Home Ginecologia Tagli cesarei in continuo aumento, espongono a gravi rischi donne e bambini

Tagli cesarei in continuo aumento, espongono a gravi rischi donne e bambini

369
0
A7N8X

A livello globale, il numero di bambini nati con taglio cesareo è quasi raddoppiato tra il 2000 e il 2015, passando dal 12% al 21% di tutti i parti. Sono questi gli allarmanti risultati di una serie di tre articoli pubblicati su The Lancet e presentati al Congresso mondiale di Ginecologia e Ostetricia, in Brasile. Mentre questa chirurgia salvavita non è ancora disponibile per molte donne e bambini nei paesi e nelle regioni a basso reddito, la procedura è sovrautilizzata in molti contesti a medio e alto reddito.

Il taglio cesareo

Il taglio cesareo è un intervento salvavita per donne e neonati quando si verificano complicazioni, come sanguinamento, sofferenza fetale, malattia ipertensiva e bambini in posizione anormale. Ma l’intervento chirurgico non è privo di rischi per la madre e il bambino ed è associato a complicazioni per le future nascite.

adv

Si stima che il 10-15% delle nascite richieda un taglio cesareo a causa di complicanze, suggerendo che il ricorso a questo intervento dovrebbe essere compreso tra questi livelli.

L’eccesso di interventi

Tuttavia, gli autori della serie di articoli, stimano che più di un paese su quattro nel 2015 ha avuto livelli più bassi (28%, 47/169 paesi), mentre la maggior parte dei paesi ha utilizzato il taglio cesareo al di sopra del livello raccomandato (63%, 106/169 paesi). In almeno 15 paesi l’uso del taglio cesareo supera il 40%.

“La gravidanza e il travaglio sono normali processi, che si verificano in modo sicuro nella maggior parte dei casi. I grandi aumenti nell’uso del taglio cesareo – per lo più in ambienti più ricchi per scopi non medici – sono preoccupanti a causa dei rischi associati per donne e bambini. I tagli cesarei possono creare complicazioni ed effetti collaterali per madri e bambini, e chiediamo a operatori sanitari, ospedali, finanziatori, donne e famiglie di intervenire in questo modo solo quando è richiesto dal punto di vista medico”, afferma la dott.ssa Marleen Temmerman, Aga Khan Università, Kenya e Ghent University, Belgio. “Nei casi in cui si verificano complicazioni, i tagli cesarei salvano vite e dobbiamo aumentare l’accessibilità nelle regioni più povere, rendendo questi interventi universalmente disponibili, ma non dovremmo sfruttarli eccessivamente.”

Disparità nell’uso dei tagli cesarei a livello globale

Gli articoli tengono traccia delle tendenze nell’utilizzo dei tagli cesarei a livello globale, sulla base di dati provenienti da 169 paesi dai database dell’OMS e dell’UNICEF. A livello globale, l’uso del taglio cesareo è aumentato del 3,7% ogni anno tra il 2000-2015 – passando dal 12% dei nati vivi (16 milioni di 131,9 milioni) nel 2000 al 21% dei nati vivi (29,7 milioni di 140,6 milioni) nel 2015.

Tuttavia, il ritmo del cambiamento variava sostanzialmente tra le regioni. La regione dell’Asia meridionale ha visto il più rapido aumento dell’uso (6,1% annuo), con il taglio cesareo sottoutilizzato nel 2000 ma sovrautilizzato entro il 2015 (passando dal 7,2% al 18,1% delle nascite). Tuttavia, i miglioramenti sono stati lenti nell’Africa subsahariana (circa il 2% annuo), dove l’uso del taglio cesareo è rimasto basso (passando dal 3% al 4,1% delle nascite nell’Africa occidentale e centrale e dal 4,6% al 6,2% nell’Africa orientale e meridionale).

Il taglio cesareo continua ad essere sovrautilizzato in Nord America, Europa occidentale, America Latina e Caraibi, dove i tassi sono aumentati di circa il 2% all’anno tra il 2000-2015. Il ricorso ai cesarei è aumentato dal 24,3% al 32% tra il 2000-2015 in Nord America, dal 19,6% al 26,9% in Europa occidentale e dal 32,3% al 44,3% in America Latina e nei Caraibi.

In Italia i tagli cesarei sono passati dall’11,2% del 1980 al 35,3% del 2015.

Gli autori hanno scoperto che gli aumenti globali nell’uso del taglio cesareo sono attribuiti sia a più nascite che si verificano negli istituti sanitari (circa due terzi dell’aumento), sia a una maggiore frequenza di intervento nelle strutture sanitarie (un terzo di l’aumento).

Brasile e Cina tra i grandi utilizzatori

Guardando le tendenze in Brasile e Cina, dove c’è un uso elevato del taglio cesareo, gli autori hanno scoperto che la maggior parte dei tagli cesarei erano in gravidanze a basso rischio e in donne che avevano precedentemente avuto un taglio cesareo. In Brasile, sono stati osservati livelli particolarmente alti di utilizzo di questo intervento nelle donne che avevano ricevuto un’istruzione elevata, rispetto alle donne meno istruite (54,4% delle nascite rispetto al 19,4%).

Nei 10 paesi con il più alto numero di nascite nel 2010-2015, ci sono state grandi differenze nell’uso del taglio cesareo tra le regioni. Le differenze tra le province in Cina, ad esempio, variavano dal 4% al 62% e le differenze tra stati in India variava dal 7% al 49%.

Gli Stati Uniti, il Bangladesh e il Brasile hanno riportato l’uso del taglio cesareo in oltre il 25% delle nascite a livello nazionale, ma alcune regioni all’interno di questi paesi lo hanno utilizzato circa il doppio rispetto ad altri.

Rapporto tra livelli di reddito e taglio cesareo

C’erano anche notevoli disparità tra i paesi a basso e medio reddito, dove le donne più ricche avevano sei volte più probabilità di avere un taglio cesareo rispetto alle donne più povere, e dove il taglio cesareo era 1,6 volte più comune nelle strutture private rispetto a quelle pubbliche. Gli autori suggeriscono che ciò potrebbe essere spiegato da problemi persistenti, con carenza di strutture sanitarie e personale nelle popolazioni vulnerabili e rurali.

Benefici e svantaggi

Il taglio cesareo migliora la sopravvivenza materna, neonatale e infantile in caso di complicanze e può anche ridurre il rischio di incontinenza e prolasso. Tuttavia, vi sono rischi a breve e a lungo termine associati a questo intervento, per madri e bambini, e non ci sono benefici nei casi senza una reale indicazione medica. In questi casi, donne e bambini possono essere danneggiati o muoiono a causa della procedura, specialmente quando non ci sono strutture, capacità e assistenza sanitaria sufficienti.

La morte materna e la disabilità sono più alte dopo il taglio cesareo rispetto alla nascita vaginale. In particolare, il taglio cesareo comporta un recupero più complicato per la madre e a cicatrici dell’utero, che sono associate, nelle gravidanze successive, a sanguinamento, sviluppo anormale della placenta, gravidanza ectopica, parto prematuro e parto prematuro.

Gli autori sostengono che è importante notare che si tratta di piccoli ma gravi rischi, ma ognuno di questi rischi aumenta man mano che una donna ha più cesarei. Ci sono prove emergenti che i bambini nati attraverso taglio cesareo hanno diverse esposizioni ormonali, fisiche, batteriche e mediche durante la nascita, che possono alterare la loro salute.

Mentre i rischi a lungo termine di questo non sono ben studiati, gli effetti a breve termine includono cambiamenti nello sviluppo immunitario che possono aumentare il rischio di allergie e asma e alterare i batteri nell’intestino.

Salvaguardia della salute di donne e bambini

“Dato il crescente uso del taglio cesareo, in particolare nei casi che non sono richiesti dal punto di vista medico, è fondamentale comprendere gli effetti sulla salute di donne e bambini. Una maggiore comprensione di ciò è importante per aiutare a informare il processo decisionale da parte di famiglie, medici e responsabili politici. La sezione cesareo è un tipo di chirurgia maggiore, che comporta rischi che richiedono un’attenta considerazione. L’uso crescente dei tagli cesarei per scopi non medici potrebbe introdurre complicazioni evitabili, e noi sosteniamo che il taglio cesareo dovrebbe essere usato solo quando è richiesta dal punto di vista medico. “Afferma la professoressa Jane Sandall, King’s College di Londra, Regno Unito.

Affrontare l’uso eccessivo del taglio cesareo

I motivi comuni per cui le donne richiedono il taglio cesareo includono precedenti esperienze negative di parto vaginale, o paura del dolore al parto o degli effetti del travaglio quali il danno al pavimento pelvico, incontinenza urinaria, ridotta qualità del funzionamento sessuale. Per risolvere questo problema, gli autori raccomandano ulteriori ricerche per studiare la formazione sul rilassamento, i laboratori di formazione al parto, le conferenze e le brochure educative e incontrare gli operatori sanitari per promuovere relazioni di supporto, collaborazione e rispetto. Per gli operatori sanitari, un miglioramento dell’istruzione, delle linee guida e della comunicazione possono anche essere utili per affrontare influenze dei pazienti, come le richieste delle donne, la convenienza, gli incentivi finanziari e il timore del contenzioso.

In particolare, in alcune regioni il taglio cesareo è considerato protettivo e i medici hanno meno probabilità di essere citati in giudizio in caso di complicanze, rispetto al parto vaginale.

Gli autori avvertono che in molte situazioni i giovani medici stanno diventando esperti nel taglio cesareo, mentre perdono la fiducia nelle loro capacità di assistere alla nascita vaginale.

“Sebbene vi sia un consenso quasi universale sul fatto che l’utilizzo del taglio cesareo sia aumentato oltre il livello ragionevole di necessità in molti paesi, gli interventi efficaci per ottimizzare l’uso si sono rivelati elusivi. Gli interventi dovrebbero riconoscere precedenti esperienze di nascita, considerare gli effetti sulla salute del taglio cesareo e fornire supporto emotivo. Gli interventi dovrebbero fornire un senso di empowerment per le donne e richiederanno conversazioni con professionisti della salute, policymaker e gruppi di pressione, per influenzare la discussione sulla cura della maternità”, afferma Ana Pilar Betran, Organizzazione Mondiale della Sanità, Svizzera.

Il nuovo position paper

The Lancet ha anche pubblicato un nuovo position paper della International Federation of Gynecology and Obstetrics (FIGO): Come fermare l’epidemia di taglio cesareo. Questo commento collegato propone sei raccomandazioni per ridurre sezioni cesare non necessarie, tra cui informare le donne sui benefici e sui rischi dei cesarei, abbinare i costi per cesareo e parto vaginale negli ospedali pubblici e privati ​​e garantire che gli ospedali pubblichino le aliquote annuali dei tagli cesarei.

Il professore emerito Gerard Visser e il presidente del FIGO’s Committee Motherhood and Newborn Health, scrivono: “In tutto il mondo c’è un allarmante aumento dei tassi di taglio cesareo. La professione medica da sola non può invertire questa tendenza. Azioni congiunte con enti governativi, l’industria dell’assicurazione sanitaria e gruppi di donne sono urgentemente necessari per fermare l’utilizzo non necessario del taglio cesareo e consentire alle donne e alle famiglie di essere sicuri di ricevere le cure ostetriche più appropriate per le loro circostanze individuali.”

 

 

Ties Boerma, et al. Global epidemiology of use of and disparities in caesarean sections. The Lancet, VOLUME 392, ISSUE 10155, P1341-1348, OCTOBER 13, 2018.

 

 

Articolo precedenteMalattia di Alzheimer: la prevenzione inizia in adolescenza
Articolo successivoL’auto elettrica di Renault, sempre più connessa, autonoma e ad un prezzo accessibile
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui