Home Geriatria Superagers: gli ottantenni con una memoria da cinquantenni

Superagers: gli ottantenni con una memoria da cinquantenni

888
0

Le persone di ottant’anni che possono ricordare eventi quotidiani ed esperienze di vita, così come qualcuno di 20-30 anni più giovane – noti come superagers – hanno maggiori probabilità di avere una più elevata velocità di movimento. Questa popolazione sembra avere tassi più bassi di ansia e depressione. Questi rilievi sono il frutto di uno studio pubblicato recentemente sulla rivista The Lancet Healthy Longevity.

Superagers e superinvecchiamento

La funzione della memoria della maggior parte delle persone diminuisce gradualmente con l’avanzare dell’età; tuttavia, i superagers sembrano essere in grado di evitare questo deterioramento legato all’età.

La prima autrice di questo nuovo studio, Marta Garo-Pascual, del Queen Sofia Foundation Alzheimer Centre, Madrid, ha dichiarato: «Ora siamo più vicini a risolvere una delle più grandi domande senza risposta sui superagers: se sono veramente resistenti al declino della memoria legato all’età o se hanno capacità di far fronte meccanismi che li aiutino a superare questo declino meglio dei loro coetanei. I nostri risultati suggeriscono che i superager sono resistenti a questi processi, anche se le ragioni precise di ciò non sono ancora chiare. Esaminando ulteriormente i collegamenti tra superinvecchiamento e velocità di movimento, potremmo essere in grado di ottenere importanti informazioni sui meccanismi alla base della conservazione della funzione della memoria in profondità nella vecchiaia».

I fattori che aiutano a preservare la memoria in età avanzata

Mentre le precedenti ricerche avevano trovato differenze nella struttura del cervello e in alcuni fattori dello stile di vita – come connessioni sociali più forti – tra i superager, rispetto ai tipici adulti più anziani, la maggior parte degli studi aveva campioni di piccole dimensioni e non ha monitorato i cambiamenti nel tempo.

Di conseguenza, al momento manca una comprensione approfondita dei fattori demografici, dello stile di vita o clinici che aiutano a preservare la funzione della memoria in età avanzata.

Per aiutare a colmare queste lacune di conoscenza, è stata condotta una delle più grandi analisi sui superager mai eseguita fino ad oggi. Superagers e tipici anziani sono stati scoperti all’interno di un progetto in corso disegnato per aiutare a identificare i primi indicatori della malattia di Alzheimer. La coorte del Progetto Vallecas a Madrid è composta da persone di età compresa tra 69 e 86 anni, senza disturbi neurologici o psichiatrici gravi. Dei 1.213 partecipanti della coorte, reclutati tra il 2011 e il 2014, sono stati identificati e inclusi nel nuovo studio 64 superager e 55 adulti anziani tipici, che si comportavano bene in diversi compiti cognitivi ma non mostravano capacità di memoria come i superager.

I superager e gli anziani tipici sono stati identificati in base alle loro prestazioni nel Free and Cued Selective Reminding Test (FCSRT), che viene utilizzato per valutare la funzione di memoria delle persone.

Come avere 30 anni di meno

I superagers hanno fatto almeno quanto la persona media di circa 30 anni più giovane con lo stesso livello di istruzione. gli adulti più anziani si sono comportati entro un intervallo normale per la loro età e istruzione. Tutti i tipici superager e gli anziani normali avevano 79,5 anni o più. La maggior parte dei superager erano donne (59%), così come la maggior parte degli adulti più anziani (64%).

I partecipanti hanno avuto fino a sei visite annuali di follow-up, durante le quali sono stati registrati i fattori demografici e di stile di vita. I partecipanti sono stati anche sottoposti a scansioni MRI per misurare il volume della materia grigia e hanno completato una serie di test clinici.

Sono stati prelevati campioni di sangue per lo screening dei biomarcatori per la malattia neurodegenerativa e un fattore di rischio genetico chiave per il morbo di Alzheimer. Per identificare i fattori associati ai superager è stato utilizzato un modello di computer di apprendimento automatico che comprendeva 89 predittori demografici, di stile di vita e clinici.

Una maggiore velocità di movimento e una migliore salute mentale

In linea con studi precedenti, le scansioni MRI hanno mostrato che i superager avevano più materia grigia – tessuto vitale per la normale funzione cerebrale – nelle aree cerebrali chiave coinvolte nella memoria e anche in una parte del cervello coinvolta nel movimento.

Anche il livello complessivo di materia grigia dei superagers nelle aree chiave è degenerato più lentamente nell’arco di cinque anni rispetto ai tipici adulti più anziani.

Utilizzando il modello del computer di apprendimento automatico, gli autori hanno scoperto che una maggiore velocità di movimento e una migliore salute mentale erano i fattori più spesso associati ai superager. Questi, hanno anche ottenuto risultati migliori nel Timed Up and Go Test – che misura la mobilità delle persone – e in un test di tocco delle dita, che misura la funzione motoria fine, indicando che avvevano mobilità, agilità ed equilibrio migliori rispetto ai tipici adulti più anziani. Questa osservazione è stata fatta nonostante nessuna differenza nei livelli di esercizio auto-riportati tra superagers e adulti più anziani tipici.

Nei test clinici per misurare i livelli di ansia e depressione, i superager hanno ottenuto punteggi inferiori, rispetto ai tipici adulti più anziani. Precedenti ricerche suggeriscono che la depressione e l’ansia possono compromettere le prestazioni nei test di memoria in persone di tutte le età e sono fattori di rischio per lo sviluppo della demenza.

Pressione sanguigna e dei livelli di obesità

L’autore senior, il dott. Bryan Strange, dell’Universidad Politécnica de Madrid, ha dichiarato: «Sebbene i superager riferiscano livelli di attività simili a quelli delle persone anziane tipiche, è possibile che svolgano attività più impegnative dal punto di vista fisico come il giardinaggio o il salire le scale. Dall’abbassamento della pressione sanguigna e dei livelli di obesità all’aumento del flusso sanguigno al cervello, ci sono molti vantaggi diretti e indiretti dell’essere fisicamente attivi che possono contribuire a migliorare le capacità cognitive in età avanzata. Abbiamo dimostrato in precedenza che quando i giovani adulti fanno movimenti mentre guardano le immagini, è più probabile che si muovano per ricordare in seguito l’immagine piuttosto che quando non si muovono. È anche possibile che avere una migliore salute del cervello possa essere ciò che è responsabile per i superager che hanno una maggiore velocità di movimento. Ulteriori ricerche in queste aree potrebbero alla fine rivelare modi per aiutare a preservare la funzione della memoria nelle persone più anziane. Ciò che abbiamo scoperto, tuttavia, è che esiste una sovrapposizione tra i fattori di rischio o protettivi per la demenza e quelli associati al superinvecchiamento (come la pressione sanguigna, il controllo del glucosio e la salute mentale). Ciò solleva la possibilità che alcuni presunti fattori di rischio per la demenza stiano, di fatto, contribuendo al declino correlato all’età dell’attività cerebrale correlata alla memoria che potrebbe agire in parallelo o in modo additivo con la fisiopatologia della demenza per amplificare il deterioramento della memoria».

Una maggiore indipendenza nella vita quotidiana

Sono state osservate anche altre differenze auto-riportate, tra cui il fatto che gli stili di vita dei superager nella mezza età erano generalmente più attivi, erano soddisfatti della durata del sonno ed erano più propensi ad avere un background musicale – sia insegnato che amatoriale – rispetto ai tipici adulti più anziani. I superager hanno anche dimostrato una maggiore indipendenza nella loro vita quotidiana e hanno ottenuto punteggi più alti nei test di intelligenza.

L’analisi del campione di sangue ha indicato che i superager hanno livelli più bassi di biomarcatori per la neurodegenerazione rispetto ai tipici adulti più anziani. Inoltre, non sono state riscontrate differenze tra loro in base alla presenza di un importante fattore di rischio genetico per l’Alzheimer, chiamato APOE e4.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni al loro studio. Come con qualsiasi studio osservazionale, non è possibile dire se i fattori riportati abbiano un effetto diretto sul superinvecchiamento. Nonostante l’utilizzo di 89 variabili, il modello di apprendimento automatico è stato in grado di distinguere i superager dai tipici adulti più anziani solo circa il 66% delle volte, indicando che fattori aggiuntivi, forse genetici, sono collegati al superageing. Ulteriori ricerche sulla sovrapposizione tra legami genetici con il superinvecchiamento e geni associati a movimenti muscolari veloci tra gli anziani potrebbero aiutare a restringere la ricerca.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui