al seno entro quei cruciali minuti dopo la nascita, anche da parte del personale medico delle strutture sanitarie.”

adv

Il rapporto indica come i tassi di allattamento al seno entro la prima ora dopo la nascita sono più alti nell’Africa orientale e meridionale (65%) e più bassi nell’Asia orientale e nel Pacifico (32%). Quasi 9 su 10 bambini nati in Burundi, Sri Lanka e Vanuatu vengono allattati entro la prima ora. Al contrario, solo due su dieci bambini nati in Azerbaigian, Ciad e Montenegro lo fanno.

“L’allattamento al seno offre ai bambini il miglior inizio possibile nella vita”, afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Dobbiamo aumentare urgentemente il sostegno alle madri, che si tratti di familiari, operatori sanitari, datori di lavoro e governi, in modo che possano dare ai loro figli l’inizio che meritano”.

 

Capture the Moment”, che analizza i dati di 76 paesi, rileva che, nonostante l’importanza di iniziare presto l’allattamento al seno, troppi neonati vengono lasciati ad aspettare troppo a lungo per motivi diversi, tra cui:

  • Alimentazione con cibi o bevande neonatali: pratiche comuni, come il colostro scartato o operatori sanitari che danno al neonato un liquido specifico, come l’acqua zuccherata o il latte artificiale, ritardano il primo contatto critico del neonato con il o sua madre.
  • L’aumento delle sezioni C elettive: in Egitto, i tassi di taglio cesareo sono più che raddoppiati tra il 2005 e il 2014, passando dal 20% al 52%. Durante lo stesso periodo, i tassi di inizio precoce dell’allattamento al seno sono diminuiti dal 40% al 27%. Uno studio in 51 paesi ha rilevato che i tassi di inizio precoce sono significativamente più bassi tra i nati con taglio cesareo. In Egitto, solo il 19% dei bambini nati con taglio cesareo è stato allattato al seno nella prima ora dopo la nascita, rispetto al 39% dei bambini nati con parto naturale.
  • Lacune nella qualità dell’assistenza fornita a madri e neonati: la presenza di un assistente al parto qualificato non sembra influenzare i tassi di allattamento al seno precoce. In 58 paesi tra il 2005 e il 2017, le nascite presso le istituzioni sanitarie sono cresciute di 18 punti percentuali, mentre i tassi di inizio precoce sono aumentati di 6 punti percentuali. Molto spesso, i bambini vengono separati dalla madre immediatamente dopo la nascita e la guida degli operatori sanitari è limitata. In Serbia, i tassi sono aumentati di 43 punti percentuali dal 2010 al 2014 a causa degli sforzi per migliorare le cure delle madri alla nascita.

Studi precedenti, citati nel rapporto, mostrano che i neonati che hanno iniziato l’allattamento al seno tra le due e le 23 ore dopo la nascita avevano un rischio maggiore del 33% di morire rispetto a quelli che avevano iniziato l’allattamento al seno entro un’ora dalla nascita. Tra i neonati che hanno iniziato l’allattamento al seno un giorno o più dopo la nascita, il rischio era più del doppio.
Il rapporto sollecita governi, donatori e altri decisori ad adottare forti misure legali per limitare la commercializzazione di latte artificiale e altri sostituti del latte materno.

Il Global Breastfeeding Collective, guidato dall’OMS e dall’UNICEF, ha anche pubblicato la Global Breastfeeding Scorecard 2018, che tiene traccia dei progressi nelle politiche e nei programmi di allattamento al seno. In esso, incoraggiano i paesi a promuovere politiche e programmi che aiutino tutte le madri ad iniziare l’allattamento al seno nella prima ora di vita del loro bambino e a continuare fino a quando è possibile.

 

 

Articolo precedenteFibrillazione atriale: si trovano nel sangue le nuove strategie diagnostiche, prognostiche e terapeutiche?
Articolo successivoLa cometa Swift-Tuttle e le stelle cadenti di agosto
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui