Risultato a sorpresa: gli integratori di vitamina D non sono efficaci nel prevenire le fratture

La supplementazione di vitamina D non previene fratture o cadute, nè migliora la densità minerale ossea negli adulti. Queste le conclusioni di una nuova meta-analisi di 81 studi randomizzati pubblicati sulla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology. Inoltre, lo studio non ha rilevato differenze negli effetti delle dosi più elevate rispetto a quelle inferiori della vitamina D.

Gli autori concludono che non vi è quindi alcuna giustificazione per utilizzare supplementi di vitamina D per mantenere o migliorare la salute muscolo-scheletrica. Le sole eccezioni sono la prevenzione di rare condizioni come il rachitismo e l’osteomalacia in gruppi ad alto rischio. Situazioni che possono verificarsi a causa di carenza di vitamina D, dopo una prolungata mancanza di esposizione al sole.

Le raccomandazioni sugli integratori di vitamina D

Gli integratori di vitamina D sono stati a lungo raccomandati alle persone anziane per trattare o prevenire l’osteoporosi, con alcune prove che suggeriscono benefici per la salute delle ossa. Tuttavia, recenti revisioni su larga scala non hanno riportato alcun effetto dell’integrazione di vitamina D sulla densità minerale ossea, le cadute o le fratture.

Gli autori affermano che le linee guida cliniche, che continuano a raccomandare la supplementazione di vitamina D per la salute delle ossa, dovrebbero essere modificate per riflettere le nuove e migliori evidenze disponibili.

“Dall’ultima importante rassegna di prove nel 2014, sono stati pubblicati oltre 30 studi randomizzati e controllati sulla vitamina D e sulla salute delle ossa, che hanno quasi raddoppiato la base di evidenze disponibili. La nostra meta-analisi rileva che la vitamina D non previene le fratture, le cadute o migliora la densità minerale ossea, a dosi elevate o basse. Le linee guida cliniche dovrebbero essere modificate per adeguarsi a questi risultati. Sulla base delle prove esistenti, riteniamo che ci sia poca giustificazione per ulteriori studi sugli integratori di vitamina D che esaminano gli esiti muscolo-scheletrici”, afferma l’autore principale Mark J Bolland, Università di Auckland, Nuova Zelanda.

Lo studio

Nello studio, gli autori hanno raggruppato i dati di 81 studi randomizzati controllati. La maggior parte ha studiato solo la vitamina D (cioè, non prescritta in combinazione con integratori di calcio). La maggior parte comprendeva donne di età superiore ai 65 anni (77% degli studi) che vivevano in comunità e che ricevevano dosi giornaliere di oltre 800 UI al giorno (68% degli studi).

Più della metà degli studi sono stati condotti su popolazioni con concentrazioni basali di 25-idrossivitamina D (25OHD) inferiore a 50 nmol/L (un valore soglia spesso considerato come indice di bassi livelli di vitamina D), ma solo il 6% sono stati effettuati in popolazioni con carenza di vitamina D (un valore basale di 25OHD inferiore a 25 nmol/L). La maggior parte degli studi (91%) ha riportato il raggiungimento di concentrazioni di 25OHD di 50 nmol/L o più e circa la metà ha riportato il raggiungimento di concentrazioni di 25OHD di 75 nmol/L o più.

Non vi è stato alcun effetto clinicamente significativo dell’integrazione di vitamina D sul totale delle fratture, sulla frattura dell’anca o sulle cadute.

Nelle analisi secondarie relative alla densità ossea, vi erano piccole differenze per la colonna lombare, il collo del femore e il corpo totale, ma nessuno di questi era clinicamente rilevante. Inoltre, gli autori hanno condotto oltre 60 analisi di sottogruppi per verificare i loro risultati.

Gli autori osservano che i dati sono stati raccolti in modo diverso per le cadute in diversi studi, e che questo potrebbe influenzare i risultati dello studio. Inoltre, notano che studi più piccoli, di durata più breve, tendevano a trovare più forti effetti della vitamina D rispetto a studi più ampi, di durata più lunga.

A causa del numero limitato di studi con 25OHD al basale inferiore a 25 nmol/L (totale di 831 partecipanti), potrebbero essere necessarie ulteriori ricerche sull’effetto dell’integrazione con vitamina D a questi livelli.

Il commento editoriale

Scrivendo un commento collegato, J. Chris Gallagher, Creighton University Medical Center, Omaha, USA, afferma: “Il contesto di questa analisi sta nel fatto che molti pazienti (e medici) sono stati persuasi da vari studi e social media che la vitamina D è un toccasana.

Questo pensiero ricorda il fervore che sosteneva l’uso diffuso di vitamina A, vitamina C e vitamina E anni fa, e tutte quelle evidenze successivamente si sono rivelate clinicamente negative …

Ci sono ancora domande senza risposta perché il 70% dei gruppi di trattamento giornalieri erano di dosi di 1.000 UI al giorno o meno, e le concentrazioni di 25OHD sieriche probabilmente non raggiungevano il range di interesse … Gli autori dovrebbero essere complimentati su una importante analisi aggiornata sulla salute muscolo-scheletrica, ma già posso sentire i ferventi sostenitori benefici extra-scheletrici della vitamina D.

Entro 3 anni, potremmo avere quella risposta perché ci sono circa 100.000 partecipanti attualmente arruolati in studi randomizzati, controllati con placebo, di supplementazione di vitamina D. Non vedo l’ora che questi studi dicano l’ultima parola sulla vitamina D.”

 

 

Mark J Bolland, Andrew Grey, Alison Avenell. Effects of vitamin D supplementation on musculoskeletal health: a systematic review, meta-analysis, and trial sequential analysis. Lancet Diabetes Endocrinol 2018, Published Online October 4, 2018.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =