Troppo sodio nella dieta, ma anche troppo poco, nuoce alla salute

Un nuovo studio mostra che per la grande maggioranza delle comunità il consumo di sodio non è associato ad un aumento dei rischi per la salute, tranne quelle il cui consumo medio supera 5 g / giorno (equivalente a 12,5 g di sale o 2 ½ cucchiaini). Le comunità con alti livelli medi di assunzione di sodio (oltre 5 g / giorno) sono state osservate principalmente in Cina. Solo circa il 15% delle comunità al di fuori della Cina supera questo livello di consumo.

Le linee guida dell’OMS raccomandano un approccio globale per ridurre l’apporto di sodio in tutte le popolazioni al di sotto di 2 g / giorno, ma questo non è stato raggiunto in nessun paese. Gli autori affermano che le strategie di riduzione del sodio dovrebbero invece essere indirizzare alle comunità in cui ci sono alti livelli di consumo di sodio (oltre 5 g / giorno).

I risultati provengono da un nuovo studio osservazionale condotto su oltre 90.000 persone in oltre 300 comunità, in 18 paesi, pubblicato su The Lancet.

“Nessun paese è riuscito a ridurre i livelli di consumo di sodio da moderato a molto basso (sotto 2g / giorno), e il nostro studio mostra che dovremmo essere molto più preoccupati di indirizzare le comunità e i paesi con un’alta assunzione di sodio medio, portandoli ad un consumo moderato (da 3 a 5 g / giorno)”, afferma il professor Andrew Mente, del Population Health Research Institute di Hamilton Health Sciences e McMaster University (Canada).

Consumo di sodio e rischio cardiovascolare: lo studio

Sono stati utilizzati nell’analisi i dati dello studio Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE), con 95.767 partecipanti di età compresa tra 35 e 70 anni, residenti in 369 comunità, in 18 paesi. Un campione di urina midstream a digiuno, al mattino, è stato raccolto da ogni partecipante ed è stato utilizzato per stimare il sodio urinario delle 24 ore e l’assunzione di potassio.

Il follow-up medio è stato di 8,1 anni, durante i quali sono morte 3.695 persone; 3.543 hanno avuto eventi cardiovascolari maggiori (1372 infarti miocardici, 1965 ictus, 343 insufficienza cardiaca, 914 decessi cardiovascolari).

L’analisi è stata condotta a livello di comunità: 255 comunità (tutte con oltre 100 partecipanti) per malattie cardiovascolari e mortalità e 369 (tutte con oltre 50 partecipanti) per la pressione sanguigna.

L’80% delle comunità in Cina ha un’assunzione media di sodio superiore a 5 g / giorno, mentre in altri paesi l’84% ha un’assunzione media di 3-5 g / giorno. Nessuna comunità nello studio aveva un’assunzione media di sodio inferiore a 3 g / die.

L’assunzione di sodio più alta si è associata ad un aumento della pressione sanguigna e ad un aumento dell’incidenza di ictus, ma l’associazione è stata riscontrata in comunità con un apporto molto elevato di sodio (principalmente in Cina) e non nelle altre. Una maggiore assunzione di sodio si è associata a tassi più bassi di infarto miocardico e mortalità totale.

Inoltre, in queste comunità le percentuali di ictus, morte cardiovascolare e mortalità totale diminuivano con l’aumentare dell’apporto di potassio. Le diete ricche di frutta e verdura sono ricche di potassio. Tuttavia, non è noto se il potassio stesso sia protettivo o se possa essere semplicemente un indicatore di una dieta sana.

I commenti degli autori

“Il nostro studio si aggiunge a prove crescenti che suggeriscono come un apporto moderato di sodio può avere un ruolo benefico nella salute cardiovascolare, ma un ruolo potenzialmente più dannoso quando l’assunzione è molto alta o molto bassa. Questa è la relazione che ci aspetteremmo tra qualsiasi nutriente e la salute. I nostri corpi hanno bisogno di nutrienti essenziali come il sodio. La domanda è: quanto? La raccomandazione di ridurre il consumo di sodio a 2 g / giorno si basa su studi a breve termine sull’assunzione di sodio e sulla pressione sanguigna. Mentre un basso apporto di sodio riduce la pressione sanguigna, a livelli molto bassi può avere anche altri effetti, tra cui aumenti anomali di alcuni ormoni, associati ad un aumento del rischio di morte e di malattie cardiovascolari”, aggiunge il professor Mente.

Il professor Martin O’Donnell, della McMaster University, coautore dello studio, aggiunge: “I nostri risultati supportano altre ricerche che raccomandano una dieta sana a tutto tondo, con un’enfasi su frutta e verdura, latticini, patate, noci e fagioli. Il consumo di sodio molto alto (superiore a 5 g / die) è dannoso, ma la quantità che viene consumata dalla maggior parte delle persone non sembra essere correlata ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari o morte.”

Sodio e rischio cardiovascolare: uno studio precedente

Questo nuovo studio segue un articolo pubblicato su The Lancet nel 2016, che utilizzava la stessa coorte, ma che aveva sviluppato analisi a livello individuale, piuttosto che in comunità. Rispetto all’assunzione moderata di sodio, lo studio aveva rilevato che un’elevata assunzione di sodio (superiore a 7 g / die) era associata ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e di mortalità nelle popolazioni con ipertensione arteriosa. La bassa assunzione di sodio (al di sotto di 3 g / die) era associata ad un aumento del rischio di eventi cardiovascolari e mortalità nelle persone con o senza ipertensione. Includendo le analisi a livello di comunità e il follow-up degli anni addizionali, il nuovo studio aggiunge ulteriori prove e approcci alla prevenzione per le comunità e i paesi.

 

Cover image volume 392, Issue 10145

 

Andrew Mente, et al. Urinary sodium excretion, blood pressure, cardiovascular disease, and mortality: a community-level prospective epidemiological cohort study. Lancet 2018; 392: 496–506.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 14 =