I detriti spaziali intorno alla terra, illuminati con un laser

Ci sono molti detriti spaziali che galleggiano attorno al nostro pianeta. Giù sulla Terra, li notiamo a malapena. Per sensibilizzare sull’argomento, l’artista olandese Daan Roosegaarde ha creato il suo Space Waste Lab, tra cui una spettacolare installazione di luce laser, in mostra al KAF di Almere.

Illuminare i detriti spaziali dalla terra

Quando guardi il cielo, le probabilità di individuare eventuali detriti spaziali sono trascurabili, ma a dicembre 2017, è stato possibile sul Maasvlakte nella città olandese di Rotterdam.

Lì, su una remota spiaggia sabbiosa, l’artista olandese Daan Roosegaarde ha testato il suo nuovo progetto artistico: Space Waste Lab. Puntando potenti colonne di luce verso il cielo, Roosegaarde crea una freccia di luce che punta direttamente sui detriti spaziali.

“Era uno spettacolo molto speciale da vedere”, dice l’ingegnere dell’ESA Michel van Pelt, che ha consigliato il progetto. Il suo coinvolgimento era iniziato due anni prima durante l’Open Day dell’ESA presso il suo centro di test ESTEC a Noordwijk.

“Un membro dello Studio Roosegaarde ha visitato il nostro stand Clean Space. A quel tempo, lo studio stava lavorando allo Smog Free Project, mirando a ridurre l’inquinamento atmosferico. Daan vede i detriti spaziali come “lo smog dell’Universo”.”

Detriti attorno alla Terra

Il team di Clean Space dell’ESA comprende esperti leader nel campo dei detriti spaziali. Uno dei progetti su cui sta lavorando il team, e.Deorbit, è una missione per catturare e sbarazzarsi di un satellite europeo di proprietà dell’ESA abbandonato.

Ci sono circa 29 000 oggetti di più di dieci centimetri di diametro ora in orbita attorno alla Terra, che rappresentano un pericolo per i satelliti funzionanti e la Stazione Spaziale Internazionale. “Oggetti molto grandi e solidi, come parti di razzi, possono anche colpire il suolo dopo essere rientrati nell’atmosfera”, aggiunge Van Pelt.

“In un dato momento, dieci grandi pezzi di detriti spaziali delle dimensioni di un satellite o di uno stadio missilistico galleggiano proprio sopra la tua testa”, spiega Van Pelt. L’artista Daan Roosegaarde vuole dare a questi oggetti un volto con il suo Space Waste Lab.

Tracciare i detriti

Durante quattro fine settimana, la piazza Esplanade ad Almere ha ospitato un’esibizione dal vivo, in cui colonne luminose hanno puntato verso oggetti che volano in alto. “Ciò che rende uniche le performance dal vivo è che gli oggetti stanno davvero sorvolando nel momento in cui vengono mostrati”, afferma Van Pelt. “Il sistema utilizza i dati forniti dai servizi di monitoraggio che tengono d’occhio i detriti spaziali.”

La Kunstlinie Almere Flevoland (KAF) ospiterà anche una mostra al coperto. Una proiezione video utilizzerà i dati dei detriti per mostrare i detriti che sorvolano Almere, mentre un altro mostrerà l’alone di detriti complessivo della Terra dallo spazio.

L’esposizione al coperto mostrerà anche artefatti forniti dall’ESA, tra cui piastre di prova che simulano un attacco di detriti alla velocità di 7 km/secondo e parte di un pannello solare dal Telescopio Spaziale Hubble con buchi da detriti.

“Stiamo anche mostrando il serbatoio del carburante in titanio del palco superiore di un razzo Vega”, aggiunge Van Pelt.

“Quando carri armati di questo tipo rientrano nella nostra atmosfera dopo il lancio, non sempre bruciano completamente e possono schiantarsi sulla Terra. Per ridurre i rischi per le persone che vivono sulla Terra, l’organizzazione di lancio Arianespace riporta i livelli superiori di Vega indietro in modo controllato, per far sì che cadano in un’area designata nell’oceano, dove non possono fare del male a nessuno “.

Un laboratorio vivente

L’obiettivo di Space Waste Lab è quello di creare un “laboratorio vivente”, in cui il pubblico non solo impari a conoscere i detriti spaziali, ma possa anche agire come una potenziale fonte di creatività. Anche l’astronauta olandese dell’ESA André Kuipers consigliò Daan Roosegaarde, insieme alle fonti della NASA. “Sono un forte sostenitore della cooperazione tra tecnologi e artisti”, afferma Franco Ongaro, Direttore Tecnico, Ingegneria e Qualità dell’ESA. “Crediamo in ciò che facciamo come servizio alla società, ma spesso non siamo in grado di comunicare il suo valore in modo sufficientemente efficace. Gli artisti non comunicano solo visione e sentimenti al pubblico, ma ci aiutano a scoprire aspetti del nostro lavoro che spesso non siamo in grado di percepire “.

“Questa cooperazione è tanto più importante quando si tratta di problemi come i detriti spaziali, che potrebbero un giorno avere un impatto sul nostro futuro e sulla nostra capacità di trarre il massimo beneficio dallo spazio. Dobbiamo parlare in modi diversi, per trasmettere non solo l’aspetto tecnologico asciutto della tecnologia, ma le emozioni coinvolte nella lotta per preservare questo ambiente per le generazioni future”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =